Vangelo (Gv 17,20-26) del giorno dalle letture della Messa (Giovedì 17 Maggio 2018) con commento comunitario

by

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 17,20-26)

In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:]
«Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa; come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anch’essi in noi, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.
E la gloria che tu hai dato a me, io l’ho data a loro, perché siano una sola cosa come noi siamo una sola cosa. Io in loro e tu in me, perché siano perfetti nell’unità e il mondo conosca che tu mi hai mandato e che li hai amati come hai amato me.
Padre, voglio che quelli che mi hai dato siano anch’essi con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che tu mi hai dato; poiché mi hai amato prima della creazione del mondo.
Padre giusto, il mondo non ti ha conosciuto, ma io ti ho conosciuto, e questi hanno conosciuto che tu mi hai mandato. E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere, perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro».

Questo è il Vangelo del 17 Maggio, quello del 16 Maggio lo potete trovare qualche post più sotto.

Annunci

Una Risposta to “Vangelo (Gv 17,20-26) del giorno dalle letture della Messa (Giovedì 17 Maggio 2018) con commento comunitario”

  1. Simone Riva Says:

    “Non prego solo per questi, ma anche per quelli che crederanno in me mediante la loro parola: perché tutti siano una sola cosa…”
    La Parola di oggi mi fa soffermare qu quante volte posso ritenere che una divisione sia giustificata o giustificabile, quante volte si può arrivare a mettere un limite al di là del quale non andare nell’incontro dell’altro, di chi è molto distante da me, di chi è addirittura su un piano diametralmente opposto al mio. La Parola di oggi mi viene a ricordare che sono anche io il ponte verso queste persone, e solo l’amore inclusivo dell’altro, di qualsiasi altro porterà a vivere come un tutt’uno nell’amore del Signore. Signore fa che il Tuo Spirito mi guidi e mi raddrizzi ogni volta che il mio amore tende a non essere il Tuo amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: