Vangelo del giorno dalle letture della Messa (Sabato 28 Luglio 2012) con commento comunitario

by

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 13,24-30)

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo:

«Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania.

Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: “Signore, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene la zizzania?”. Ed egli rispose loro: “Un nemico ha fatto questo!”.

E i servi gli dissero: “Vuoi che andiamo a raccoglierla?”. “No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Raccogliete prima la zizzania e legatela in fasci per bruciarla; il grano invece riponételo nel mio granaio”».

3 Risposte to “Vangelo del giorno dalle letture della Messa (Sabato 28 Luglio 2012) con commento comunitario”

  1. d. giampaolo centofanti Says:

    Oggi il vangelo ci suggerisce, tra l’altro, di soffermarci più attentamente sulle realtà ultime della nostra vita.Il Signore ci rivela che, se lo vogliamo, ci attende un’eternità di felicità sconfinata, come non possiamo neanche lontanamente immaginare.Sono promesse che, se cresciamo nella fede, possono profondamente cambiare il nostro sguardo sulla vita.Io sarò felice, in pace, per sempre vicino a Dio e a tante persone tutte liberate, come me, dai loro limiti (anche questo significa la zizzania gettata via dopo la mietitura), in una comunicazione tra tutti libera, bella, profonda.Sarà un’avventura sempre nuova, piena di sorprese, di scoperte, perché saremo felici, sazi, ed in ogni istante Dio ci allargherà il cuore per farci oltre il possibile ancora più felici.Talora pensiamo al paradiso come la pace eterna ma anche, sotto sotto, la noia eterna: che faremo lì tutto il tempo noi e Dio nostro Padre, pur tanto buono? Ma crescendo nella fede anche qui sulla terra possiamo iniziare a sperimentare, nella fede, che Dio è molto misterioso ed è capace di riempirci il cuore in modo nuovo come prima non immaginavamo e così possiamo cominciare ad intuire, a credere sempre più profondamente, che solo lui può portarci gradualmente verso la pienezza della felicità.

  2. Kibsa Lin Wangre Says:

    Gesù conclude il Suo discorso nel il vangelo di oggi con:”No rispose,perché non succeda che,…raccogliete prima la zizzania e legatela in fasci per bruciarla;il grano invece riponetelo nel mio
    granaio”.
    E’ così che il Dio vivente è buono e misericordioso con noi su questa terra;Egli permette sino a l’ultimo momento perché il peccatore possa pentirsi e tornare alla vita nuova.
    Signore veglia sulla Tua Chiesa e non permettere che il ladro venga seminare la zizzania.
    Grazie Signore per queste parole.

  3. Marco Ascenzi Says:

    Penso che dovremmo vivere sempre in compagnia della zizzania, perchè altrimenti come potremmo crescere e farsi realmente simili a Dio. Certo le tentazioni sono sempre all’ordine del giorno e nello stesso tempo fastidiose da sopportare e combattere, perchè intralciano il nostro cammino, rallentandolo e a volte rendendolo quasi difficile da riprendere, ma con l’aiuto della preghiera e di un deciso no, tutto sembra rimettersi a posto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: