Archivio dell'autore

Liturgia del giorno: Audio salmo (79) 80

20 gennaio 2018

Sabato, 20 gennaio 2018


Fa’ splendere il tuo volto, Signore, e noi saremo salvi.

[1] Al maestro del coro. Su “Giglio del precetto”. Di Asaf. Salmo.

[2] Tu, pastore d’Israele, ascolta,
tu che guidi Giuseppe come un gregge.
Assiso sui cherubini rifulgi

[3] davanti a Efraim, Beniamino e Manasse.
Risveglia la tua potenza
e vieni in nostro soccorso.

[4] Rialzaci, Signore, nostro Dio,
fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

[5] Signore, Dio degli eserciti,
fino a quando fremerai di sdegno
contro le preghiere del tuo popolo?

[6] Tu ci nutri con pane di lacrime,
ci fai bere lacrime in abbondanza.

[7] Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini,
e i nostri nemici ridono di noi.

[8] Rialzaci, Dio degli eserciti,
fà risplendere il tuo volto e noi saremo salvi.

[9] Hai divelto una vite dall’Egitto,
per trapiantarla hai espulso i popoli.

[10] Le hai preparato il terreno,
hai affondato le sue radici e ha riempito la terra.

[11] La sua ombra copriva le montagne
e i suoi rami i più alti cedri.

[12] Ha esteso i suoi tralci fino al mare
e arrivavano al fiume i suoi germogli.

[13] Perché hai abbattuto la sua cinta
e ogni viandante ne fa vendemmia?

[14] La devasta il cinghiale del bosco
e se ne pasce l’animale selvatico.

[15] Dio degli eserciti, volgiti,
guarda dal cielo e vedi
e visita questa vigna,

[16] proteggi il ceppo che la tua destra ha piantato,
il germoglio che ti sei coltivato.

[17] Quelli che l’arsero col fuoco e la recisero,
periranno alla minaccia del tuo volto.

[18] Sia la tua mano sull’uomo della tua destra,
sul figlio dell’uomo che per te hai reso forte.

[19] Da te più non ci allontaneremo,
ci farai vivere e invocheremo il tuo nome.

[20] Rialzaci, Signore, Dio degli eserciti,
fà splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

 

 

«O DIO, VIENI A SALVARCI … FA’ SPLENDERE IL TUO VOLTO!»

Il Salmo  è un canto fortemente segnato dalla sofferenza, ma anche da un’incrollabile fiducia. Dio è sempre disposto a «ritornare» verso il suo popolo, ma è necessario che anche il suo popolo «ritorni» a lui nella fedeltà. Se noi ci convertiremo dal peccato, il Signore si «convertirà» dalla sua intenzione di castigare: è questa la convinzione del salmista, che trova eco anche nei nostri cuori, aprendoli alla speranza.

La tradizione cristiana ha sempre affermato che tutte le Sante Scritture vanno lette «in Cristo», il quale è la chiave ermeneutica per aprirle, comprenderle e giudicarle. Ciò vale in modo peculiare per la lettura dei salmi: i salmi sono infatti preghiera di Cristo, del Christus totus, il Cristo totale – secondo l’espressione di Agostino (cf., per esempio, Esposizioni sui Salmi 30,II,2,1 [PL 36,239]) – poiché in essi pregano la testa e le membra, il capo che è Cristo e il corpo che è la chiesa (cf. Ef 1,22-23Col 1,18). Il cristiano che prega i salmi per Cristo, con Cristo e in Cristo vede così diventare sempre più preghiera sua la preghiera di Cristo, e vox sua la vox Christi; egli impara ad avere in sé sempre di più lo stesso sentire che fu in Cristo Gesù (cf. Fil 2,5), crescendo verso la statura di Cristo (cf. Ef 4,13), di lui che è il cantator psalmorum per eccellenza (cf. Principi e norme per la liturgia delle Ore 109, Conferenza Episcopale italiana, Roma 1975, pp. 47-48).
Facciamo dunque un esempio di questo approccio propriamente cristiano al Salterio, prendendo in esame il Sal 80. Si potrebbe seguire la pista delle varie tematiche del salmo, interpretabili in chiave cristologica:

  • Gesù Cristo è «il buon pastore» (Gv 10,11.14), colui che «cammina davanti alle sue pecore» (Gv 10,4); è l’Agnello diventato pastore, che guida i redenti alle fonti delle acque della vita (cf. Ap 7,17).
  • Gesù Cristo è colui che ha detto: «Io sono la vite vera e il Padre mio è il vignaiolo … Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto» (Gv 15,1.5); nello stesso tempo è il Figlio inviato nella vigna e rifiutato dai vignaioli (cf. Mc 12,1-12 e par.).
  • Gesù Cristo è il volto di Dio, come emerge dalle parole con cui il vangelo secondo Marco introduce Giovanni il Battista: «Ecco, io mando il mio messaggero davanti al tuo volto» (Mc 1,2Es 23,20; cf. anche Mt 11,10Lc 1,76; 7,27). Non a caso Origene annota, proprio a commento del Sal 80: «L’espressione: “Mostra a noi il tuo volto!” (vv. 4.8.20) si riferisce a Cristo, lui che è “l’immagine del Dio invisibile, il primogenito di ogni creatura” (Col 1,15)» (Commenti ai salmi, sul Sal 79 [PG 12,1543]).

 

Annunci

Piccole storie per la gioia del anima

20 gennaio 2018

20 di Gennaio

Il bambù

In un magnifico giardino cresceva un bambù dal nobile aspetto. Il Signore del giardino lo amava più di tutti gli altri alberi. Anno dopo anno, il bambù cresceva e si faceva robusto e bello. Perché il bambù sapeva bene che il Signore lo amava e ne era felice.
Un giorno, il Signore si avvicinò al suo amato albero e gli disse: “Caro bambù, ho bisogno di te”.
Il magnifico albero sentì che era venuto il momento per cui era stato creato e disse, con grande gioia: “Signore, sono pronto. Fa’ di me l’uso
che vuoi”. La voce del Signore era grave: “Per usarti devo abbatterti! ” Il bambù si spaventò: “Abbattermi, Signore? Io, il più bello degli alberi del tuo giardino? No, per favore, no! Usami per la tua gioia, Signore, ma per favore, non abbattermi”.
“Mio caro, bambù”, continuò il Signore, “se non posso abbatterti, non posso usarti”.
Il giardino piombò in un profondo silenzio. Anche il vento smise di soffiare. Lentamente il bambù chinò la sua magnifica chioma e sussurrò: “Signore, se non puoi usarmi senza abbattermi, abbattimi”.
“Mio caro bambù”, disse ancora il Signore, “non solo devo abbatterti, ma anche tagliarti i rami e le foglie”. “Mio Signore, abbi pietà. Distruggi la mia bellezza, ma lasciami i rami e le foglie! “.
Il sole nascose il suo volto, una farfalla inorridita volò via. Tremando, il bambù disse fiocamente: “Signore, tagliali”.
“Mio caro bambù, devo farti ancora di più. Devo spaccarti in due e strapparti il cuore. Se non posso fare questo, non posso usarti”.
Il bambù si chinò fino a terra e mormorò: “Signore, spacca e strappa”.
Così il Signore del giardino abbatté il bambù, tagliò i rami e le foglie, lo spaccò in due e gli estirpò il cuore. Poi lo portò dove sgorgava una fonte di acqua fresca, vicino ai suoi campi che soffrivano per la siccità.
Delicatamente collegò alla sorgente una estremità dell’amato bambù e diresse l’altra verso i campi inariditi.
La chiara, fresca, dolce acqua prese a scorrere nel corpo del bambù e raggiunse i campi. Fu piantato il riso e il raccolto fu ottimo.
Così il bambù divenne una grande benedizione, anche se era stato abbattuto e distrutto.
Quando era un albero stupendo, viveva solo per se stesso e si specchiava nella propria bellezza. Stroncato, ferito e sfigurato era diventato un canale, che il Signore usava per rendere fecondo il suo regno.

 

Noi la chiamiamo “sofferenza”. Dio la chiama “ho bisogno di te”.

Risultati immagini per canali d'acqua con bambu

Incontro del Papa con i popoli dell’ Amazzonia

19 gennaio 2018

A Puerto Maldonado, il festoso incontro di Francesco con i popoli amazzonici

I popoli dell’Amazzonia abbracciano Francesco, primo Pontefice a visitare questa immensa e straordinaria regione, mai minacciata come oggi. E’ un’accoglienza festosa quella riservata al Papa da circa 4 mila persone al Coliseo, palazzetto dello sport della città peruviana di Puerto Maldonado: volti, abiti, canti e danze testimoniano l’eredità di culture straordinarie, che si intrecciano con la bellezza di una natura da togliere il fiato. Ora tutto questo è a rischio.

La Laudato si’ donata ai popoli amazzonici

“Papa Francesco, difendici”, è il grido accorato di Yésica, rappresentante del popolo Harakbut, che offre una testimonianza drammatica delle condizioni in cui vivono i popoli amazzonici a causa dell’inquinamento e dello sfruttamento delle risorse naturali. Gli fa eco Maria, che parla a nome del popolo Awajun, e che chiede a Francesco di aiutare a far sì che l’Amazzonia non perda la sua bellezza, i suoi valori, la sua gente. Ai rappresentanti dei popoli dell’Amazzonia, Francesco dona la “Laudato si’”, significativamente tradotta nelle lingue locali. E alcuni indigeni leggono dei passi dell’Enciclica, sulle note del canto locale Machirenga.

Francesco rivolge dunque ai popoli amazzonici un lungo e appassionato discorso. Loda il Signore per “l’opera meravigliosa dei popoli amazzonici e per tutta la biodiversità che queste terre racchiudono”. E lo fa con le parole di San Francesco: «Laudato si’, mi’ Signore». Francesco osserva dunque con amarezza che “probabilmente i popoli originari dell’Amazzonia non sono mai stati tanto minacciati nei loro territori come lo sono ora”.

 

No ai colonialismi mascherati da progresso

Questi popoli, ha ripreso, ci insegnano che “non siamo i padroni assoluti del creato” e ha chiesto di intensificare gli sforzi “per migliorare la vita dei popoli amazzonici”. Ancora, ha messo in guardia dai “nuovi colonialismi” che minacciano l’Amazzonia e in particolare l’istituto familiare. E’ necessario alzare la voce, ha ripreso, contro la pressione di alcuni organismi internazionali che arrivano a promuovere politiche di sterilizzazione delle donne.

Ci è chiesta una speciale cura per non lasciarci catturare da colonialismi ideologici mascherati da progresso che a poco a poco entrano e dilapidano identità culturali e stabiliscono un pensiero uniforme, unico… e debole.

 

Consegna della “Laudato si’” nelle lingue native

Grida di gioia, alternate a sguardi profondi ed espressivi hanno preceduto il discorso di Papa Francesco. Le parole pronunciate dal Santo Padre sono state accompagnate, in molte occasioni, da applausi calorosi. Particolarmente toccante, infine, anche il momento della consegna dell’enciclica “Laudato si’” nelle lingue native. Parole che, non solo in in Amazzonia, esortano ad ascoltare il grido della terra.

Piccole storie per la gioia del anima

19 gennaio 2018

19 di Gennaio

Perché avete paura?

Era una famigliola felice e viveva in una casetta di periferia.
Ma una notte scoppiò nella cucina della casa un terribile incendio.
Mentre le fiamme divampavano, genitori e figli corsero fuori.
In quel momento si accorsero, con infinito orrore, che mancava il più piccolo, un bambino di cinque anni.
Al momento di uscire, impaurito dal ruggito delle fiamme e dal fumo acre, era tornato indietro ed era salito al piano superiore.
Che fare? Il papà e la mamma si guardarono disperati, le due sorelline cominciarono a gridare.
Avventurarsi in quella fornace era ormai impossibile… E i vigili del fuoco tardavano.
Ma ecco che lassù, in alto, s’aprì la finestra della soffitta e il bambino si affacciò urlando disperatamente: «Papà! Papà!».
Il padre accorse e gridò: «Salta giù!».
Sotto di sé il bambino vedeva solo fuoco e fumo nero, ma sentì la voce e rispose: «Papà, non ti vedo…».
«Ti vedo io, e basta. Salta giù!». Urlò l’uomo.
Il bambino saltò e si ritrovò sano e salvo nelle robuste braccia del papà, che lo aveva afferrato al volo.

 

Non vedi Dio.
Ma Lui vede te.
Buttati!

 

 

Risultati immagini per perche avete paura dio e con noi

Liturgia del giorno: Audio salmo (56) 57

19 gennaio 2018

Venerdì, 19 gennaio 2018


Pietà di me, o Dio, pietà di me.

[1] Al maestro del coro. Su “Non distruggere”. Di Davide.
Miktam. Quando fuggì da Saul nella caverna.

[2] Pietà di me, pietà di me, o Dio,
in te mi rifugio;
mi rifugio all’ombra delle tue ali
finché sia passato il pericolo.

[3] Invocherò Dio, l’Altissimo,
Dio che mi fa il bene.

[4] Mandi dal cielo a salvarmi
dalla mano dei miei persecutori,
Dio mandi la sua fedeltà e la sua grazia.

[5] Io sono come in mezzo a leoni,
che divorano gli uomini;
i loro denti sono lance e frecce,
la loro lingua spada affilata.

[6] Innàlzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria.

[7] Hanno teso una rete ai miei piedi,
mi hanno piegato,
hanno scavato davanti a me una fossa
e vi sono caduti.

[8] Saldo è il mio cuore, o Dio,
saldo è il mio cuore.

[9] Voglio cantare, a te voglio inneggiare:
svègliati, mio cuore,
svègliati arpa, cetra,
voglio svegliare l’aurora.

[10] Ti loderò tra i popoli, Signore,
a te canterò inni tra le genti.

[11] perché la tua bontà è grande fino ai cieli,
e la tua fedeltà fino alle nubi.

[12] Innàlzati sopra il cielo, o Dio,
su tutta la terra la tua gloria.

 

Si recita alle Lodi del giovedì della prima settimana.

Questo salmo inizia nel lamento e si chiude nella gioia. Gioia e dolore si intrecciano in modo inestricabile nella vita di ogni uomo. Scriveva Kh. Gibran: «Tra voi, alcuni dicono: “La gioia è più grande del dolore”, e altri dicono: “Il dolore è più grande”. Ma io vi dico che sono cose inseparabili. Essi giungono insieme e se l’una vi siede accanto alla mensa ricordatevi che l’altro dorme sul vostro letto».

L’orante di questo salmo guarda all’unico che ancora lo può salvare, al suo Dio dell’alleanza. Egli chiede di essere protetto dalla gloria divina. Il suo cuore trabocca di fiducia e di gioia nell’attesa del sorgere dell’aurora che con la sua luce lo libera dalle tenebre notturne.

Il giusto del salmo non è più intimorito e vuol esprimere in aperta testimonianza la sua lode a Dio. Non ha più paura ed è pieno d’entusiasmo: “Svegliati, mio cuore, svegliatevi, arpa e cetra, voglio svegliare l‘aurora”. “Svegliare l’aurora”, cioè affrettare col canto, con la lode, l’invocazione, l’avvento del giorno, del grande giorno della vittoria del Messia sul male; del giorno in cui Dio s’innalzerà sopra il cielo, a piena manifestazione della sua sovranità su tutta la terra.

 

 

 

“Abbi Fiducia Di Me”

IL SIGNORE E’ LA LUCE DEL MONDO
IL SIGNORE E’ LA VOCE CHE CHIAMA
IL SIGNORE CERCA TE OGNI GIORNO..

Ultimo giorno di Papa Francesco in Cile

19 gennaio 2018

Cile, omelia di Papa Francesco nel Campus Lobito di Iquique

SANTA MESSA E CELEBRAZIONE FRATERNA
PER L’INTEGRAZIONE DEI POPOLI,
IN ONORE DI NUESTRA SEÑORA DEL CARMEN, MADRE E REGINA DEL CILE

Campo Lobito (Iquique)
Giovedì, 18 gennaio 2018

[Multimedia]

OMELIA DEL SANTO PADRE

«Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù» (Gv 2,11).

Così termina il Vangelo che abbiamo ascoltato, e che ci mostra la prima apparizione pubblica di Gesù: né più né meno che in una festa. Non potrebbe essere altrimenti, dal momento che il Vangelo è un costante invito alla gioia. Fin dall’inizio l’Angelo dice a Maria: «Rallegrati» (Lc 1,28). Rallegratevi, disse ai pastori; rallegrati, disse a Elisabetta, donna anziana e sterile…; rallegrati, fece sentire Gesù al ladrone, perché oggi sarai con me in paradiso (cfr Lc 23,43).

Il messaggio del Vangelo è fonte di gioia: «Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena» (Gv15,11). Una gioia che si propaga di generazione in generazione e della quale siamo eredi. Perché siamo cristiani.

Come sapete bene questo, voi, cari fratelli del nord cileno! Come sapete vivere la fede e la vita in un clima di festa! Vengo come pellegrino a celebrare con voi questo modo bello di vivere la fede. Le vostre feste patronali, i vostri balli religiosi – che si prolungano anche per una settimana –, la vostra musica, i vostri vestiti fanno di questa zona un santuario di pietà e di spiritualità popolare. Perché non è una festa che rimane chiusa all’interno del tempio, ma voi riuscite a rivestire a festa tutto il villaggio. Voi sapete celebrare cantando e danzando «la paternità, la provvidenza, la presenza amorosa e costante di Dio; e in questo modo generate atteggiamenti interiori raramente osservati altrove al medesimo grado in chi non possiede questa religiosità: pazienza, senso della croce nella vita quotidiana, distacco, apertura agli altri, devozione».[1] Prendono vita le parole del profeta Isaia: «Allora il deserto diventerà un giardino e il giardino sarà considerato una selva» (32,15). Questa terra, abbracciata dal deserto più arido del mondo, sa vestirsi a festa.

In questo clima di festa, il Vangelo ci presenta l’azione di Maria affinché la gioia prevalga. Lei è attenta a tutto quello che succede intorno e, come buona madre, non sta tranquilla e così si accorge che nella festa, nella gioia condivisa, stava accadendo qualcosa: c’era qualcosa che stava per “annacquare” la festa. E accostandosi a suo Figlio, le uniche parole che le sentiamo dire sono: «Non hanno vino» (Gv 2,3).

E così Maria va per i nostri villaggi, per le vie, le piazze, le case, gli ospedali. Maria è la Virgen de la Tirana; la Virgen Ayquina a Calama; la Virgen de las Peñas ad Arica, che passa per tutti i nostri problemi familiari, quelli che sembrano soffocarci il cuore, per accostarsi all’orecchio di Gesù e dirgli: vedi, «non hanno vino».

E poi non rimane zitta, si avvicina agli inservienti della festa e dice loro: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela» (Gv 2,5). Maria, donna di poche parole, ma molto concreta, si avvicina anche ad ognuno di noi per dirci solamente: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela». E in questo modo si apre la strada al primo miracolo di Gesù: far sentire ai suoi amici che anch’essi partecipano al miracolo. Perché Cristo «è venuto in questo mondo non per fare la sua opera da solo, ma con noi; il miracolo lo fa con noi, con tutti noi, per essere il capo di un grande corpo le cui cellule vive siamo noi: libere e attive».[2] Così Gesù fa il miracolo: con noi.

Il miracolo comincia quando gli inservienti avvicinano le anfore dell’acqua che erano destinate alla purificazione. Così anche ognuno di noi può cominciare il miracolo, di più, ognuno di noi è invitato a partecipare al miracolo per gli altri.

Fratelli, Iquique è una “terra di sogni” (questo significa il nome in lingua aymara); una terra che ha saputo ospitare gente di diversi popoli e culture, gente che ha dovuto lasciare i propri cari e partire. Una marcia sempre basata sulla speranza di ottenere una vita migliore, ma sappiamo che è sempre accompagnata da bagagli carichi di paura e di incertezza per quello che verrà. Iquique è una zona di immigrati che ci ricorda la grandezza di uomini e donne; di famiglie intere che, davanti alle avversità, non si danno per vinte e si fanno strada in cerca di vita. Essi – specialmente quelli che devono lasciare la loro terra perché non hanno il minimo necessario per vivere – sono icone della Santa Famiglia, che dovette attraversare deserti per poter continuare a vivere.

Questa terra è terra di sogni, ma facciamo in modo che continui a essere anche terra di ospitalità. Ospitalità festosa, perché sappiamo bene che non c’è gioia cristiana quando si chiudono le porte; non c’è gioia cristiana quando si fa sentire agli altri che sono di troppo o che tra di noi non c’è posto per loro (cfr Lc 16,31).

Come Maria a Cana, cerchiamo di imparare ad essere attenti nelle nostre piazze e nei nostri villaggi e riconoscere coloro che hanno una vita “annacquata”; che hanno perso – o ne sono stati derubati – le ragioni per celebrare. E non abbiamo paura di alzare le nostre voci per dire: «Non hanno vino». Il grido del popolo di Dio, il grido del povero, che ha forma di preghiera e allarga il cuore e ci insegna ad essere attenti. Siamo attenti a tutte le situazioni di ingiustizia e alle nuove forme di sfruttamento che espongono tanti fratelli a perdere la gioia della festa. Siamo attenti di fronte alla precarizzazione del lavoro che distrugge vite e famiglie. Siamo attenti a quelli che approfittano dell’irregolarità di molti migranti, perché non conoscono la lingua o non hanno i documenti in regola. Siamo attenti alla mancanza di casa, terra e lavoro di tante famiglie. E come Maria diciamo: non hanno vino.

Come i servi della festa, portiamo quello che abbiamo, per quanto sembri poco. Come loro, non abbiamo paura a “dare una mano”, e che la nostra solidarietà e il nostro impegno per la giustizia facciano parte del ballo e del canto che oggi possiamo intonare a nostro Signore. Approfittiamo anche per imparare e lasciarci impregnare dai valori, dalla sapienza e dalla fede che i migranti portano con sé. Senza chiuderci a quelle “anfore” piene di sapienza e di storia che portano quanti continuano ad arrivare in queste terre. Non priviamoci di tutto il bene che hanno da offrire.

E poi, lasciamo che Gesù possa completare il miracolo, trasformando le nostre comunità e i nostri cuori in segno vivo della sua presenza, che è gioiosa e festosa perché abbiamo sperimentato che Dio-è-con-noi, perché abbiamo imparato a ospitarlo in mezzo a noi, nel nostro cuore. Gioia e festa contagiosa che ci porta a non escludere nessuno dall’annuncio di questa Buona Notizia, e a trasmetterla. Tutto quello che è della nostra cultura originaria, dobbiamo condividerlo con la nostra tradizione, con la nostra sapienza ancestrale perché colui che venga incontri sapienza. Questa è la festa. Questa è acqua trasformata in vino. Questo è il miracolo che fa Gesù.

Maria, coi diversi titoli con cui è invocata in questa benedetta terra del nord, continui a sussurrare all’orecchio del suo Figlio Gesù: «Non hanno vino», e in noi continuino a farsi carne le sue parole: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».

SALUTO FINALE

Al termine di questa celebrazione, desidero ringraziare Mons. Guillermo Vera Soto, Vescovo di Iquique, per le gentili parole che mi ha rivolto a nome dei fratelli Vescovi e di tutto il popolo di Dio. Ed ecco che ci salutiamo.

Ringrazio, ancora una volta, la Signora Presidente Michelle Bachelet per l’invito a visitare il Paese. Esprimo in modo speciale la mia gratitudine a tutti coloro che hanno reso possibile questa visita; alle autorità civili e, tra loro, ad ogni funzionario che con professionalità ha contribuito affinché tutti potessimo godere di questo tempo di incontro.

Grazie anche per il lavoro sacrificato e silenzioso di migliaia di volontari: più di 20 mila volontari! Senza il loro impegno e la loro collaborazione sarebbero mancate le anfore d’acqua perché il Signore potesse fare il miracolo del vino della gioia. Grazie a coloro che in molti modi e forme hanno accompagnato questo pellegrinaggio specialmente con la preghiera. Conosco il sacrificio che hanno dovuto fare per partecipare alle celebrazioni e agli incontri. Lo apprezzo e ne ringrazio di cuore. Grazie ai membri della commissione organizzatrice. Tutti hanno lavorato, mille grazie!

Proseguo il mio pellegrinaggio in Perù. Popolo amico e fratello di questa Patria Grande di cui siamo invitati ad avere cura e che dobbiamo difendere. Una Patria che trova la sua bellezza nel volto multiforme dei suoi popoli.

Cari fratelli, in ogni Eucaristia diciamo: «Guarda [Signore] la fede della tua Chiesa e donale unità e pace secondo la tua volontà». Che cosa posso augurarvi di più che terminare la mia visita dicendo al Signore: Guarda la fede di questo popolo e donagli unità e pace.

Vi ringrazio, e vi chiedo di non dimenticarvi di pregare per me.

E voglio ringraziare per la presenza di tanti pellegrini dei popoli fratelli della Bolivia, del Perù e – non siate gelosi – specialmente per la presenza degli argentini, perché l’Argentina è la mia patria! Grazie ai miei fratelli argentini che mi hanno accompagnato a Santiago, a Temuco e qui a Iquique. Grazie tante!

[Benedizione]

 

Partenza di Papa Francesco dal Cile 18 gennaio 2018

Papa Francesco ha lasciato il calore del Cile ed è atterrato all’Aeroporto Internazionale di Lima. Una folla di fedeli lo ha accompagnato lungo il corteo che lo ha condotto in Nunziatura, qui davanti a centinaia di persone ha ringraziato per l’accoglienza, ha recitato l’Ave Maria ed ha chiesto di pregare per lui.

Liturgia del giorno: Audio salmo (55) 56

19 gennaio 2018

Giovedì, 18 gennaio 2018


In Dio confido, non avrò timore
[1] Al maestro del coro. Su “Jonat elem rehoqim”.
Di Davide. Miktam. Quando i Filistei lo tenevano prigioniero in Gat.[2] Pietà di me, o Dio, perché l’uomo mi calpesta,
un aggressore sempre mi opprime.[3] Mi calpestano sempre i miei nemici,
molti sono quelli che mi combattono.

[4] Nell’ora della paura,
io in te confido.

[5] In Dio, di cui lodo la parola,
in Dio confido, non avrò timore:
che cosa potrà farmi un uomo?

[6] Travisano sempre le mie parole,
non pensano che a farmi del male.

[7] Suscitano contese e tendono insidie,
osservano i miei passi,
per attentare alla mia vita.

[8] Per tanta iniquità non abbiano scampo:
nella tua ira abbatti i popoli, o Dio.

[9] I passi del mio vagare tu li hai contati,
le mie lacrime nell’otre tuo raccogli;
non sono forse scritte nel tuo libro?

[10] Allora ripiegheranno i miei nemici,
quando ti avrò invocato:
so che Dio è in mio favore.

[11] Lodo la parola di Dio,
lodo la parola del Signore,

[12] in Dio confido, non avrò timore:
che cosa potrà farmi un uomo?

[13] Su di me, o Dio, i voti che ti ho fatto:
ti renderò azioni di grazie,

[14] perché mi hai liberato dalla morte.
Hai preservato i miei piedi dalla caduta,
perché io cammini alla tua presenza
nella luce dei viventi, o Dio.

 

 

 

Il salmista, di fronte alla sofferenza del suo popolo, dava la sua voce per chiedere a Dio la liberazione, e lo
ringraziava quando si sentiva ascoltato.

LA LIBERAZIONE DALL’ANGOSCIA
Ogni uomo è sempre stato tormentato da alcuni interrogativi:
Perché i disonesti trionfano?
Perché Dio non interviene per fermarli?
Perché i buoni sono i più colpiti dalle sventure?
E perché la vita è così breve? Perché la morte?
Sono domande che si pone anche il salmista e che ci poniamo anche noi. Domande che non ricevono una
risposta: occorrerà aspettare la venuta di Cristo perché abbiano almeno un senso.

 

 

Piccole storie per la gioia del anima

19 gennaio 2018

18 di Gennaio

L’asino e il bue

Mentre Giuseppe e Maria erano in viaggio verso Betlemme, un angelo radunò tutti gli animali per scegliere i più adatti ad aiutare la Santa Famiglia nella stalla.
Per primo, naturalmente, si presentò il leone. “Solo un re è degno di servire il Re del mondo – ruggì – io mi piazzerò all’entrata e sbranerò tutti quelli che tenteranno di avvicinarsi al Bambino!”. “Sei troppo violento” disse l’angelo.
Subito dopo si avvicinò la volpe. Con aria furba e innocente, insinuò: “Io sono l’animale più adatto. Per il figlio di Dio ruberò tutte le mattine il miele migliore e il latte più profumato. Porterò a Maria e Giuseppe tutti i giorni un bel pollo!”. “Sei troppo disonesta”, disse l’angelo.
Tronfio e splendente arrivò il pavone. Sciorinò la sua magnifica ruota color dell’iride: “Io trasformerò quella povera stalla in una reggia più bella del palazzo di Salomone!”. “Sei troppo vanitoso”, disse l’angelo.
Passarono, uno dopo l’altro, tanti animali ciascuno magnificando il suo dono. Invano. L’angelo non riusciva a trovarne uno che andasse bene. Vide però che l’asino e il bue continuavano a lavorare, con la testa bassa, nel campo di un contadino, nei pressi della grotta.
L’angelo li chiamò: “E voi non avete niente da offrire?”. “Niente – rispose l’asino e afflosciò mestamente le lunghe orecchie – noi non abbiamo imparato niente oltre all’umiltà e alla pazienza. Tutto il resto significa solo un supplemento di bastonate!”.
Ma il bue, timidamente, senza alzare gli occhi, disse: “Però potremmo di tanto in tanto cacciare le mosche con le nostre code”.

L’angelo finalmente sorrise: “Voi siete quelli giusti!”.

——————————————————–

 

 

Grossi o piccoli, i superbi sono sempre stupidi.

 

Risultati immagini per asino e bue

Secondo giorno di Papa Francesco in Cile

18 gennaio 2018

 

L’omelia di Papa Francesco nella Messa celebrata nell’Aerodromo di Maquehue a Temuco, 17 gennaio 2018

 

 

 

 

Cile, discorso di Papa Francesco ai giovani nel Santuario di Maipú a Santiago

 

VIAGGIO APOSTOLICO DI SUA SANTITÀ FRANCESCO IN CILE E PERÙ
(15-22 GENNAIO 2018)

INCONTRO CON I GIOVANI

DISCORSO DEL SANTO PADRE

Santuario Nazionale di Maipú
Mercoledì, 17 gennaio 2018

[Multimedia]


 

Anch’io, Ariel, sono felice di essere con voi. Grazie per le tue parole di benvenuto a nome di tutti i presenti. Sono davvero grato di poter condividere questo momento con voi che, come ho letto lì [su uno striscione], “siete scesi dal divano e vi siete messi le scarpe”. Grazie! Considero per me molto importante incontrarci, camminare un po’ insieme, che ci aiutiamo a guardare in avanti! E penso che anche per voi è importante. Grazie!

E sono felice che questo incontro si svolga qui a Maipú. In questa terra dove, con un abbraccio di fraternità, è stata fondata la storia del Cile; in questo Santuario che sorge all’incrocio delle strade tra il Nord e il Sud, che unisce la neve e l’oceano, e fa che il cielo e la terra abbiano una casa. Una casa per il Cile, una casa per voi, cari giovani, dove la Vergine del Carmelo vi aspetta e vi accoglie con il cuore aperto. E come accompagnò la nascita di questa nazione e accompagnò tanti cileni nel corso di questi duecento anni, così vuole continuare ad accompagnare quei sogni che Dio pone nel vostro cuore: sogni di libertà, sogni di gioia, sogni di un futuro migliore. Questi desideri, come dicevi tu Ariel, di «essere i protagonisti del cambiamento». Essere protagonisti. La Vergine del Carmelo vi accompagna perché siate i protagonisti del Cile che i vostri cuori sognano. E io so che il cuore dei giovani cileni sogna, e sogna in grande, non solo quando siete un po’ brilli, no, sempre sognate in grande, perché da queste terre sono nate esperienze che si sono allargate e moltiplicate attraverso diversi Paesi del nostro continente. E chi le ha promosse? Giovani come voi che hanno saputo vivere l’avventura della fede. Perché la fede provoca nei giovani sentimenti di avventura, che invita a viaggiare attraverso paesaggi incredibili, per niente facili, per niente tranquilli…, ma a voi piacciono le avventure e le sfide…, tranne a quelli che non sono ancora scesi dal divano: scendete alla svelta!, così possiamo continuare… Voi che siete specialisti, mettetegli le scarpe… Anzi, vi annoiate quando non avete delle sfide che vi stimolano. Questo si vede ad esempio, ogni volta che succede una catastrofe naturale: avete una enorme capacità di mobilitarvi che parla della generosità dei vostri cuori. Grazie.

E ho voluto iniziare da questo riferimento alla patria, perché il cammino in avanti, i sogni che devono essere realizzati, il guardare sempre all’orizzonte si devono fare con i piedi per terra, e si inizia con i piedi sulla terra della patria. E se voi non amate la vostra patria, io non credo che possiate amare Gesù e che possiate amare Dio. L’amore per la patria è un amore per la madre: la chiamiamo “madre patria” perché qui siamo nati; ma essa stessa, come ogni madre, ci insegna a camminare e si dona a noi perché la facciamo vivere in altre generazioni. Per questo ho voluto iniziare con questo riferimento alla madre, alla madre patria. Se non siete patrioti – non nazionalisti, patrioti – non farete nulla nella vita. Amate la vostra terra, ragazzi e ragazze, amate il vostro Cile! Date il meglio di voi per il vostro Cile.

Nel mio lavoro come vescovo, ho potuto scoprire che ci sono molte, ma veramente molte buone idee nei cuori e nelle menti dei giovani. E’ vero, voi siete inquieti, cercatori, idealisti. Sapete chi ha problemi? Il problema l’abbiamo noi adulti, quando ascoltiamo questi ideali, queste inquietudini dei giovani, e con la faccia da sapientoni diciamo: “Pensa così perché è giovane; presto maturerà”, o peggio: “si corromperà”. Ed è così, dietro il “presto maturerà”, contro queste illusioni e sogni, si nasconde il tacito “presto si corromperà”. Attenti a questo! Maturare vuol dire crescere e far crescere i sogni e far crescere le aspirazioni, non abbassare la guardia e lasciarsi comprare per due soldi, questo non è maturare. Quindi, quando noi adulti pensiamo questo, non ascoltateci. Sembra che in questo “presto maturerà” detto da noi grandi, sembra che vi buttiamo addosso una coperta bagnata per farvi tacere, sembra nascondersi il fatto che maturare voglia dire accettare le ingiustizie, credere che non possiamo fare nulla, che tutto è sempre stato così: “Perché dobbiamo cambiare, se è sempre stato così, se si è sempre fatto così?” Questo è corruzione. Maturare, la vera maturità significa portare avanti i sogni, le vostre aspirazioni, insieme, confrontandosi reciprocamente, discutendo tra di voi, ma sempre guardando avanti, non abbassando la guardia, non vendendo queste aspirazioni. E’ chiaro? [gridano: “Sì!”]

Tenendo conto di tutta questa realtà dei giovani, ecco perché si sta realizzando… [si interrompe perché una ragazza si sente male]… Aspettiamo un minutino che prendano questa nostra sorella che si è sentita male e la accompagniamo con una piccola preghiera perché si rimetta subito… Per questa realtà di voi giovani, vorrei annunciarvi che ho convocato il Sinodo sulla fede e il discernimento in voi giovani, e inoltre l’Incontro dei giovani. Perché il Sinodo lo facciamo noi vescovi, riflettendo sui giovani, ma, sapete, io ho paura dei filtri, perché a volte le opinioni dei giovani per arrivare a Roma devono passare attraverso varie connessioni e queste proposte possono arrivare molto filtrate, non dalle compagnie aeree, ma da quelli che le trascrivono. Per questo voglio ascoltare i giovani, e per questo si fa questo Incontro dei giovani, incontro in cui voi sarete protagonisti: giovani di tutto il mondo, giovani cattolici e giovani non cattolici; giovani cristiani e di altre religioni; e giovani che non sanno se credono o non credono: tutti. Per ascoltarli, per ascoltarci, direttamente, perché è importante che voi parliate, che non vi lasciate mettere a tacere. A noi spetta aiutarvi perché siate coerenti con quello che dite, questo è il lavoro con cui vi possiamo aiutare; ma se voi non parlate, come potremo aiutarvi? E parlate con coraggio, e dite quello che pensate. Questo dunque lo potrete fare nella settimana di incontro prima della Domenica delle Palme, in cui verranno [a Roma] delegazioni di giovani da tutto il mondo, per aiutarci a far sì che la Chiesa abbia un volto giovane.

Una volta, recentemente, una persona mi ha detto: “Io non so se parlare della Santa Madre Chiesa – parlava di un luogo specifico – o della Santa Nonna Chiesa!”. No, no, la Chiesa deve avere un volto giovane, e in questo voi ci dovete aiutare. Però, naturalmente, un volto giovane reale, pieno di vita, non giovane perché truccato con creme che ringiovaniscono, no, questo non serve, ma giovane perché dal profondo del cuore si lascia interpellare. Ed è questo di cui noi, la Santa Madre Chiesa, oggi ha bisogno da parte vostra: che ci interpelliate. E poi, preparatevi per la risposta; ma noi abbiamo bisogno che ci interpelliate, la Chiesa ha bisogno che voi diventiate maggiorenni, spiritualmente maggiorenni, e abbiate il coraggio di dirci: “Questo mi piace; questa strada mi sembra sia quella da fare; questo non va bene, questo non è un ponte ma è un muro”, e così via. Diteci quello che sentite, quello che pensate, e questo elaboratelo tra di voi nei gruppi di questo incontro, e poi questo andrà al Sinodo, dove certamente ci sarà una vostra rappresentanza, ma il Sinodo lo faranno i vescovi con la vostra rappresentanza, che raccoglierà tutti. E quindi preparatevi a questo incontro, e a quelli che andranno a questo incontro date le vostre idee, le vostre aspettative, quello che sentite nel cuore. Quanto ha bisogno di voi la Chiesa, e la Chiesa cilena, per “scuoterci” e aiutarci ad essere più vicini a Gesù! Questo è ciò che vi chiediamo: di scuoterci se siamo statici, di aiutarci a essere più vicini a Gesù. Le vostre domande, il vostro voler sapere, voler essere generosi esigono da noi che siamo più vicini a Gesù. Tutti siamo chiamati, sempre di nuovo, ad essere vicini a Gesù. Se un’attività, un piano pastorale, se questo incontro non ci aiuta a essere più vicini a Gesù, abbiamo perso tempo, abbiamo perso un pomeriggio, ore di preparazione. Aiutateci a essere più vicini a Gesù. E questo lo chiediamo a chi ci può condurre per mano. Guardiamo alla Madre [rivolto alla statua della Vergine]: ognuno nel proprio cuore le dica con le sue parole, a lei che è la prima discepola, che ci aiuti a essere più vicini a Gesù. Dal cuore, ognuno personalmente.

E permettetemi di raccontarvi un aneddoto. Parlando un giorno con un giovane gli ho chiesto che cosa potesse metterlo di cattivo umore: “Che cosa ti mette di cattivo umore?” – perché il contesto era tale per poter fare questa domanda. E lui mi ha detto: “Quando al cellulare si scarica la batteria o quando perdo il segnale internet”. Gli ho chiesto: “Perché?”. Mi ha risposto: “Padre, è semplice, mi perdo tutto quello che succede, resto fuori dal mondo, come appeso. In quei momenti, vado di corsa a cercare un caricabatterie o una rete wi-fi e la password per riconnettermi”. Quella risposta mi ha insegnato, mi ha fatto pensare che con la fede può succederci la stessa cosa. Siamo tutti entusiasti, la fede si rinnova – un ritiro, una predica, un incontro, la visita del Papa – la fede cresce, ma dopo un primo tempo di cammino e di slancio iniziale, ci sono momenti in cui, senza accorgerci, comincia a calare la nostra “larghezza di banda”, a poco a poco, e quell’entusiasmo, quel voler rimanere connessi con Gesù si incomincia a perdere, e iniziamo a restare senza connessione, senza batteria, e allora ci prende il cattivo umore, diventiamo sfiduciati, tristi, senza forza, e incominciamo a vedere tutto negativo. Quando rimaniamo senza questa “connessione” che è quella che dà vita ai nostri sogni, il cuore inizia a perdere forza, a restare anch’esso senza carica e, come dice quella canzone, «il rumore intorno e la solitudine della città ci isolano da tutto. Il mondo che si capovolge cerca di immergermi in esso annegando le mie idee»[1]. Vi è successo qualche volta? Ognuno risponda dentro di sé…, non voglio far vergognare quelli a cui non è successo… A me è successo.

Senza connessione, senza la connessione con Gesù, senza questa connessione finiamo per annegare le nostre idee, annegare i nostri sogni, annegare la nostra fede e dunque ci riempiamo di malumore. Da protagonisti – quali siamo e vogliamo essere – possiamo arrivare a pensare che è lo stesso fare qualcosa o non farlo. “Ma perché perdi tempo? – dice il giovane pessimista – divertiti, lascia perdere, tutte queste cose sappiamo come vanno a finire, il mondo non cambia, prendilo come viene a vai avanti…”. E rimaniamo disconnessi da ciò che sta accadendo nel “mondo”. E restiamo, sentiamo che restiamo “fuori dal mondo”, nel mio piccolo mondo dove sto tranquillo, lì, sul mio divano… Mi preoccupa quando, perdendo il “segnale”, molti pensano di non avere niente da dare e rimangono come persi. “Su, tu hai qualcosa da dare!” – “No, no, questo è un disastro… Io cerco di studiare, prendere un diploma, sposarmi, e poi basta, non voglio problemi, tanto tutto finisce male…”. Questo è quando si perde la connessione. Non pensare mai che non hai niente da dare o che non hai bisogno di nessuno. Molta gente ha bisogno di te, pensaci. Ognuno di voi lo pensi nel suo cuore: molta gente ha bisogno di me. Quel pensiero, come amava dire Hurtado, «è il consiglio del diavolo» – “nessuno ha bisogno di me” -, che vuole farti credere che non vali nulla… ma per lasciare le cose come stanno. Per questo ti fa credere che non vali niente: perché nulla cambi. Perché l’unico che può fare un cambiamento nella società è il giovane, uno di voi. Noi, siamo già “dall’altra parte”… [Un altro giovane sviene] Grazie, tra parentesi, perché questi svenimenti sono segno di quello che provano molti di voi… Da quanto tempo siete qui? Me lo dite? [alcuni rispondono] Grazie! Tutti, dicevo, siamo importanti e tutti abbiamo qualcosa da dare… con un momentino di silenzio ognuno di voi si può chiedere, seriamente, nel proprio cuore: “Che cosa ho io da dare nella vita?”. E quanti di voi hanno voglia di dire: “Non lo so”. Non sai che cosa hai da dare? Lo hai dentro e non lo conosci. Cerca di trovarlo in fretta per darlo. Il mondo ha bisogno di te, la patria ha bisogno di te, la società ha bisogno di te. Tu hai qualcosa da dare. Non perdere la connessione.

I giovani del Vangelo che abbiamo ascoltato oggi volevano quel “segnale, cercavano quel segnale che li aiutasse a mantenere vivo il fuoco nei loro cuori. Quei giovani, che stavano con Giovanni il Battista, volevano sapere come caricare la batteria del cuore. Andrea e l’altro discepolo – che non dice il nome, e possiamo pensare che quell’altro discepolo può essere ognuno di noi – cercavano la password per connettersi con Colui che è «Via, Verità e Vita» (Gv 14,6). Erano guidati da Giovanni il Battista. E penso che voi abbiate un grande santo che può guidarvi, un santo che cantava con la sua vita: «Contento, Signore, contento!». Hurtado aveva una regola d’oro, una regola per accendere il suo cuore con quel fuoco capace di mantenere viva la gioia. Perché Gesù è quel fuoco che infiamma chi gli si avvicina.

E la password di Hurtado per riconnettersi, per mantenere il segnale era molto semplice… Di sicuro nessuno di voi ha portato il telefono… vediamo… Mi piacerebbe che la appuntaste sui vostri cellulari. Se volete, io ve la detto. Hurtado si domanda – e questa è la password –: “Cosa farebbe Cristo al mio posto?”. Chi può se la segni. “Cosa farebbe Cristo al mio posto?”. Cosa farebbe Cristo al mio posto a scuola, all’università, per strada, a casa, cogli amici, al lavoro; davanti a quelli che fanno i bulli: “Cosa farebbe Cristo al mio posto?”. Quando andate a ballare, quando fate sport o andate allo stadio: “Cosa farebbe Cristo al mio posto?”. Questa è la password. Questa è la carica per accendere il nostro cuore, accendere la fede e la scintilla nei nostri occhi. Che non vada via. Questo è essere protagonisti della storia. Occhi scintillanti perché abbiamo scoperto che Gesù è fonte di vita e di gioia. Protagonisti della storia, perché vogliamo contagiare quella scintilla in tanti cuori spenti, opachi, che hanno dimenticato cosa significa sperare; in tanti che sono apatici e aspettano che qualcuno li inviti e li provochi con qualcosa che valga la pena. Essere protagonisti è fare ciò che ha fatto Gesù. Lì dove sei, con chiunque ti trovi e a qualsiasi ora: “Cosa farebbe Gesù al mio posto?”. Avete memorizzato la password? [rispondono: “Sì!”] E l’unico modo per non dimenticare la password è usarla, altrimenti ci succede – chiaramente è più per quelli della mia età, non della vostra, però così lo sapete – quello capitò a quei tre pazzi di quel film che fanno un colpo, una rapina a una cassaforte, tutto studiato, e quando arrivano… si sono dimenticati la combinazione, si sono dimenticati la chiave. Se non usate la password la dimenticherete. Memorizzatela nel cuore! Com’era la password? [rispondono: “Cosa farebbe Cristo al mio posto?”]… Non si sente bene in spagnolo… Com’era? [la ripetono] Questa è la password. Ripetetela, ma usatela, usatela! Cosa farebbe Cristo al mio posto? E bisogna usarla tutti i giorni. Verrà il momento in cui la saprete a memoria; e verrà il giorno in cui, senza che ve ne rendiate conto, arriverà il giorno in cui, senza rendervene conto, il cuore di ognuno di voi batterà come il cuore di Gesù.

Non basta ascoltare un insegnamento religioso o imparare una dottrina; quello che vogliamo è vivere come Gesù ha vissuto. Cosa farebbe Cristo al mio posto? Tradurre Gesù nella mia vita. Per questo i giovani del Vangelo gli chiedono: «Signore, dove abiti?»[2] – lo abbiamo ascoltato poco fa -, come vivi? Io lo chiedo a Gesù? Vogliamo vivere come Gesù, questo sì che fa vibrare il cuore.

Fa vibrare il cuore e ti mette sulla strada del rischio. Correre il rischio, rischiare. Cari amici, siate coraggiosi, andate spediti incontro ai vostri amici, a quelli che non conoscete o che si trovano in un momento difficile.

E andate con l’unica promessa che abbiamo: in mezzo al deserto, alla strada, all’avventura, ci sarà sempre la “connessione”, esisterà un “caricabatterie”. Non saremo soli. Sempre godremo della compagnia di Gesù e di sua Madre e di una comunità. Certamente una comunità che non è perfetta, ma ciò non significa che non abbia molto da amare e da offrire agli altri. Com’era la password? [rispondono: “Cosa farebbe Cristo al mio posto?”] Bene, la ricordate ancora.

Cari amici, cari giovani, «siate voi – ve lo chiedo per favore – siate voi i giovani samaritani che non lasciano mai nessuno a terra lungo la strada. Nel cuore, un’altra domanda: qualche volta ho lasciato qualcuno a terra per la strada? Un parente, un amico, un’amica…? Siate samaritani, non abbandonate mai l’uomo a terra lungo la strada. Siate i giovani cirenei che aiutano Cristo a portare la sua croce e condividono la sofferenza dei fratelli. Siate come Zaccheo che trasformò il suo nanismo spirituale in grandezza e lasciò che Gesù trasformasse il suo cuore materialista in un cuore solidale. Siate come la giovane Maddalena, appassionata cercatrice dell’amore, che solo in Gesù trova le risposte di cui ha bisogno. Abbiate il cuore di Pietro, per lasciare le reti in riva al lago. Abbiate l’affetto di Giovanni, per riporre in Gesù tutti i vostri affetti. Abbiate la disponibilità di nostra Madre, la prima discepola, per cantare con gioia e fare la sua volontà»[3].

Cari amici, mi piacerebbe rimanere più a lungo. Quelli che hanno il telefono, lo prendano in mano: è un segno, per non dimenticarsi della password. Qual era la password? [rispondono: “Cosa farebbe Cristo al mio posto?”]. E così vi riconnettete e non rimanete senza campo. Mi piacerebbe rimanere di più. Grazie per questo incontro e per la vostra gioia. Grazie! E vi chiedo per favore di non dimenticarvi di pregare per me.


 

 

Cile, discorso di Papa Francesco alla Pontificia Università Cattolica

 

Il discorso integrale di Papa Francesco alla Pontificia Università Cattolica, nel 130esimo anniversario di fondazione. Il Santo Padre ha ricordato che “l’intelligenza” e “l’eccellenza accademica”, “armonizzate con la fede, la giustizia e la carità, lungi dall’essere sminuite, acquistano una forza profetica”, soprattutto per quanti sono abbandonati a loro stessi a causa della “cultura dello scarto”. 17 gennaio 2018

Liturgia del giorno: Audio salmo (143) 144

17 gennaio 2018

Mercoledì, 17 gennaio 2018

 

Benedetto il Signore, mia roccia

[1] Di Davide.
Benedetto il Signore, mia roccia,
che addestra le mie mani alla guerra,
le mie dita alla battaglia.

[2] Mia grazia e mia fortezza,
mio rifugio e mia liberazione,
mio scudo in cui confido,
colui che mi assoggetta i popoli.

[3] Signore, che cos’è un uomo perché te ne curi?
Un figlio d’uomo perché te ne dia pensiero?

[4] L’uomo è come un soffio,
i suoi giorni come ombra che passa.

[5] Signore, piega il tuo cielo e scendi,
tocca i monti ed essi fumeranno.

[6] Le tue folgori disperdano i nemici,
lancia frecce, sconvolgili.

[7] Stendi dall’alto la tua mano,
scampami e salvami dalle grandi acque,
dalla mano degli stranieri.

[8] La loro bocca dice menzogne
e alzando la destra giurano il falso.

[9] Mio Dio, ti canterò un canto nuovo,
suonerò per te sull’arpa a dieci corde;

[10] a te, che dai vittoria al tuo consacrato,
che liberi Davide tuo servo.
Salvami dalla spada iniqua,

[11] liberami dalla mano degli stranieri;
la loro bocca dice menzogne
e la loro destra giura il falso.

[12] I nostri figli siano come piante
cresciute nella loro giovinezza;
le nostre figlie come colonne d’angolo
nella costruzione del tempio.

[13] I nostri granai siano pieni,
trabocchino di frutti d’ogni specie;
siano a migliaia i nostri greggi,
a mirìadi nelle nostre campagne;

[14] siano carichi i nostri buoi.
Nessuna breccia, nessuna incursione,
nessun gemito nelle nostre piazze.

[15] Beato il popolo che possiede questi beni:
beato il popolo il cui Dio è il Signore.

 

 

SIGNORE, RENDIMI IL CUORE

“Ho un cuore grazie al quale vivo
ma che mi si è smarrito,
pere tutti questi cambiamenti.
Signore, rendimelo, 
perché non ho più pazienza
a furia di spazientirmi con lui!
Soccorrimi, Signore, 
finché mi rimane un soffio di vita,
Tu che aiuti chi Ti invoca!”

Piccole storie per la gioia del anima

17 gennaio 2018

17 di Gennaio

Il segreto

 

Risultati immagini per il segreto

Celebravano i 50 anni di matrimonio. Erano felici, circondati da figli e nipoti.
Al marito fu chiesto quale fosse il segreto di un matrimonio così duraturo.
Il vecchio signore chiuse un attimo gli occhi e poi, come ripescando nella memoria un ricordo lontano, raccontò.
«Lucia, mia moglie, era l’unica ragazza con cui fossi mai uscito.
Ero cresciuto in un orfanotrofio e avevo sempre lavorato duro per ottenere quel poco che avevo. Non avevo mai avuto tempo di uscire con le ragazze, finché Lucia non mi conquistò. Prima ancora di rendermi conto di quello che stava accadendo, l’avevo chiesta in moglie.
Eravamo così giovani, tutti e due. Il giorno delle nozze, dopo la cerimonia in chiesa, il padre di Lucia mi prese in disparte e mi diede in mano un pacchettino. Disse: “Con questo regalo, non ti servirà altro per un matrimonio felice”.
Ero agitato e litigai un po’ con la carta e con il nastro prima di riuscire a scartare il pacchetto.
Nella scatola c’era un grosso orologio d’oro. Lo sollevai con cautela.
Mentre lo osservavo da vicino, notai un’incisione sul quadrante: era un’esortazione molto saggia e l’avrei vista tutte le volte che avessi controllato l’ora».
L’anziano signore sorrise e mostrò il suo vecchio orologio. C’erano delle parole un po’ svanite, ma ancora leggibili incise sul quadrante.
Quelle parole recavano in sé il segreto di un matrimonio felice.
Erano le seguenti: «Di’ qualcosa di carino a Lucia».

 

Di’ qualcosa di carino alla persona che ami.
Adesso.

Liturgia del giorno: Audio salmo (88) 89

17 gennaio 2018

Ho trovato Davide, mio servo.

[1] Maskil. Di Etan l’Ezraita.

[2] Canterò senza fine le grazie del Signore,
con la mia bocca annunzierò la tua fedeltà nei secoli,

[3] perché hai detto: “La mia grazia rimane per sempre”;
la tua fedeltà è fondata nei cieli.

[4] “Ho stretto un’alleanza con il mio eletto,
ho giurato a Davide mio servo:

[5] stabilirò per sempre la tua discendenza,
ti darò un trono che duri nei secoli”.

[6] I cieli cantano le tue meraviglie, Signore,
la tua fedeltà nell’assemblea dei santi.

[7] Chi sulle nubi è uguale al Signore,
chi è simile al Signore tra gli angeli di Dio?

[8] Dio è tremendo nell’assemblea dei santi,
grande e terribile tra quanti lo circondano.

[9] Chi è uguale a te, Signore, Dio degli eserciti?
Sei potente, Signore, e la tua fedeltà ti fa corona.

[10] Tu domini l’orgoglio del mare,
tu plachi il tumulto dei suoi flutti.

[11] Tu hai calpestato Raab come un vinto,
con braccio potente hai disperso i tuoi nemici.

[12] Tuoi sono i cieli, tua è la terra,
tu hai fondato il mondo e quanto contiene;

[13] il settentrione e il mezzogiorno tu li hai creati,
il Tabor e l’Ermon cantano il tuo nome.

[14] È potente il tuo braccio,
forte la tua mano, alta la tua destra.

[15] Giustizia e diritto sono la base del tuo trono,
grazia e fedeltà precedono il tuo volto.

[16] Beato il popolo che ti sa acclamare
e cammina, o Signore, alla luce del tuo volto:

[17] esulta tutto il giorno nel tuo nome,
nella tua giustizia trova la sua gloria.

[18] Perché tu sei il vanto della sua forza
e con il tuo favore innalzi la nostra potenza.

[19] Perché del Signore è il nostro scudo,
il nostro re, del Santo d’Israele.

[20] Un tempo parlasti in visione ai tuoi santi dicendo:
“Ho portato aiuto a un prode,
ho innalzato un eletto tra il mio popolo.

[21] Ho trovato Davide, mio servo,
con il mio santo olio l’ho consacrato;

[22] la mia mano è il suo sostegno,
il mio braccio è la sua forza.

[23] Su di lui non trionferà il nemico,
né l’opprimerà l’iniquo.

[24] Annienterò davanti a lui i suoi nemici
e colpirò quelli che lo odiano.

[25] La mia fedeltà e la mia grazia saranno con lui
e nel mio nome si innalzerà la sua potenza.

[26] Stenderò sul mare la sua mano
e sui fiumi la sua destra.

[27] Egli mi invocherà: Tu sei mio padre,
mio Dio e roccia della mia salvezza.

 

Abbi pietà,o Signore, delle debolezze della tua Chiesa:
se i suoi figli talvolta vacillano,punisci e flagella,

ma non togliere mai la tua grazia,
non sottrarre la tua fedeltà.

Il Salmo è composto di tre parti diverse.
I Parte:Un inno che canta la gloria del Signore: misericordia, fedeltà, crea, disperde i nemici, è Re giusto.
II Parte: Elezione di Davide, promesse divine, Dio è alleato fedele.
III parte: Una lamentazione forse sulle conseguenze della deportazione operata da Nabucodonosor. Ma…. malgrado le infedeltà umane e le punizioni (persecuzioni, oltraggi) la fedeltà e la grazia di Dio non verranno mai meno.

 

 

Tacere davanti a te, offrirti il mio silenzio in omaggio d’amore.
Tacere davanti a te per poter dire l’inesprimibile
al di là delle parole.
Tacere per liberare il fondo del mio spirito,
l’essenza della mia anima
Tacere per lasciar battere il cuore più forte nella tua intimità,
e per prendere il tempo di guardarti meglio,
più libero e più sereno.
Tacere per sognare di te, della tua presenza,
della tua grande bontà, e per scoprirti nella tua realtà
più bello del mio sogno.
Tacere per lasciare che lo Spirito d’amore gridi in me
“Abba” al Padre,
e dirti “Signore” con la sua voce divina dagli accenti ineffabili.
Tacere, lasciarti rivolgermi la tua parola in tutta libertà,
sforzarmi di ascoltare il tuo linguaggio segreto e di meditarlo.
Tacere e cercarti non più con le parole
ma con tutto il mio essere,
e trovarti veramente quale tu sei, Gesù, nella tua divinità.

 Jean Galot

Piccole storie per la gioia del anima

16 gennaio 2018

16 di Gennaio

LA VISITA

 

Risultati immagini per la visita

Ogni giorno a mezzogiorno, un giovane si affacciava sulla porta della chiesa e ripartiva qualche minuto più tardi.
Portava un camiciotto a quadri e i jeans sdruciti come tutti i giovani della sua età. Aveva in mano un sacchetto di carta con i panini per il pranzo.
Insospettito, il parroco gli domandò che cosa ci venisse a fare. Perché, con i tempi che corrono, c è gente che ruba anche in chiesa.
“Vengo a pregare” rispose il giovane.
“Pregare… Come fai a pregare così velocemente?”.
“Beh.., tutti i giorni mi affaccio in questa chiesa a mezzogiorno e dico soltanto: Gesù, è Jim; poi me ne vado. E’ un piccola preghiera, ma sono sicuro che Lui mi ascolta”.Qualche giorno dopo, per un incidente sul lavoro, il giovane fu trasportato all’ospedale con alcune fratture molto dolorose.
Fu sistemato in una camera con altri ricoverati.
Il suo arrivo cambiò il reparto. Dopo un paio di giorni la sua camera era diventata un punto d’incontro per tutti i pazienti del corridoio.
Giovani e anziani si davano appuntamento intorno al suo letto e lui aveva un sorriso e una battuta d’incoraggiamento per tutti.
Venne a visitarlo anche il parroco e, accompagnato da un’infermiera, si recò accanto al letto del giovane.
“Mi hanno detto che sei molto malconcio, ma che nonostante questo conforti tutti gli altri. Come fai?”.
“È grazie a uno che mi viene a trovare tutti i giorni a mezzogiorno”.
L’infermiera lo interruppe. “Ma non c’è nessuno che viene a mezzogiorno””.
“Oh sì! Viene tutti i giorni, si affaccia alla porta della camera e dice: Jim, è Gesù; e se ne va”.



Un brav’uomo passava ogni giorno davanti ad una immagine di Maria dipinta sul muro di una strada. Ogni volta le rivolgeva un saluto: “Buongiorno, Madre!”.
Una sera, dopo qualche anno, senti distintamente una voce provenire dall’immagine. “Buonasera, figliolo!”.
Se non sentiamo la risposta alle nostre preghiere è perché in fondo non ce l’aspettiamo.

 

Liturgia del giorno: Audio salmo (49) 50

16 gennaio 2018

Lunedì, 15 dicembre 2018


 A chi cammina per la retta via mostrerò la salvezza di Dio.

 

[1] Salmo. Di Asaf.
Parla il Signore, Dio degli dei,
convoca la terra da oriente a occidente.

[2] Da Sion, splendore di bellezza,
Dio rifulge.

[3] Viene il nostro Dio e non sta in silenzio;
davanti a lui un fuoco divorante,
intorno a lui si scatena la tempesta.

[4] Convoca il cielo dall’alto
e la terra al giudizio del suo popolo:

[5] “Davanti a me riunite i miei fedeli,
che hanno sancito con me l’alleanza
offrendo un sacrificio”.

[6] Il cielo annunzi la sua giustizia,
Dio è il giudice.

[7] “Ascolta, popolo mio, voglio parlare,
testimonierò contro di te, Israele:
Io sono Dio, il tuo Dio.

[8] Non ti rimprovero per i tuoi sacrifici;
i tuoi olocausti mi stanno sempre davanti.

[9] Non prenderò giovenchi dalla tua casa,
né capri dai tuoi recinti.

[10] Sono mie tutte le bestie della foresta,
animali a migliaia sui monti.

[11] Conosco tutti gli uccelli del cielo,
è mio ciò che si muove nella campagna.

[12] Se avessi fame, a te non lo direi:
mio è il mondo e quanto contiene.

[13] Mangerò forse la carne dei tori,
berrò forse il sangue dei capri?

[14] Offri a Dio un sacrificio di lode
e sciogli all’Altissimo i tuoi voti;

[15] invocami nel giorno della sventura:
ti salverò e tu mi darai gloria”.

 

 

 

Annunziandosi con la voce degli elementi del creato, il Signore chiama a confronto i suoi fedeli.
Questi continuano a moltiplicare sacrifici e olocausti, e hanno sempre in bocca l’alleanza, ma il cuore e le opere sono lontane da lui: rapine, adulteri, inganni, discordie laceranti.
Iddio non può tacere, proprio perché li vuole salvi.
Non sa che farsene delle vittime immolate se all’offerta non corrisponde il sacrificio interiore del distacco dal male.
Tutto il creato gli appartiene: ma quello che egli cerca è il cuore dell’uomo, che in una rinnovata fedeltà riconosca in lui il suo Dio, e gli offra il sacrificio di lode.

 

 

 

Rimani con me, Signore:
poichè tu sai con quanta frequenza
io ti abbandono.
Rimani con me, Signore:
perchè tu sei la mia vita
e senza di te si affievolisce
il mio fervore.
Rimani con me, Signore:
perchè tu sei la mia luce
e senza di te rimango nelle tenebre.
Rimani con me, Signore:
perchè oda la tua voce e la segua.
Rimani con me, Signore:
perchè voglio amarti molto
e vivere sempre insieme a te.
Rimani con me, Signore:
e con tutta la mia famiglia
perchè viviamo uniti nel tuo amore
e un giorno tutti insieme,
cantiamo le tue lodi per l’eternità.

Amen.

 

Piccole storie per la gioia del anima

15 gennaio 2018

15 di Gennaio

LA CATENA E IL PETTINE

Risultati immagini per la catena e il pettine

 

C’erano una volta, in un paese di questo mondo, due sposi il cui amore non aveva smesso di crescere dal giorno del loro matrimonio. Erano molto poveri, ma ciascuno sapeva che l’altro portava nel cuore un desiderio inappagato: lui possedeva un orologio da tasca d’oro, ereditato dal padre, e sognava di comprare una catena dello stesso metallo prezioso, lei aveva dei lunghi e morbidi capelli biondi, e sognava un pettine di madreperla da poter infilare tra i capelli come un diadema.
Col passare degli anni, lui pensava sempre di più al pettine, mentre lei aveva quasi dimenticato il pettine, cercando il modo di comprare la catena d’oro.
Da molto tempo non ne parlavano più, ma dentro di loro nutrivano segretamente il sogno impossibile.
Il mattino del decimo anniversario del loro matrimonio, il marito vide la moglie venirgli incontro sorridente, ma con la testa quasi rasata, senza i suoi lunghi bellissimi capelli.

“Che cosa hai fatto, cara?”, chiese, pieno di stupore.
La donna aprì le sue mani nelle quali brillava una catena d’oro.
“Li ho venduti per comprare la catena d’oro per il tuo orologio”.
“Ah, tesoro, che hai fatto?”, disse l’uomo, aprendo le mani in cui splendeva un prezioso pettine di madreperla. “Io ho venduto l’orologio per comprarti il pettine!”.
E si abbracciarono, senza più niente, ricchi soltanto uno dell’altro.

 

“Mettimi come un sigillo sul tuo cuore,
come un sigillo sul tuo braccio.
Perché l’amore è forte come la morte.
Non basterebbe l’acqua degli oceani
a spegnere l’amore.
Neppure i fiumi lo potrebbero sommergere.
Se qualcuno provasse a comprare l’amore
con le sue ricchezze
otterrebbe solo il disprezzo”
(Cantico dei Cantici 8,6-7).

Esiste nella vita una sola felicità: amare ed essere amati.

 

Il Papa in volo verso il Cile

15 gennaio 2018
 
L’ aereo dell’Alitalia con a bordo il Papa è decollato questa mattina dall’aeroporto di Roma-Fiumicino alle 8.55 alla volta di Santiago del Cile, dove atterrera’ dopo quasi 16 ore di volo, intorno alla mezzanotte di oggi, le ore 20.10 locali.

All’arrivo all’aeroporto di Roma-Fiumicino il Papa è stato accolto da autorità religiose e civili. Sorridente, con la consueta borsa nera tenuta stretta nella mano sinistra ed appoggiandosi con la destra sul corrimano della scaletta dell’aereo, Papa Francesco ha quindi raggiunto il portellone di ingresso del Boeing. Arrivato in cima, prima di entrare nell’aereo, ha salutato le due hostess ed il comandante del volo che lo stavano attendendo. Subito dopo, il Papa si e’ quindi voltato verso tutti gli altri presenti per salutarli con un cenno della mano.

 

 La partenza

Prima di lasciare il Vaticano in un tweet Francesco ha chiesto di essere accompagnato con la preghiera in questo suo viaggio in Cile e Perù. All’aeroporto della capitale cilena, nella cerimonia di benvenuto non sono previsti discorsi perchè  l’incontro con le autorita’ al Palazzo della Moneda è previsto per domani. Nella capitale cilena il Papa sara’ accolto dalla Presidente uscente della Repubblica, ma ancora in carica, la socialista Michelle Bachelet. Quindi il trasferimento alla Nunziatura apostolica, dove Francesco alloggera’ nel suo soggiorno a Santiago. In Cile, oltre alla capitale, il Pontefice visitera’ le citta’ di Temuco, a Sud, dove incontrera’ le popolazioni indigene Mapuche, e Iquique, nel Nord minerario. In Peru’, dove arrivera’ giovedi’ sera, sara’ nella capitale Lima, nell’amazzonica Puerto Maldonado e a Trujillo, sulla costa del Pacifico, colpita l’anno scorso dalle inondazioni di ‘El Nino’. Il rientro a Roma è previsto per lunedi’ 22.

I Papi in Cile e Perù

Sia il Cile che il Perù sono stati visitati in precedenza da Papa Giovanni Paolo II: il Cile nel 1987, il Peru’ due volte, nell’85 e nell’88. Papa Francesco ha vissuto un anno e mezzo in Cile nel noviziato dei Gesuiti e prima di diventare Papa ha visitato anche il Perù.

 

 

Padre Nostro

15 gennaio 2018

Prima puntata:
Padre nostro, che sei nei celi

don Marco Pozza, giovane cappellano del carcere di Padova, autore e conduttore del programma

 

 

Piccole storie per la gioia del anima

13 gennaio 2018

13 di Gennaio

L’ AQUILONE

 

Risultati immagini per L'AQUILONE

 


Una tersa e ventilata mattina di marzo, un bambino, aiutato dal nonno, fece innalzare nel cielo un magnifico aquilone.
Portato dal vento, l’aquilone saliva e saliva sempre più in alto. finché divenne solo più un puntolino.
Il filo si srotolava e seguiva l’aquilone verso l’alto, ma il nonno aveva legato saldamente una estremità del filo al polso del bambino.
Lassù, nell’azzurro, l’aquilone dondolava tranquillo e sicuro, seguendo le correnti.
Due grassi piccioni chiacchieroni, che volavano pigramente, si affiancarono all’aquilone e cominciarono a fare commenti sui suoi colori.

“Sei vestito proprio in ghingheri, amico”, disse uno.
“Dai, vieni con noi. Facciamo una gara di resistenza” disse l’altro.
“Non posso”, disse l’aquilone.
“Perché?”.
“Sono legato al mio padroncino, laggiù sulla terra”.
I due piccioni guardarono in giù.
“Io non vedo nessuno”, disse uno.
“Neppure io lo vedo”,

rispose l’aquilone, ma sono sicuro che c’è perché ogni tanto sento uno strattone al filo”.

 

……….

Sii felice se ogni tanto Dio dà uno strattone al tuo filo.
Non lo vedi, ma è legato a te.

E non ti lascerà perdere.
Mai.

 

Liturgia del giorno: Audio salmo (20) 21

13 gennaio 2018

Sabato, 13 gennaio 2018


 

Signore, il re gioisce della tua potenza!

[1] Al maestro del coro. Salmo. Di Davide.

[2] Signore, il re gioisce della tua potenza,
quanto esulta per la tua salvezza!

[3] Hai soddisfatto il desiderio del suo cuore,
non hai respinto il voto delle sue labbra.

[4] Gli vieni incontro con larghe benedizioni;
gli poni sul capo una corona di oro fino.

[5] Vita ti ha chiesto, a lui l’hai concessa,
lunghi giorni in eterno, senza fine.

[6] Grande è la sua gloria per la tua salvezza,
lo avvolgi di maestà e di onore;

[7] lo fai oggetto di benedizione per sempre,
lo inondi di gioia dinanzi al tuo volto.

[8] Perché il re confida nel Signore:
per la fedeltà dell’Altissimo non sarà mai scosso.

[9] La tua mano raggiungerà ogni tuo nemico,
la tua destra raggiungerà chiunque ti odia.

[10] Ne farai una fornace ardente,
nel giorno in cui ti mostrerai:
il Signore li consumerà nella sua ira,
li divorerà il fuoco.

[11] Sterminerai dalla terra la loro prole,
la loro stirpe di mezzo agli uomini.

[12] Perché hanno ordito contro di te il male,
hanno tramato insidie, non avranno successo.

[13] Hai fatto loro voltare le spalle,
contro di essi punterai il tuo arco.

[14] Alzati, Signore, in tutta la tua forza;
canteremo inni alla tua potenza.

 

 

 

Alzati, Signore, in tutta la tua forza;
canteremo inni alla tua potenza.

Forse che il Signore non risponderà prontamente alle invocazioni del Suo Popolo che potrà cantare come il salmista: La tua mano raggiungerà ogni tuo nemico, la tua destra raggiungerà chiunque ti odia.

Allora verrà un periodo di pace, la crisi economica si scioglierà come neve al sole, cesseranno fra gli uomini violenza, corruzione, distruzione della Famiglia, devastazione del territorio, cesseranno alluvioni e terremoti, il terrorismo sarà sconfitto … !

Utopia? – Non credo proprio perché la storia di Israele è lì a dimostrare il contrario! – Ma anche la nostra storia, basti pensare ad eventi eclatanti degli ultimi secoli come le battaglie di Vienna e di Lepanto che hanno segnato, con eventi prodigiosi, la sconfitta dell’impero Ottomano che era ad un passo da conquistare tutta l’Europa!

Crediamo noi a quello che dice il Vangelo?:

Allora gli apostoli dissero al Signore: «Aumentaci la fede». Il Signore disse: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo sicomoro: “Sràdicati e trapiàntati nel mare”, e vi ubbidirebbe” (Luca 17,5-6)

Ovviamente il Signore non opera Lui direttamente (e lo potrebbe fare!), ma si serve della nostra collaborazione – nella Storia della Salvezza noi siamo “Soggetti attivi” – dobbiamo “metterci la faccia”!! – Questo salmo è un canto di esultanza per la potenza dell’Altissimo – siamo capaci anche noi di esultare come il salmista?!

 

 

 

 

Grande è la sua gloria per la nostra salvezza.
Dono per superare le tentazioni e sorgente di fiducia,
consolazione e speranza.

 

 

 

 

Liturgia del giorno: Audio salmo (88) 89

12 gennaio 2018

Venerdì, 12 gennaio 2018


 

Canterò in eterno l’amore del Signore.

[1] Maskil. Di Etan l’Ezraita.

[2] Canterò senza fine le grazie del Signore,
con la mia bocca annunzierò la tua fedeltà nei secoli,

[3] perché hai detto: “La mia grazia rimane per sempre”;
la tua fedeltà è fondata nei cieli.

[4] “Ho stretto un’alleanza con il mio eletto,
ho giurato a Davide mio servo:

[5] stabilirò per sempre la tua discendenza,
ti darò un trono che duri nei secoli”.

[6] I cieli cantano le tue meraviglie, Signore,
la tua fedeltà nell’assemblea dei santi.

[7] Chi sulle nubi è uguale al Signore,
chi è simile al Signore tra gli angeli di Dio?

[8] Dio è tremendo nell’assemblea dei santi,
grande e terribile tra quanti lo circondano.

[9] Chi è uguale a te, Signore, Dio degli eserciti?
Sei potente, Signore, e la tua fedeltà ti fa corona.

[10] Tu domini l’orgoglio del mare,
tu plachi il tumulto dei suoi flutti.

[11] Tu hai calpestato Raab come un vinto,
con braccio potente hai disperso i tuoi nemici.

[12] Tuoi sono i cieli, tua è la terra,
tu hai fondato il mondo e quanto contiene;

[13] il settentrione e il mezzogiorno tu li hai creati,
il Tabor e l’Ermon cantano il tuo nome.

[14] È potente il tuo braccio,
forte la tua mano, alta la tua destra.

[15] Giustizia e diritto sono la base del tuo trono,
grazia e fedeltà precedono il tuo volto.

[16] Beato il popolo che ti sa acclamare
e cammina, o Signore, alla luce del tuo volto:

[17] esulta tutto il giorno nel tuo nome,
nella tua giustizia trova la sua gloria.

[18] Perché tu sei il vanto della sua forza
e con il tuo favore innalzi la nostra potenza.

[19] Perché del Signore è il nostro scudo,
il nostro re, del Santo d’Israele.

 

 

Vivi nella certezza che Dio ti ama
Non scoraggiarti se sogni il sole e uscendo ti bagni per la pioggia.
Non scoraggiarti se speri che quel fiore viva e ti svegli, e lo trovi appassito.
Non scoraggiarti se credi nel sorriso di un uomo…
e, poi, lo stesso uomo ti delude…
Non scoraggiarti se doni tutto di te e poi studiandoti ti scopri un pozzo vuoto,
senz’acqua, privo di tutto:
non scoraggiarti, perché c’è chi riempie quel tuo pozzo
di un’acqua che non si esaurisce mai,
di un’acqua che disseta la mente, il corpo, e soprattutto l’anima.
Non scoraggiarti se ti rubano la tua libertà, se i tuoi occhi guardano con amore
e ricevono sguardi di odio, d’invidia: se tutto di te viene frainteso, non scoraggiarti.
Vivi nella tua libertà, nelle tue convinzioni, difendendo e potenziando quei valori
che Lui ha posto nel tuo cuore; vivi donando la gioia e l’amore,
schierandoti dalla parte dei deboli, dei piccoli, dei sofferenti,
perché è da loro che puoi ricevere molto, tutto quello che serve a vivere,
e vivi nella certezza che Dio ti ama
 
da ( La Pace Sia Sempre Con Te)

 

 

“Se la vita del corpo

è un gran dono,

la vita dello spirito

è un dono

immensamente superiore.”

(S. Annibale Maria di Francia)

Omelia di Papa Francesco a Santa Marta del 12 Gennaio 2018

12 gennaio 2018

 

 

Papa a Santa Marta: la preghiera cristiana è coraggiosa e nasce dalla fede

Fede in Gesù e coraggio per andare oltre le difficoltà come hanno fatto tanti santi: questo caratterizza la preghiera cristiana. E’ quanto ha sottolineato il Papa nella Messa del mattino a Casa Santa Marta, ispirandosi alle guarigioni narrate dal Vangelo
 Gabriella Ceraso- Città del Vaticano 

Come è nel Vangelo la preghiera di coloro che riescono dal Signore ad avere ciò che chiedono? Nasce da questa domanda la riflessione del Papa nell’omelia della Messa mattutina a Casa Santa Marta.

La preghiera nella fede e dalla fede

Il Vangelo di Marco ieri come oggi racconta di due guarigioni, ricorda Francesco, quella del lebbroso e l’odierna del paralitico. Entrambi pregano per ottenere, entrambi lo fanno con fede: il lebbroso, sottolinea il Papa, sfida anche Gesù con coraggio, dicendo: ” Se vuoi puoi purificarmi!”. E la risposta del Signore è immediata: ” Lo voglio”. Tutto è dunque , come insegna il Vangelo, “possibile a chi crede”:

Sempre, quando ci avviciniamo al Signore per chiedere qualcosa, si deve partire dalla fede e farlo nella fede: “Io ho fede che tu puoi guarirmi, io credo che tu puoi fare questo” e avere il coraggio di sfidarlo, come questo lebbroso di ieri, quest’uomo di oggi, questo paralitico di oggi. La preghiera nella fede. 

Non preghiamo come pappagalli

Il Vangelo ci porta quindi ad interrogarci sul nostro modo di pregare.  Non lo facciamo come “pappagalli” e senza” interesse” in quello che chiediamo, semmai, suggerisce il Papa,  supplichiamo il Signore di “aiutare la nostra poca fede” anche davanti alle difficoltà. Sono tanti infatti gli episodi del Vangelo in cui avvicinarsi al Signore è difficile per chi è nel bisogno e questo serve da esempio  a ciascuno di noi.  Il paralitico, nell’odierno Vangelo di Marco, per esempio, viene addirittura calato dal tetto perchè la sua barella raggiunga il Signore che sta predicando tra l’immensa folla. ” La volontà fa trovare una soluzione” sottolinea il Papa, fa “andare oltre le difficoltà”:

Coraggio per lottare per arrivare al Signore. Coraggio per avere fede, all’inizio: “Se tu vuoi puoi guarirmi. Se tu vuoi, io credo'” E coraggio per avvicinarmi al Signore, quando ci sono delle difficoltà. Quel coraggio… Tante volte, ci vuole pazienza e saper aspettare i tempi ma non mollare, andare sempre avanti. Ma se io con fede mi avvicino al Signore e dico: “Ma se tu vuoi, puoi darmi questa grazia”, e poi ma… siccome la grazia dopo tre giorni non è arrivata, un’altra cosa… e mi dimentico. 

Se la preghiera non è coraggiosa non è cristiana

Santa Monica, madre di Agostino, ha pregato e “ha pianto tanto”, per la conversione di suo figlio, ed è riuscita ad ottenerla: ecco, il Papa la cita tra i tanti Santi che hanno avuto grande coraggio nella loro fede. Coraggio “per sfidare il Signore”, coraggio per “mettersi in gioco”, anche se non si ottiene subito ciò che si chiede, perchè nella ” preghiera si gioca forte” e “se la preghiera non è coraggiosa non è cristiana” :

La preghiera cristiana nasce dalla fede in Gesù e va sempre con la fede oltre le difficoltà. Una frase per portarla oggi nel nostro cuore ci aiuterà, dal nostro padre Abramo, al quale è stata promessa l’eredità, cioè di avere un figlio a 100 anni. Dice l’apostolo Paolo: “Credette” e con questo fu giustificato. La fede e “si mise in cammino”: fede e fare di tutto per arrivare a quella grazia che sto chiedendo. Il Signore ci ha detto: “Chiedete e vi sarà dato”. Prendiamo anche questa Parola e abbiamo fiducia, ma sempre con fede e mettendoci in gioco. Questo è il coraggio che ha la preghiera cristiana. Se una preghiera non è coraggiosa non è cristiana.

 

Padre Nostro

12 gennaio 2018

Colloquio integrale di Papa Francesco con don Marco Pozza

Nell’ultima puntata viene trasmesso il colloquio integrale di Francesco con il cappellano del carcere di Padova.

“Diciamo di essere cristiani, diciamo di avere un padre, ma viviamo come, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell’uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, viviamo non nell’amore ma nell’odio, nella competizione, nelle guerre.
È santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere?
È santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico?
È santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio”

Così Papa Francesco nella conversazione con don Marco. Le parole insegnate da Gesù entrano in risonanza con episodi della vita di Jorge Mario Bergoglio, con la sua missione apostolica e con le inquietudini e le speranze delle donne e degli uomini d’oggi, fino a diventare la guida per una vita ricca di senso e di scopo.

“Ci vuole coraggio – ha aggiunto il Papa – per pregare il Padre nostro.
Ci vuole coraggio. Dico: mettetevi a dire «papà» e a credere veramente che Dio è il Padre che mi accompagna, mi perdona, mi dà il pane, è attento a tutto ciò che chiedo, mi veste ancora meglio dei fiori di campo. Credere è anche un grande rischio: e se non fosse vero? Osare, osare, ma tutti insieme.
Per questo pregare insieme è tanto bello: perché ci aiutiamo l’un l’altro a osare”.
“Da bambini, a casa, quando il pane cadeva, – ha proseguito il Pontefice – ci insegnavano a prenderlo subito e baciarlo: non si buttava mai via il pane.
Il pane è simbolo di questa unità dell’umanità, è simbolo dell’amore di Dio per te, il Dio che ti dà da mangiare.
Quando avanzava, le nonne, le mamme cosa facevano (e fanno)? Lo bagnavano con il latte e ci facevano una torta, qualunque cosa: ma il pane non si butta”.
“Una volta – ha raccontato Papa Francesco – è venuta a Buenos Aires l’immagine della Madonna di Fatima e c’era una Messa per gli ammalati, in un grande stadio pieno di gente. Io ero già vescovo, sono andato a confessare e ho confessato, confessato, prima della Messa e durante.
Alla fine non c’era quasi più gente e io mi sono alzato per andarmene, perché mi aspettava una cresima da un’altra parte. È arrivata però una signora piccolina, semplice, tutta vestita di nero come le contadine del Sud d’Italia quando sono in lutto, ma i suoi splendidi occhi le illuminavano il viso.
«Lei vuole confessarsi» le ho detto, «ma non ha peccati.»
La signora era portoghese e mi ha risposto: «Tutti abbiamo peccati…».
«Stia attenta, allora: forse Dio non perdona.»
«Dio perdona tutto» ha sostenuto con sicurezza.
«E lei come fa a saperlo?»
«Se Dio non perdonasse tutto» è stata la sua risposta, «il mondo non esisterebbe».
Avrei voluto dirle: «Ma lei ha studiato alla Gregoriana!».
È la saggezza dei semplici, che sanno di avere un padre che sempre li aspetta”.

 

 

Intenzione di Preghiera di Papa Francesco per il mese di gennaio 2018

12 gennaio 2018

 

 

Piccole storie per la gioia del anima

12 gennaio 2018

12 di Gennaio

LA FEDE

bibbia ombrello

 

I campi erano arsi e screpolati dalla mancanza di pioggia. Le foglie pallide e ingiallite pendevano penosamente dai rami. L’erba era sparita dai prati. La gente era tesa e nervosa, mentre scrutava il cielo di cristallo blu cobalto.
Le settimane si succedevano sempre più infuocate.
Da mesi non cadeva una vera pioggia.
Il parroco del paese organizzò un’ora speciale di preghiera nella piazza davanti alla chiesa per implorare la grazia della pioggia.
All’ora stabilita la piazza era gremita di gente ansiosa, ma piena di speranza.
Molti avevano portato oggetti che testimoniavano la loro fede. Il parroco guardava ammirato le Bibbie, le croci, i rosari.
Ma non riusciva a distogliere gli occhi da una bambina seduta compostamente in prima fila.
Sulle ginocchia aveva un ombrello rosso.

Pregare è chiedere la pioggia, credere è portare l’ombrello.


Racconti di Bruno Ferrero
Tratti di http://www.santamariadelpozzoardore.org/racconti-di-bruno-ferrero.html

Riflessione:
la bambina del racconto è colei che, fra tutti, ha una fede vera , pura e semplice, perchè va nella piazza portando il suo ombrello rosso!
Ella è certa che la pioggia verrà, e si siede fiduciosa in prima fila per non perdere il momento nel quale inizieranno a cadere le prime gocce!!!

 

Un pensiero nella notte al Signore

21 novembre 2017

Nasco con Te alla vita!

L’anima mia è affranta e malata

e Tu, Misericordia Infinita, la carezzi

con l’onda del tuo infinito amore,

e io, tua creatura, nasco con Te alla vita

e vengo, cerva assetata, alla sorgente di ogni delizia!

Vengo, perché Tu, mio Signore, mi chiami e mi attendi,

non mi permetti di fuggire lontana da Te,

perché la tua voce amorosa penetra nel mio cuore,

ne prende possesso e riscalda del tuo fuoco il gelo,

l’aridità, la freddezza, la tiepidezza di ogni intima fibra del mio essere!

Tu sei, Signore, ed io, con Te, e in Te sono la creatura nuova, che Tu chiami,

per rendermi forte e temprata,

perché la tua tenerezza la protegge,

la difende, la salva da ogni tempesta,

che l’umano vivere e convivere scatena in se stessa

e intorno al suo essere, piccola molecola,

nel mondo da Te voluto e creato!

Amen!

 

Risultati immagini per gesu mi chiama per nome

Giornata mondiale dei poveri

21 novembre 2017

Dio non è un controllore

 

 

 

 

 

“Anche noi spesso siamo dell’idea di non aver fatto nulla di male e per questo ci accontentiamo, presumendo di essere buoni e giusti. Così, però, rischiamo di comportarci come il servo malvagio: anche lui non ha fatto nulla di male, non ha rovinato il talento, anzi l’ha ben conservato sotto terra. Ma non fare nulla di male non basta. Perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati, è un Padre alla ricerca di figli, cui affidare i suoi beni e i suoi “.

 

 

Un pensiero nella notte al Signore

22 ottobre 2017

 

Ho cercato Dio

 

Ho cercato Dio con la mia lampada così brillante che tutti me la invidiavano.

Ho cercato Dio negli altri.

Ho cercato Dio nelle piccolissime tane dei topi.

Ho cercato Dio nelle biblioteche.

Ho cercato Dio nelle università.

Ho cercato Dio col telescopio e con microscopio.

Finchè mi accorsi che avevo dimenticato quello che cercavo.

Allora, spegnendo la mia lampada, gettai le chiavi, e mi misi a piangere…

e subito, la Sua Luce fu in me… 

 

Risultati immagini per ho cercato dio

22 Ottobre – San Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła)

22 ottobre 2017

PREGHIERA DI RINGRAZIAMENTO A DIO

PER IL DONO DI GIOVANNI PAOLO II

Ti ringrazio, Dio Padre,
per il dono di Giovanni Paolo II.
Il suo “Non abbiate paura: spalancate le porte a Cristo”
ha aperto il cuore di tanti uomini e donne,
abbattendo il muro della superbia,
della stoltezza e della menzogna,
che imprigiona la dignità dell’uomo.
E, come un’aurora, il suo ministero ha fatto sorgere
sulle strade dell’umanità
il sole della Verità che rende liberi.
Ti ringrazio, o Maria,
per il tuo figlio Giovanni Paolo II.
La sua fortezza e il suo coraggio, traboccanti d’amore,
sono stati un’eco del tuo “eccomi”.
Egli, facendosi “tutto tuo”,
si è fatto tutto di Dio:
riflesso luminoso del volto misericordioso del Padre,
trasparenza viva dell’amicizia di Gesù.
Grazie, caro Santo Padre,
per la testimonianza d’innamorato di Dio che ci hai donato:
il tuo esempio ci strappa dalle strettoie delle cose umane
per elevarci alle vette della libertà di Dio.

Fr. Stefano Vita FFB

Liturgia del giorno: Audio salmo (95) 96

22 ottobre 2017

Domenica, 23 Ottobre 2017


Grande è il Signore e degno di ogni lode.

[1] Cantate al Signore un canto nuovo, 
cantate al Signore da tutta la terra. 
[2] Cantate al Signore, benedite il suo nome, 
annunziate di giorno in giorno la sua salvezza. 

[3] In mezzo ai popoli raccontate la sua gloria, 
a tutte le nazioni dite i suoi prodigi. 

[4] Grande è il Signore e degno di ogni lode, 
terribile sopra tutti gli dei. 

[5] Tutti gli dei delle nazioni sono un nulla, 
ma il Signore ha fatto i cieli. 

[6] Maestà e bellezza sono davanti a lui, 
potenza e splendore nel suo santuario. 

[7] Date al Signore, o famiglie dei popoli, 
date al Signore gloria e potenza, 

[8] date al Signore la gloria del suo nome. 
Portate offerte ed entrate nei suoi atri, 

[9] prostratevi al Signore in sacri ornamenti. 
Tremi davanti a lui tutta la terra. 

[10] Dite tra i popoli: “Il Signore regna!”. 
Sorregge il mondo, perché non vacilli; 
giudica le nazioni con rettitudine. 

[11] Gioiscano i cieli, esulti la terra, 
frema il mare e quanto racchiude; 

[12] esultino i campi e quanto contengono, 
si rallegrino gli alberi della foresta 

[13] davanti al Signore che viene, 
perché viene a giudicare la terra. 
Giudicherà il mondo con giustizia 
e con verità tutte le genti. 

Premere qui per ascoltare il salmo.


 

 

Commento:

 

Riprendono i «canti al Signore re», creatore, salvatore e giudice con questo «cantico nuovo»: «nuovo» nel linguaggio della Bibbia significa «perfetto», «pieno», «definitivo». È quindi la celebrazione del progetto perfetto che Dio ha tracciato per la storia e per il cosmo. Nella storia egli governa e giudica secondo giustizia, rettitudine e verità (vv. 10.13). L ‘uomo deve rispondere obbedendo al comandamento principe, cioè con l’adesione all’unico Dio perché «gli dèi delle genti sono un nulla» e sono solo fonte di perversione e di disarmonia (vv. 4-6). Nel cosmo Dio effonde lo splendore della vita e delle meraviglie naturali che nei vv. 11-12 sono contemplate con tutto lo stupore di chi considera la materia un mirabile capolavoro del Creatore e non come un oggetto da spremere e devastare. È per questo che il creato intero canta e danza con I ‘uomo davanti al Signore che entra in questo tempio cosmico per ascoltare e’per benedire.

Mons. RAVASI

 

 

giudizio

Unirci al canto, poi lasciare che la stessa preghiera trabocchi nel silenzio.

 

Davvero, al mistero della sua presenza, a solo nominarlo,

dovrebbero fermarsi i mondi,

trattenere il respiro tutte le creature.

Vedere la luce infinita levarsi sul mondo.

E noi perderci, sparire nella luce.

Dopo tanto gemere, e attendere, e dubitare; e credere e non credere.

Sarà così quando sorgerà «la stella radiosa» dell’ultimo mattino del mondo?

Allora diciamo anche noi: «Maranathà», «vieni Signore», «vieni presto, Signore».