Vangelo (Mt 25,31-46) del giorno dalle letture della Messa (Lunedì 6 Marzo 2017) con commento comunitario

by

Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 25,31-46)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra.

Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”.

Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.

Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”.

Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”.

E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

Questo è il Vangelo del 6 Marzo, quello del 5 Marzo lo potete trovare qualche post più sotto.

Annunci

3 Risposte to “Vangelo (Mt 25,31-46) del giorno dalle letture della Messa (Lunedì 6 Marzo 2017) con commento comunitario”

  1. Simone Riva Says:

    “Signore, quando ti abbiamo visto affamato …assetato… straniero … nudo…malato o in carcere…?”
    La Parola di oggi mi rimanda al Vangelo in cui Gesù dice “Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”
    Solo quando il nostro agire è mosso solamente dalla misericordia e non per un utile (servi senza utile) allora daremo il nostro tempo, le nostre risorse anche agli ultimi degli ultimi.
    Solo la via della misericordia può portarci a vivere protesi all’altro senza secondi fini e dimenticandoci pure di ciò che abbiamo fatto perché semplicemente “Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”.
    Signore fa che in questo periodo importante per il nostro cammino io possa sempre più farmi pervadere dalla Tua misericordia affinché possa anche io metterla a disposizione di quanti poni lungo la mia strada.

  2. d. giampaolo centofanti Says:

    https://gpcentofanti.wordpress.com/2015/10/20/san-francesco/

  3. Marco Ascenzi Says:

    Il nostro è un DIo protagonista e raggiungibile nella nostra vita,, perchè presente e palpabile nelle sofferenze di ognuno di noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: