Vangelo (Lc 21,29-33) del giorno dalle letture della Messa (Venerdì 28 Novembre 2014) con commento comunitario

by

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 21,29-33)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: “Guardate il fico e tutte le piante; quando già germogliano, guardandoli capite da voi stessi che ormai l’estate è vicina. Così pure, quando voi vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino. In verità vi dico: non passerà questa generazione finché tutto ciò sia avvenuto. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno”.

Questo è il Vangelo del 28 Novembre, quello del 27 Novembre lo potete trovare qualche post più sotto

4 Risposte to “Vangelo (Lc 21,29-33) del giorno dalle letture della Messa (Venerdì 28 Novembre 2014) con commento comunitario”

  1. d. giampaolo centofanti Says:

    Una Parola di grande speranza, persino nelle situazioni più difficili: lì dove il male sembra prevalere, spesso, come fin dall’inizio per Adamo ed Eva, in nome di un falso bene, che esclude una sincera ricerca di Dio (pensiamo alle terribili ideologie del ‘900), anche lì l’ultima Parola non è dell’uomo, nè del demonio ma del Dio della vita e di chi accoglie almeno la sua misericordia.

  2. pmartucci Says:

    Mi colpisce la felialità dell’immagine, la rivelazione dei tempi, del Regno di Dio, nell’ordine naturale delle cose, in piante comuni, anche selvatiche “guardandoli capite da voi stessi”, dice. Penso al nostro ragionare, alle strade difficili, che talvolta sono solo il nostro sguardo velato. La creazione, la mano del Padre conduce tempi di maturazione, rivela i cuori, anche se non volontariamente, incirconcisi (ripensando all’immagine del discorsi di Stefano in Atti), allarga il respiro attraverso i tanti semi e segni di grazia.
    La stessa speranza in Cristo parla la semplicità dell’attesa e la purezza della sincerità. Il Signore doni cieli e terre nuove.

  3. Marco Ascenzi Says:

    Gesù ci invita a non distrarci e ad essre sempre pronti all’ascolto della voce dello Spirito, instancabile protagonista della nostra esistenza; solo così un giorno ci sembrerà tutto più chiaro.

  4. M&C Says:

    Riconoscere i segni del Signore nella nostra vita è una grande grazia, un dono dello Spirito.
    Signore, donaci occhi attenti alla tua venuta, orecchie aperte alle tue parole e cuore spalancato al tuo amore, per non essere distratti nè confonderci con altre cose che non siano veri segni della tua presenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: