Liturgia del giorno: Audio salmo 149

by

Giovedì, 17 _ Novembre _2016


 

Hai fatto di noi, per il nostro Dio, un regno e sacerdoti.

[1] Alleluia.
Cantate al Signore un canto nuovo;
la sua lode nell’assemblea dei fedeli.

[2] Gioisca Israele nel suo Creatore,
esultino nel loro Re i figli di Sion.

[3] Lodino il suo nome con danze,
con timpani e cetre gli cantino inni.

[4] Il Signore ama il suo popolo,
incorona gli umili di vittoria.

[5] Esultino i fedeli nella gloria,
sorgano lieti dai loro giacigli.

[6] Le lodi di Dio sulla loro bocca
e la spada a due tagli nelle loro mani,

[7] per compiere la vendetta tra i popoli
e punire le genti;

[8] per stringere in catene i loro capi,
i loro nobili in ceppi di ferro;

[9] per eseguire su di essi il giudizio già scritto:
questa è la gloria per tutti i suoi fedeli.
Alleluia.

Premere qui per ascoltare il salmo.


 

Ritaglio del Vangelo Odierno:

«Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi.
Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

Parola del Signore

Lc 19,41-44


 

Risultati immagini per ascoltare la voce di dio

Ascoltare Dio nel silenzio e nei limiti quotidiani

In tutto ciò che ci circonda è inscritto il nostro nome, pronunciato da Gesù

 

 

È difficile ascoltare la voce di Dio nel nostro cuore e scoprire i suoi desideri, la missione che ci ha affidato. Lo Spirito Santo parla nel silenzio e noi non lo ascoltiamo, ci sono troppi rumori.

C’è un racconto che parla della leggenda di un monaco e di un tempio su un’isola. Gli dissero che le campane più belle si sentivano su quell’isola: “Il tempio era stato situato su un’isola, a due miglia dal mare. Aveva un migliaio di campane. Campane grandi e piccole, lavorate dai migliori artigiani del mondo. Quando soffiava il vento o infuriava la tormenta, tutte le campane del tempio suonavano all’unisono, producendo una sinfonia che trascinava quanti la ascoltavano. Nel corso dei secoli, però, l’isola era sprofondata nel mare, e con lei il tempio e le sue campane. Un’antica tradizione affermava che le campane continuavano a suonare senza sosta e che chiunque ascoltasse attentamente poteva sentirle”.

L’unica cosa che desiderava era ascoltare un giorno tutte quelle campane. Una volta lì cercava di sentirle facendo silenzio, astraendosi da tutti i rumori che lo circondavano. Era tutto molto bello, il mare era stupendo: “Rimase seduto per giorni sulla riva, di fronte al luogo in cui in altri tempi si trovava il tempio, e ascoltò, ascoltò con la massima attenzione. Ma tutto ciò che sentiva era il rumore delle onde che si infrangevano a riva. Fece ogni sforzo possibile per allontanare da sé il rumore delle onde, per poter sentire le campane, ma fu tutto inutile; il rumore del mare sembrava inondare l’universo”.

Un giorno, scoraggiato, desistette dalla sua idea: “Forse non era destinato ad essere uno di quei fortunati ai quali era dato di sentire le campane. O forse la leggenda era sbagliata. Sarebbe tornato a casa riconoscendo il suo fallimento. Era il suo ultimo giorno sul posto e decise di andare un’ultima volta al suo luogo di osservazione. Si stese sulla sabbia, contemplando il cielo e ascoltando il suono del mare. Quel giorno non oppose resistenza a quel suono, al contrario, gli si consegnò e scoprì che il rumore delle onde era un suono davvero dolce e piacevole. Rimase presto talmente assorto in quel suono da essere appena consapevole di sé. Il silenzio che produceva nel suo cuore era così profondo… E in quel silenzio lo sentì! Il rintocco di una campanella, seguito da quello di un’altra, e di un’altra, e di un’altra ancora. E subito tutte e ciascuna delle mille campane suonavano in una gloriosa armonia, e il suo cuore fu trasportato dallo stupore e dalla gioia”.

Sogniamo di sentire la voce di Dio. Cerchiamo il silenzio e ci ritiriamo dal mondo. Non lo troviamo. I rumori della vita ci infastidiscono e li vogliamo evitare. Vogliamo fare silenzio ma non ci riusciamo, continuano ad esserci rumori, voci, grida. Dentro di noi e nel mondo che ci circonda non c’è silenzio.

Sogniamo di ritirarci in un deserto senza voci e senza uomini per ascoltare Dio. E giustifichiamo il silenzio di Dio pensando a tanti rumori che ci infastidiscono ogni giorno. Vorremmo che ci fosse un profondo silenzio nella nostra vita per poter sentire le campane dell’anima.

La storia delle campane del monastero ci insegna a pregare guardando il mondo che ci circonda, senza disprezzarlo, senza volerne fuggire. Quando impariamo ad ascoltare la nostra anima piena di rumori, le onde del nostro interiore, il mare di quelli che sono al nostro fianco, la vita con la sua mancanza di pace, questo giorno pieno di attività, riusciamo ad ascoltare le campane di Dio.

Quante volte, è vero, non vediamo Dio nella quotidianità! Non sappiamo dove sia, né cosa voglia da noi. Dov’è in quel dolore che proviamo, nella routine, nella nostra famiglia o nella tempesta del nostro cuore? Di fronte a una situazione difficile, a una perdita, a un insuccesso…

Piacerebbe a tutti noi che si aprisse il cielo e Dio ci dicesse: “Sono Io, sono qui”. In realtà, se facciamo silenzio, se ci ritiriamo a pregare nel profondo della nostra anima, possiamo arrivare ad ascoltare quella voce di Dio che apre il cielo, che apre le porte chiuse del nostro interiore. A volte è un sussurro. È coperta da tanti rumori della mia vita, da tante attività, alcune anche religiose, dai rumori del mio cuore.

Soffermandoci a guardare la nostra vita con gli occhi di Dio, scopriamo la via migliore per ascoltarlo. A volte la voce di Dio sono gli altri. Qualcuno ci dice qualcosa che lacera il velo e sentiamo che Dio ci ha toccati.

Lì ascoltiamo Dio. Non passando nella vita in punta di piedi, ma prendendola in mano. Non volendo astrarci da tutti i rumori del mondo, ma mettendo il nostro cuore lì, nella realtà in cui Dio ci parla.

In mezzo ai nostri rumori, è possibile ascoltare la voce di Dio che pronuncia il nostro nome, che ci dice quanto ci ama: “Il mio silenzio ha il tuo nome. La mia vita. Il mio mistero. Il mio cammino. Il mio mare. La mia riva. Le mie domande. Gesù. I miei sogni hanno il tuo nome. Il mio cuore. La mia ferita. La mia barca. La mia casa. Le mie mani. La mia professione. Gesù. La mia rinuncia ha il tuo nome. Il mio sguardo. Il mio giardino. Il mio deserto. La mia storia. Il mio oggi. Il mio futuro. Gesù. La mia croce ha il tuo nome. Il mio amore. Il mio ideale. La mia piccolezza. Il mio dono. La mia fragilità. Il mio sorriso. Gesù”.

Sì, in tutto ciò che ci circonda è inscritto il nostro nome, pronunciato da Gesù. In tutto ciò che ci circonda è inscritto il nome di Gesù e noi lo pronunciamo timidamente. Amando il mondo in cui Cristo si è fatto carne. Proprio lì, tra gli uomini, nella mancanza di amore e di pace. Lì nasce l’eterno. Lì inizia la frontiera dell’eternità. Lì comprendiamo il senso della nostra vita e le campane di Dio nell’anima iniziano a suonare. La sua voce è dolce e chiara. Ascoltiamo Dio che ci parla ogni giorno e ci mostra il cammino.

 

padre Carlos Padilla

Articolo originale tradotto da Aleteia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: