Vangelo (Gv 6,30-35) del giorno dalle letture della Messa (Martedì 2 Maggio 2017) con commento comunitario

by

Sant’Atanasio, vescovo e dottore della Chiesa – memoria

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 6,30-35)

In quel tempo, la folla disse a Gesù: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: “Diede loro da mangiare un pane dal cielo”».

Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo».

Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane».
Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!».

Questo è il Vangelo del 2 Maggio, quello dell’1 Maggio lo potete trovare qualche post più sotto.

Annunci

3 Risposte to “Vangelo (Gv 6,30-35) del giorno dalle letture della Messa (Martedì 2 Maggio 2017) con commento comunitario”

  1. pinuccia513 Says:

    Grazie!

  2. Simone Riva Says:

    La Parola di oggi mi invita a non chiedere segni, ma a chiedere che anche io, con la mia vita, possa essere segno che testimonia agli altri la bellezza e l’amore di Dio.

  3. mascenzi Says:

    Con la sua carne e il suo sangue, Gesù riempie ogni nostro vuoto esistenziale, snodando quella matassa ingarbugliata che e’ la nostra vita, in assenza dello Spirito Santo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: