S. Teresa d’Avila. G. Matino, Il sicuro sussurro

di

Da Atti 2, 21E avverrà:

chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato.

«Oh, nostro Sovrano, voi che siete la potenza infinita, la bontà suprema, la sapienza stessa, che non avete principio né i ne, le cui opere non hanno limite, infinite come sono e incomprensibili, voi che siete un oceano senza fondo di meraviglie, una bellezza che in sé racchiude ogni bellezza, voi, la forza stessa! Oh, mio Dio, se in questo momento potessi avere unite insieme tutta l’eloquenza e tutta la sapienza degli uomini per riuscire a spiegare bene – come si può farlo quaggiù, dove tutta la nostra scienza è ignoranza assoluta a questo riguardo – qualcuna delle molte perfezioni che possiamo considerare per farci un’idea di quello che è questo nostro Signore e nostro bene!»

S. Teresa d’Avila, Sul Padre Nostro, C 22,6

Ho detto a Dio: «Sei tu il mio Signore, senza di te non ho alcun bene» (Sal 16,2). Amore che tutto crei, in te anch’io vivo, luce ai miei occhi per guardare la storia e comprenderne il sentiero, senza di te non ho alcun bene, non c’è speranza lontano dal tuo sguardo. Le parole sfuggono il significato quando dovrebbero raccogliere la sfida nel cantare la mia gratitudine, le lettere non riescono a disegnare la commozione stupefatta per sentirmi parte di Te. Al mattino ti cerco e so di poterti trovare al mio fianco a sorreggere il mio passo vacillante, a sostenere la mia stessa quotidiana lotta. Al tramonto resti al mio fianco compagno della mia sorte, speranza di ogni mia speranza. Tu, mio Dio di me ti prendi cura, di me ti dai pensiero. Preziosissima parola “cura” che scioglie sentieri di protezione, acchiappa carezze di compassione, rinforza sacri patti, ricorda che cura è sempre solo del tuo Amore. Sì, avere cura è il prodigioso verbo che sigilla ogni amore e in ogni amore vero il Tuo, Amore che rende evidente ogni amore, amore che inneggia il canto meraviglioso dell’Amore. E mentre tutto intorno muove a cercare il punto di gravità necessario all’armonia del tutto, dentro il mio cuore sicuro sussurra la Tua voce: «Sono io». Potente voce che rende possibile l’assurdo di ogni debolezza trasformata in forza, di ogni fragilità trasformata in straordinaria opportunità.

G. Matino, Buongiorno vita, pubblicato in Avvenire di oggi

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 568 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: