Alcune poesie di Venanzio Lucernoni

by

Er giudizio de Dio

Quanno s’è presentata da San Pietro,

l’anima de Venanzio, sola sola,

“….me dispiace, te devo manna indietro

– je fa San Pietro -…pe’ corpa de la gola.

E’ un peccato da poco, c’è speranza

che dopo un par de lustri in Purgatorio

a scontà li peccati de la panza,

te trovamo un ber posto ar refettorio,

a cucinà, frammezzo all’angioletti,

patate, abbacchio, cotiche e spaghetti”.

Venanzio ce rimase tanto male.

“Io – disse – vorrei esse’ giudicato

su la base de quanto ho cucinato

più che su quello che me so’ magnato”.

“No – fece er santo – questo qui nun vale…

…nun è peccato sta’ vicino ar gasse…

er peccato de gola è strafogasse”.

Venanzio prese allora ‘na padella,

mise l’ojo extra vergine d’oliva,

cipolla, rosmarino e coratella

e…in paradiso se sentì un’evviva!

Salì un profumo talmente sopraffino

che invase tutto quanto er firmamento,

je s’accostò perfino un cherubino

che passava pe’ caso in quer momento

e je chiese co’ la faccia stralunata

si poteva assaggià ‘na forchettata.

“Nun c’è problema” disse e ner girasse

vide ‘na fila de santi lì vicino

e prima che la fila terminasse

ce stava già chi se portava er vino

(pare che fosse un certo San Martino).

San Pietro, ner vedè tanto successo,

je prese er dubbio d’essese sbajato

e chiese un supplemento der processo

che ar Purgatorio l’aveva condannato.

E l’udienza se tenne in Paradiso

ar cospetto de Padre Onnipotente,

che vide tutti i santi cor soriso,

a chiedeje de esse’ più clemente,

“…uno che fa’ così la coratella

cià l’anima più nobbile e più bella…”.

E er Padreterno sentenziò solenne:

“Venanzio sta co’ noi, qui ner Nirvana,

e …visto che rimani, fa du’ penne,

come le sai fa tu…all’amatriciana!”.

E da quer giorno er Paradiso intero

è diventato tutto un ristorante,

e de specialità ce ne so’ tante

che ar Padreterno nun je pare vero:

coda a la vaccinara, bucatini,

abbacchio a scottadito, puntarelle,

pajata, cacciatora, lumachelle

e un trionfo d’arrosti e spezzatini.

Carciofi, trippa ar sugo brodettata,

e quarsiasi tipo d’insalata…

la cicoria de campo ripassata…

e er venerdì, un ber fritto de paranza!

Pure li santi mo cianno la panza.

***************

Preghiera per la pace

Se t’è rimasto Cristo, un occhio solo,

come fai a nun vedè tanto macello?

Io manco cor pregà, me ce consolo,

a vede un omo assassinà er fratello.

Ritorna in Palestina, Gesù Santo,

rinasci un’antra vorta, per favore,

viè a vedè quanto sangue, quanto pianto

ce stà dove nascesti Tu, Signore.

Ma ce stà ancora chi Te stà a sentì?

…Tu predicasti amore e fratellanza

e, guarda caso, nascesti proprio lì,

dove ammazzeno pure la speranza…

…dove l’odio prevale sull’amore

e la vendetta genera dolore.

Se T’è rimasto, Cristo, un’occhio solo,

anticipa er Natale a ‘sta mattina,

ritorna per un giorno in Palestina

e fa scoppia la Pace. E no er tritolo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: