A.Verde….Benedetta tu tra le donne…

by

“Donna tu sei, Maria , ma “benedetta Tu sei fra le donne”. L’eco delle parole di Elisabetta si perpetua nei secoli.

Tu che in terra fosti l’umile ancella, eri nella mente di Dio prima ancora che la sua mano si levasse nel disegno meraviglioso della creazione.

Prima vi era il nulla, poi tutto fu. Il sole illuminò il giorno, la luna rischiarò la notte, le stelle l’avvolsero in un fantastico mantello. Le acque bagnarono la terra, la brezza carezzò le piante, le montagne possenti si levarono nel cielo a glorificare Dio. Poi l’uomo popolò la terra, la irrigò di dolore e sangue, strisciò al suolo come rettile senza sollevare le pupille in cerca del sole. Eppure il sole lo avvolgeva.

Ma Dio, prima dell’uomo e per l’uomo, aveva creato la Speranza.

Come ogni essere che viene alla luce ha una speranza di sopravvivenza nella madre che lo precede cronologicamente, che provvede con la ragione o con l’istinto alle necessità della sua esistenza, così l’umanità ha in Te, Madre di Cristo, la Speranza della vita eterna.

Benedetta sei fra le madri, perché Madre di Dio, Madre dell’umanità che per Te è rinata alla vita.

La Tua verginità fu feconda del Frutto della salute.

Benedetta tu fra le figlie, perché, figlia prediletta di Dio, candida sin dal primo alito di vita, Suo capolavoro, Ti rivestì di tutte le grazie. La Tua umiltà è piedistallo alla Tua gloria.

Benedetta sei fra le spose, perché Colui che ti creò riposò sul Tuo Tabernacolo.

Benedetta Tu che per amore fosti assunta in Cielo. E gli astri che ti circondavano nella gloriosa ascesa erano pallide fiammelle accanto al Tuo splendore.

Alta più di ogni creatura, nulla potrà mai raggiungerti, ma dal Tuo trono celeste sorridi all’umanità e alimenti le speranze dei peccatori.

Ti hanno benedetta col marmo prezioso che in amoroso abbraccio imprigiona [a Loreto] la tua piccola Casa di Nazareth. Chi cercò la Tua effigie nell’arte, chi ti levò templi, chi ti adornò di piccoli tributi di amore.

Fulgido Sole che dissolvi le tenebre, non abbagli i nostri sguardi, ma li illumini e li esalti, ché la Tua veste è carità.

Donna Tu sei, Maria, ma benedetta sei fra le donne perché tutto in Te è supremo miracolo di amore”

A. Verde (da “Madre di Dio”, n. 5 /1958, p.5).

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: