Archive for giugno 2016

Il Cuore di Cristo. Riflessioni per un mese

30 giugno 2016

30 giugno

Fine dei mese

Siamo giunti al termine del mese di giugno dedicato al Sacro Cuore di Gesù.
Abbiamo presentato l’amore di Cristo sotto vari aspetti, ritornando però sempre alle sorgenti bibliche. Abbiamo posto un’attenzione più viva al rapporto PersonaCuore di Cristo, sia per una maggiore precisione di linguaggio, sia per dare al cuore il significato di un richiamo agli atteggiamenti profondi della Persona (amore, oblazione…).
Abbiamo anche accennato alla dimensione sociale come stile di presenza e solidarietà ai problemi dell’uomo «nella tenerezza del Cuore di Cristo» (LG 46).
Abbiamo sottolineato:
1) il mistero significato dal Cuore trafitto e glorioso del Cristo; lo stretto rapporto tra il mistero del Cuore di Cristo con il mistero della Chiesa, sacramento del progetto di Dio nella storia del mondo. Cuore della Chiesa, cuore del mondo, come Cristo.
E il pensiero corre alla celebre pagina di Teresa di Lisieux: ho trovato il mio posto nella Chiesa; nel cuore della Chiesa io sarò l’amore (Storia d’un’anima).
2) L’influsso che il richiamo del Cuore di Cristo deve esercitare sulle realtà della vita come “storia della salvezza”, cammino di comunione con Dio e fra gli uomini. (…)
Ecco allora il nostro impegno: manifestare chiaramente agli occhi degli uomini il primato dell’amore di Dio; diventare testimoni eccezionali della trascendenza dell’amore di Cristo; essere, insomma, i testimoni dell’amore.
Questo mondo oggi più che mai ha bisogno di vedere in noi uomini che hanno creduto alla parola del Signore, degli impegnati a vivere come immagine viva della carità divina e artefici della fraternità umana.

(more…)

Vangelo (Mt 9,9-13) del giorno dalle letture della Messa (Venerdì 1 Luglio 2016) con commento comunitario

30 giugno 2016

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 9,9-13)

In quel tempo, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».
Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Questo è il Vangelo dell’ 1 Luglio, quello del 30 Giugno lo potete trovare qualche post più sotto.

Udienza giubilare: la misericordia è uno stile di vita. Ampia sintesi

30 giugno 2016

 

2016-06-30 Radio Vaticana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Papa ha tenuto oggi in Piazza San Pietro l’ultima udienza giubilare prima del riposo estivo. A luglio sono sospese anche le udienze generali del mercoledì. Stamane ha svolto la catechesi sulle opere di misericordia.

“Quante volte, durante questi primi mesi del Giubileo – ha esordito – abbiamo sentito parlare delle opere di misericordia! Oggi il Signore ci invita a fare un serio esame di coscienza. E’ bene, infatti, non dimenticare mai che la misericordia non è una parola astratta, ma è uno stile di vita. Una persona può essere misericordiosa o può essere non misericordiosa; è uno stile di vita. Io scelgo vivere come misericordioso o scelgo di vivere come non misericordioso.  Una cosa èparlare di misericordia, un’altra è vivere la misericordia. Parafrasando le parole di san Giacomo apostolo (cfr 2,14-17) potremmo dire: la misericordia senza le opere è morta in sé stessa. E’ proprio così! Ciò che rende viva la misericordia è il suo costante dinamismo per andare incontro ai bisogni e alle necessità di quanti sono nel disagio spirituale e materiale. La misericordia ha occhi per vedere, orecchi per ascoltare, mani per risollevare”.

“La vita quotidiana ci permette di toccare con mano tante esigenze che riguardano le persone più povere e più provate. A noi viene richiesta quell’attenzione particolare che ci porta adaccorgerci dello stato di sofferenza e bisogno in cui versano tanti fratelli e sorelle. A volte passiamo davanti a situazioni di drammatica povertà e sembra che non ci tocchino; tutto continua come se nulla fosse, in una indifferenza che alla fine rende ipocriti e, senza che ce ne rendiamo conto, sfocia in una forma di letargo spirituale che rende insensibile l’animo e sterile la vita (…)”.

“Quanti sono gli aspetti della misericordia di Dio verso di noi! Alla stessa maniera, quanti volti si rivolgono a noi per ottenere misericordia. Chi ha sperimentato nella propria vita la misericordia del Padre non può rimanere insensibile dinanzi alle necessità dei fratelli. L’insegnamento di Gesù che abbiamo ascoltato non consente vie di fuga: Avevo fame e mi avete dato da mangiare; avevo sete e mi avete dato da bere; ero nudo, profugo, malato, in carcere e mi avete assistito (cfr Mt 25,35-36). Non si può tergiversare davanti a una persona che ha fame: occorre darle da mangiare. Gesù ci dice questo.  Le opere di misericordia non sono temi teorici, ma testimonianze concrete. Obbligano a rimboccarsi le maniche per alleviare la sofferenza”.

“A causa dei mutamenti del nostro mondo globalizzato, alcune povertà materiali e spirituali si sono moltiplicate: diamo quindi spazio alla fantasia della carità per individuare nuove modalità operative. In questo modo la via della misericordia diventerà sempre più concreta. A noi, dunque, è richiesto di rimanere vigili come sentinelle, perché non accada che, davanti alle povertà prodotte dalla cultura del benessere, lo sguardo dei cristiani si indebolisca e diventi incapace di mirare all’essenziale (…)”.

(Da Radio Vaticana)

 

 

 

Liturgia del giorno: Audio salmo 19 (18)

30 giugno 2016

Giovedì, 30_Giugno_2016


I giudizi del Signore sono fedeli e giusti.

 

[1] Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.

[2] I cieli narrano la gloria di Dio,
e l’opera delle sue mani annunzia il firmamento.
[3] Il giorno al giorno ne affida il messaggio
e la notte alla notte ne trasmette notizia.

[4] Non è linguaggio e non sono parole,
di cui non si oda il suono.

[5] Per tutta la terra si diffonde la loro voce
e ai confini del mondo la loro parola.

[6] Là pose una tenda per il sole
che esce come sposo dalla stanza nuziale,
esulta come prode che percorre la via.

[7] Egli sorge da un estremo del cielo
e la sua corsa raggiunge l’altro estremo:
nulla si sottrae al suo calore.

[8] La legge del Signore è perfetta,
rinfranca l’anima;
la testimonianza del Signore è verace,
rende saggio il semplice.

[9] Gli ordini del Signore sono giusti,
fanno gioire il cuore;
i comandi del Signore sono limpidi,
danno luce agli occhi.

[10] Il timore del Signore è puro, dura sempre;
i giudizi del Signore sono tutti fedeli e giusti,

[11] più preziosi dell’oro, di molto oro fino,
più dolci del miele e di un favo stillante.

[12] Anche il tuo servo in essi è istruito,
per chi li osserva è grande il profitto.

[13] Le inavvertenze chi le discerne?
Assolvimi dalle colpe che non vedo.

[14] Anche dall’orgoglio salva il tuo servo
perché su di me non abbia potere;
allora sarò irreprensibile,
sarò puro dal grande peccato.

[15] Ti siano gradite le parole della mia bocca,
davanti a te i pensieri del mio cuore.
Signore, mia rupe e mio redentore.

Premere qui per ascoltare il salmo.

 

 


Ritagli del Vangelo odierno:

«Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati».
Allora alcuni scribi dissero fra sé: «Costui bestemmia». Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: «Perché pensate cose malvagie nel vostro cuore? Che cosa infatti è più facile: dire “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ma, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: Àlzati – disse allora al paralitico –, prendi il tuo letto e va’ a casa tua». Ed egli si alzò e andò a casa sua. (Mt 9,1-8)


 

 

 

Preghiera a Maria

Henri Caldelari – Isabelle Barman, dal mensile “Dall’alba al tramonto”

Umile serva del Signore,
come hai formato Gesù
a tua somiglianza
forma anche me,
a immagine del tuo diletto Figlio.
Insegnami l’umiltà, la dolcezza,
la pazienza e la bontà.
Fa’ crescere in me la fede,
la speranza e la carità.
Fa’ che io sia fedele
all’alleanza del mio battesimo
e aperto al soffio dello Spirito.
Uniscimi a Gesù; che io lo segua
fino alla croce per condividere
un giorno la sua gloria!
Aiutami nella prova
e preservami dal peccato.
Che il mio cuore sia radicato
nella fiducia e nella riconoscenza.

http://www.qumran2.net/ritagli/index.php?parole=crescere+nella+fede&p=barra_ric

 

Il Cuore di Cristo. Riflessioni per un mese

29 giugno 2016

29 giugno

Condizioni richieste

Per ottenere il fine della “GRANDE PROMESSA” chiedeva delle condizioni e riparazioni:
1) Accostarsi alla comunione con le dovute disposizioni, cioè: essere in grazia di Dio. Gesù chiede non proprio comunioni fervorose, ma comunioni ben fatte.
2) Fare la comunione ogni primo venerdì del mese, iniziando il mese che si desidera e proseguendo ininterrottamente per nove mesi. Si può aggiungere un atto di offerta.
Ecco un esempio:
In unione con tutte le anime consacrate, io ti offro, o mio Dio, per il Cuore immacolato di Maria, rifugio dei peccatori, le espiazioni e l’amore infinito del Cuore di Gesù in riparazione delle colpe, che feriscono più amaramente il tuo amore, perché commesse da quelli che maggiormente hai amati, in riparazione dei peccati miei, dei peccati di color che io amo, dei peccati degli agonizzanti e per la liberazione delle anime del Purgatorio.
O Cuore di Gesù, vittima di carità, fa’ di me un’ostia viva, santa, a Dio gradevole.
Distaccato da me stesso e dalle creature, in ispirito di penitenza e di riparazione io voglio con te, che ogni giorno ti immoli per amor mio sul santo altare, abbandonarmi interamente sulla tua volontà, per essere una vittima del lavoro, della preghiera e della sofferenza, secondo le intenzioni che ti sono più care: la gloria della SS. Trinità e la salvezza delle anime.

(more…)

Angelus appello Turchia 29-06-2016

29 giugno 2016
Pubblicato il 29 giu 2016

Papa Francesco: vicini alla Turchia colpita dal terrorismo

Al termine dell’Angelus, il Papa ha espresso la sua vicinanza al popolo turco dopo l’attacco terroristico all’aeroporto di Istanbul costato la vita ad oltre 30 persone.

Papa messa san Pietro e Paolo 29-06-2016

29 giugno 2016
Pubblicato il 29 giu 2016

Il Papa: la paura ci chiude alle sorprese di Dio

Nella messa per la solennità dei santi Pietro e Paolo, il Papa ha benedetto i palli per i 25 nuovi arcivescovi metropoliti. Nell’omelia ha ricordato che la preghiera è la via di uscita alle chiusure, l’unico accesso alla compassione del Padre.

 

 

Tweet del Papa

29 giugno 2016

Il Signore oggi ripete ad ogni Pastore: seguimi nonostante le difficoltà; seguimi nell’annuncio del Vangelo a tutti.

Papa Francesco su Twitter (@Pontifex_it), ore 14:00 – 29 giu 2016

Vangelo (Mt 9,1-8) del giorno dalle letture della Messa (Giovedì 30 Giugno 2016) con commento comunitario

29 giugno 2016

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 9,1-8)

In quel tempo, salito su una barca, Gesù passò all’altra riva e giunse nella sua città. Ed ecco, gli portavano un paralitico disteso su un letto. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati».
Allora alcuni scribi dissero fra sé: «Costui bestemmia». Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: «Perché pensate cose malvagie nel vostro cuore? Che cosa infatti è più facile: dire “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati e cammina”? Ma, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: Àlzati – disse allora al paralitico –, prendi il tuo letto e va’ a casa tua». Ed egli si alzò e andò a casa sua.
Le folle, vedendo questo, furono prese da timore e resero gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

Questo è il Vangelo del 30 Giugno, quello del 29 Giugno lo potete trovare qualche post più sotto.

Liturgia del giorno: Audio salmo 33 (34)

29 giugno 2016

Domenica, 29_Giugno_2016


Il Signore mi ha liberato da ogni paura.

 

[1]
[Alef 2] Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.

[Bet 3] Io mi glorio nel Signore:
i poveri ascoltino e si rallegrino.

[Ghimel 4] Magnificate con me il Signore,
esaltiamo insieme il suo nome.

[Dalet 5] Ho cercato il Signore: mi ha risposto
e da ogni mia paura mi ha liberato.

[He 6] Guardate a lui e sarete raggianti,
i vostri volti non dovranno arrossire.

[Zain 7] Questo povero grida e il Signore lo ascolta,
lo salva da tutte le sue angosce.

[Het 8] L’angelo del Signore si accampa
attorno a quelli che lo temono, e li libera.

[Tet 9] Gustate e vedete com’è buono il Signore;
beato l’uomo che in lui si rifugia.

[Iod 10] Temete il Signore, suoi santi:
nulla manca a coloro che lo temono.

[Caf 11] I leoni sono miseri e affamati,
ma a chi cerca il Signore non manca alcun bene.

[Lamed 12] Venite, figli, ascoltatemi:
vi insegnerò il timore del Signore.

[Mem 13] Chi è l’uomo che desidera la vita
e ama i giorni in cui vedere il bene?

[Nun 14] Custodisci la lingua dal male,
le labbra da parole di menzogna.

[Samec 15] Sta’ lontano dal male e fa’ il bene,
cerca e persegui la pace.

[Ain 16] Gli occhi del Signore sui giusti,
i suoi orecchi al loro grido di aiuto.

Premere qui per ascoltare il salmo.

 


Ritaglio del Vangelo Odierno:

«Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».  (Mt 16,13-19)


 

 

 

L’arrivo del Signore

Ady Endre, poesia, 1908. Traduzione dall’unghere di Agnes Preszler

Quando mi hanno abbandonato
quando sotto il peso
dell’anima crollavo
d’improvviso mi abbracciò Dio.

Non arrivò con suono di trombe
ma con abbraccio muto, vero, forte,
non venne una mattina bella, infuocata,
ma durante una buia notte di guerra.

E i miei occhi vanitosi
si sono accecati,
e la mia gioventù morì, ma Lui,
magnifico e splendente,
lo vedo per sempre.

http://poesie.pe.hu/poesie/larrivo-del-signore-poesia-di-endre-ady/

Tweet del Papa

29 giugno 2016

Se Dio è presente nella nostra vita, la gioia di portare il suo Vangelo sarà la nostra forza e la nostra felicità.

Papa Francesco su Twitter (@Pontifex_it), ore 14:00 – 28 giugno 2016

Il Cuore di Cristo. Riflessioni per un mese

28 giugno 2016

28 giugno

La grande promessa

Diamo un risalto più accentuato all’ultima promessa che i fedeli stessi hanno definito “GRANDE”. «A coloro che si comunicheranno per nove primi venerdì del mese consecutivi, concederò la grazia della penitenza finale. Essi non morranno in mia disgrazia, ma sarà data la possibilità di ricevere i santi sacramenti ed il mio Cuore sarà sicuro asilo in quel momento estremo».
In che consiste? Grande promessa perché presenta il massimo dei doni: la perseveranza finale.
Non è però un talismano dal momento che l’ingresso al cielo non è determinato da nessuna pratica, ma esclusivamente dallo stato di grazia.
Certo, chi si accosta alla comunione con viva fede e accetta e vive l’amore di Cristo ha già un passaporto per il cielo.
Il dono é grande: ma la ricchezza del donatore è immensa; é un privilegio che è accordato dall’amore onnipotente nell’eccessiva misericordia. Però chiede anche la collaborazione per la salvezza dei peccatori: «Pregherai con me per mitigare l’ira divina e per chiedere misericordia verso i peccatori» (s. Margherita Maria).
E domanda pure spirito di amore per contraccambiare con il nostro fervore l’immenso amore del Cuore divino verso di noi, e spirito di riparazione per consolarlo delle freddezza e delle indifferenze con cui gli uomini ripagano tanto amore.

(more…)

Benedetto XVI e il cuore di Cristo 

28 giugno 2016

Dalle parole pronunciate nel giorno anniversario della sua ordinazione sacerdotale:

“65 anni fa, un fratello ordinato con me ha deciso di scrivere sulla immaginetta di ricordo della prima Messa soltanto, eccetto il nome e le date, una parola, in greco: “Eucharistomen”, convinto che con questa parola, nelle sue tante dimensioni, è già detto tutto quanto si possa dire in questo momento. “Eucharistomen” dice un grazie umano, grazie a tutti. Grazie soprattutto a Lei, Santo Padre! La Sua bontà, dal primo momento dell’elezione, in ogni momento della mia vita qui, mi colpisce, mi porta realmente, interiormente. Più che nei Giardini Vaticani, con la loro bellezza, la Sua bontà è il luogo dove abito: mi sento protetto. Grazie anche della parola di ringraziamento, di tutto. E speriamo che Lei potrà andare avanti con noi tutti su questa via della Misericordia Divina, mostrando la strada di Gesù, verso Gesù, verso Dio…

“Eucharistomen”: in quel momento l’amico Berger voleva accennare non solo alla dimensione del ringraziamento umano, ma naturalmente alla parola più profonda che si nasconde, che appare nella Liturgia, nella Scrittura, nelle parole “gratias agens benedixit fregit deditque”. “Eucharistomen” ci rimanda a quella realtà di ringraziamento, a quella nuova dimensione che Cristo ha dato. Lui ha trasformato in ringraziamento, e così in benedizione, la croce, la sofferenza, tutto il male del mondo. E così fondamentalmente ha transustanziato la vita e il mondo e ci ha dato e ci dà ogni giorno il Pane della vera vita, che supera il mondo grazie alla forza del Suo amore.

Alla fine, vogliamo inserirci in questo “grazie” del Signore, e così ricevere realmente la novità della vita e aiutare per la transustanziazione del mondo: che sia un mondo non di morte, ma di vita; un mondo nel quale l’amore ha vinto la morte.

Grazie a tutti voi. Il Signore ci benedica tutti.

Grazie, Santo Padre”.
NdR: Parole da meditare con grande attenzione, nella preghiera, nella conversione, nell’ascolto del vangelo… 

Celebrazioni 65.mo ordinazione sacerdotale Benedetto XVI, 28.06.2016

28 giugno 2016
Pubblicato il 28 giu 2016

Benedetto XVI, un pastore sempre con il cuore rivolto a Dio

Papa Francesco ha espresso parole di stima e gratitudine a Benedetto XVI, in occasione del 65.esimo anniversario dell’ordinazione sacerdotale del Papa emerito. Le celebrazioni hanno avuto luogo nella Sala Clementina, in Vaticano.

 

 

 

Liturgia del giorno: Audio salmo 6 (5)

28 giugno 2016

Martedì, 28_Giugno_2016


Guidami, Signore, nella tua giustizia.

[1] Al maestro del coro. Per strumenti a corda. Sull’ottava.
Salmo. Di Davide.

[2] Signore, non punirmi nel tuo sdegno,
non castigarmi nel tuo furore.

[3] Pietà di me, Signore: vengo meno;
risanami, Signore: tremano le mie ossa.

[4] L’anima mia è tutta sconvolta,
ma tu, Signore, fino a quando…?

[5] Volgiti, Signore, a liberarmi,
salvami per la tua misericordia.

[6] Nessuno tra i morti ti ricorda.
Chi negli inferi canta le tue lodi?

[7] Sono stremato dai lungi lamenti,
ogni notte inondo di pianto il mio giaciglio,
irroro di lacrime il mio letto.

[8] I miei occhi si consumano nel dolore,
invecchio fra tanti miei oppressori.

[9] Via da me voi tutti che fate il male,
il Signore ascolta la voce del mio pianto.

[10] Il Signore ascolta la mia supplica,
il Signore accoglie la mia preghiera.

[11] Arrossiscano e tremino i miei nemici,
confusi, indietreggino all’istante.

Premere qui per ascoltare il salmo.


Ritaglio del Vangelo odierno:

«Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, gente di poca fede?». Poi si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia. Mt 8,23-27


Dio di guarigione

(Don Angelo Saporiti, Commento sulla salvezza di Dio)

Quante volte, mio Dio,
la vita mi dissangua…
Quante volte,
le mie energie se ne vanno per mille rivoli…
Quante volte,
le delusioni e i fallimenti
hanno prosciugato la mia voglia di cambiare…
Quante volte, le mie scelte sbagliate,
il mio modo di comunicare,
di amare,
mi hanno gettato nell’isolamento.
In quei momenti, per non morire,
ho cercato di raggiungere una sicurezza,
ho voluto aggrapparmi a qualcuno che mi potesse aiutare,
ho tentato di evitare gli sguardi taglienti di chi mi giudicava.
In quei momenti, in cui mi ritenevo perduto
ho afferrato l’ultima spiaggia che potesse guarire il mio cuore:
Te, Signore!
Ho provato ad avere fede in te,
a fidarmi della tua forza.
Ho giocato il tutto e per tutto con te.
E ho provato a venirti dietro,
a s eguirti.
Ho provato ad imitare il tuo stile di vita,
il tuo sguardo sul mondo e sulle cose,
il tuo saper donare e ricevere,
il tuo modo di toccare e di essere toccato.
E tu mi hai guarito!
Hai risvegliato in me quel fanciullo
che era morto, o solo addormentato.
Mi hai dato una nuova vita interiore.
Mi hai mostrato nuovi modi di vivere il contatto con gli altri.
Mi hai sollevato dalle amarezze, dalle stanchezze
e dalle immobilità che bloccavano la mia vita.
E mi hai detto: “Non avere paura. Continua solo ad avere fede”.
E questo è l’unico,
solo,
assoluto segreto della mia rinascita interiore:
la fede in te,
Dio di guarigione!

-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~-~
http://www.qumran2.net/ritagli/index.php?ritaglio=6515

Vangelo (Mt 16,13-19) del giorno dalle letture della Messa (Mercoledì 29 Giugno 2016) con commento comunitario

28 giugno 2016

SANTI PIETRO E PAOLO, Apostoli – Solennità

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 16,13-19)

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».

Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».

E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

Questo è il Vangelo del 29 Giugno, quello del 28 Giugno lo potete trovare qualche post più sotto.

Il Cuore di Cristo. Riflessioni per un mese

27 giugno 2016

27 giugno
Le promesse del Sacro Cuore

Queste promesse costituiscono «un piccolo codice dell’amore e della misericordia». Nello stesso tempo sono una sintesi di quanto Gesù ci dice nel vangelo. Ne elenchiamo dodici, raccolte negli scritti dell’apostola del S. Cuore: S. MARGHERITA MARIA

1 Darò loro tutte le grazie necessarie al loro stato.

2 Metterò la pace nelle loro famiglie.

3 Li consolerò in tutte le loro afflizioni.

4 Sarò il loro sicuro rifugio in vita e specialmente in punto di morte.

5 Spanderò le più abbondanti benedizioni sopra tutte le loro imprese.

6 I peccatori troveranno nel mio Cuore la fonte e l’oceano della misericordia.

7 Le anime tiepide diventeranno fervorose.

8 Le anime fervorose s’innalzeranno rapidamente a grande perfezione.

9 Benedirò le case dove l’immagine del mio Sacro Cuore sarà esposta e venerata.

10 Darò ai sacerdoti il dono di commuovere i cuori più induriti.

11 Le persone che propagheranno questa mia devozione avranno il loro nome scritto nel mio Cuore e non ne sarà mai cancellato.

12 A tutti quelli che per nove mesi consecutivi si comunicheranno al primo venerdì di ogni mese io prometto la grazia della penitenza finale; essi non morranno in mia disgrazia, ma riceveranno i sacramenti, e il mio Cuore sarà loro sicuro asilo in quel momento estremo.

(more…)

Tweet del Papa

27 giugno 2016

Gesù ci cerca e ci invita a fargli spazio nell’intimo del nostro cuore. Ce ne accorgiamo?

Papa Francesco su Twitter (@Pontifex_it), ore 13:00 – 27 giu 2016

Liturgia del giorno: Audio salmo 50 (49)

27 giugno 2016

Lunedì, 27_ Giugno_2016


Perdona, Signore, l’infedeltà del tuo popolo.

 

[1] Salmo. Di Asaf.
Parla il Signore, Dio degli dei,
convoca la terra da oriente a occidente.

[2] Da Sion, splendore di bellezza,
Dio rifulge.

[3] Viene il nostro Dio e non sta in silenzio;
davanti a lui un fuoco divorante,
intorno a lui si scatena la tempesta.

[4] Convoca il cielo dall’alto
e la terra al giudizio del suo popolo:

[5] “Davanti a me riunite i miei fedeli,
che hanno sancito con me l’alleanza
offrendo un sacrificio”.

[6] Il cielo annunzi la sua giustizia,
Dio è il giudice.

[7] “Ascolta, popolo mio, voglio parlare,
testimonierò contro di te, Israele:
Io sono Dio, il tuo Dio.

[8] Non ti rimprovero per i tuoi sacrifici;
i tuoi olocausti mi stanno sempre davanti.

[9] Non prenderò giovenchi dalla tua casa,
né capri dai tuoi recinti.

[10] Sono mie tutte le bestie della foresta,
animali a migliaia sui monti.

[11] Conosco tutti gli uccelli del cielo,
è mio ciò che si muove nella campagna.

[12] Se avessi fame, a te non lo direi:
mio è il mondo e quanto contiene.

[13] Mangerò forse la carne dei tori,
berrò forse il sangue dei capri?

[14] Offri a Dio un sacrificio di lode
e sciogli all’Altissimo i tuoi voti;

[15] invocami nel giorno della sventura:
ti salverò e tu mi darai gloria”.

Premere qui per ascoltare il salmo.

 


Ritaglio del Vangelo odierno:

«Seguimi, e lascia che i morti seppelliscano i loro morti». (Mt 8,18-22)


 

 

Chiamati a volare

Giuliana Martirani

Parla all’io cuore, Signore.
“Ti sto parlando. Ma perché hai paura?
Eppure non avevi paura di incontrare illustri sconosciuti
che potevano portarti a sfiorare i pantani della vita!
E hai paura di me, l’unico che hai conosciuto meglio di tutti?
Mi hai conosciuto. Non è forse vero?
Puoi forse dire che conosci i pensieri, i sogni e i palpiti di qualcun altro, come conosci i miei?
Sono tanti anni che li racconto personalmente a te.
Quali sogni conosci meglio dei miei?
Ti ho conosciuto, chi ti conosce meglio di me?
Forse qualcuno ha saputo intravedere i tuoi talenti anche quando non si vedevano,
soffocati com’erano da mille croste?
Forse qualcuno ha puntato su di te come ho fatto io, con determinazione e sicurezza?
Io sapevo di te quando tu neanche ti supponevi.
E allora, se io conosco così bene te e tu così bene me, perché hai paura?
Sono forse un fantasma?
Ti ha fatto compagnia un fantasma durante le notti di paura e solitudine?
E’ forse un fantasma quello che, con le mani della provvidenza, ti ha mandato cibo, casa e vestiti per te e i tuoi figli?
Tu dici: – Può essere fantasia, autosuggestione tutto ciò?
E se fosse tutto una follia? –
Io ti rispondo: E’ forse una follia andare insieme sul monte della felicità,
o era una follia affidarsi ciecamente a gente più cieca di te?
E’ forse una follia la dimensione dello spirito sulla quale voglio farti volare,
o non è forse più follia restare terra terra quando invece il Padre nostro
ci ha fatto giganti spirituali con ali per volare?
Non aver paura, non è una follia. Solo resta tranquillo, seguimi, attaccati alle mie ali
e comincia a volare con me.
Quando ti vedrò sicuro nel volo, solo allora ti lascerò volare da solo!
Ma dovrai volare da solo, perché non posso fare la balia per sempre.
Devi diventare adulto e aiutarmi perché è per diffondere l’amore
che mi sono fatto conoscere da te, è per essere amato e per far conoscere agli altri,
attraverso il rapporto d’amore mio e tuo, che l’amore di Dio è una seria e concreta.
Perché vedano e, vedendo, ne abbiano voglia anche loro.
Per questo mi sono fatto conoscere da te”.

http://www.qumran2.net/ritagli/?&parole=seguimi&p=barra_sup