Archive for the ‘Centro di Formazione Giovanile Madonna di Loreto – Casa della Pace’ Category

Gruppo di giovani alla GMG di Cracovia. #Krakow2016

29 luglio 2016

image

Annunci

III Domenica di Avvento “Gaudete”. Omelia di San Giovanni Paolo II

13 dicembre 2015

 orazio-gentileschi-annunciazione

VISITA PASTORALE ALLA PARROCCHIA DI SAN CARLO DA SEZZE IN ACILIA

OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II

Domenica, 13 dicembre 1987

 

Il mio spirito esulta in Dio mio salvatore” (Lc 1, 47).

1 La terza domenica d’Avvento ha sempre in sé una nota particolare di gioia. Quest’anno la liturgiaprende a prestito l’espressionedi questa gioia prima di tutto dalle parole della Madre del Redentore: il suo “Magnificat” manifesta in modo singolarmente intenso e profondo la gioia dell’Avvento. Oggi queste parole ispirano il salmo responsoriale della Chiesa:

“Il mio spirito esulta in Dio, mio Salvatore . . . perché grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente” (Lc 1, 47.49).

La gioia della Vergine-Madre sgorga dalla consapevolezza di essere stata particolarmente gratificata da Dio. Questa è la gioia nello Spirito Santo, nel significato più pieno della parola.

La Vergine di Nazaret porta in sé l’inesprimibile Dono di Dio: è Madre del Verbo-Figlio eterno. Lo porta già sotto il suo cuore. E, parimenti, questo è Dono per tutti noi. Veramente: il Signore è vicino! (Fil 4, 5).

Così noi che ci troviamo al centro stesso del mondo creato, siamo chiamati ad una gioia che supera questo mondo. Questa è propriamente la gioia dell’Avvento.

2 Nello stesso tempo, dal profondo della liturgia della domenica odierna ci è indirizzata la domanda.

Sappiamo gioire con la stessa gioia, con la quale esultava lo Spirito della Vergine di Nazaret?

Per dare una risposta a questa domanda bisogna – seguendo il pensiero del “Magnificat” – fare un’altra domanda:

Sappiamo scoprire con gli occhi dell’anima, con gli occhi della fede, le grandi cose che ha fatto per noi l’Onnipotente?

La domanda è di enorme importanza per ogni uomo. L’uomo può trovare gioia soltanto nel bene. Il male lo rattrista e abbatte. Il bene lo rallegra e incoraggia. Per partecipare a questa gioia, preannunciata dalla liturgia odierna per bocca della stessa Madre del Redentore, bisogna vedere il bene, la cui sorgente è in Dio:

il bene della creazione
il bene della redenzione
il bene dell’incarnazione: quale grande cosa ha fatto Dio per noi, divenendo uomo!

Sappiamo guardare alle sorgenti di questa gioia come a un punto centrale! Sappiamo, ritornare ad esse!

3 Sì. Sappiamo ritornare sulla via dell’Avvento.

Su questa via ci conduce – nella prospettiva dell’antica alleanza – il profeta Isaia.

È proprio lui che parla del Messia, di Colui che deve venire da Dio come portatore del lieto annunzio, come medico dei cuori spezzati, come ministro della liberazione e della misericordia (cf. Is 61, 1-2).

Questo aspetta continuamente l’uomo. Questo aspettano pure la società e le nazioni. Il “preannunzio” di Isaia sul Messia è attuale, di generazione in generazione.

4 Sulla via dell’Avvento ci conduce oggi anche un altro protagonista di questo periodo liturgico: Giovanni il Battista, nei pressi del Giordano. Il precursore del Messia.

“Chi sei tu?”, gli domandavano i contemporanei.

“Io sono voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore” (Gv 1, 22-23). Così aveva già detto il profeta Isaia. Giovanni è un’eco potente di quel profeta del divino Avvento.

Egli non era la luce” – scriverà poi di lui un altro Giovanni, l’evangelista -, “ma doveva rendere testimonianza alla luce” (Gv 1, 8).

Così, dunque, la via della liturgia odierna ci conduce dal “preannunzio” di Isaia alla “testimonianza” di Giovanni, nei pressi del Giordano.

Mediante l’uno e l’altro giungiamo al cuore della Vergine. In lei l’Avvento significa non soltanto attesa, ma anche compimento: Dio ha guardato “l’umiltà” della sua serva . . . tutte le generazioni La chiameranno “beata” (cf. Lc 1, 48). Veramente, “grandi cose” l’Onnipotente ha fatto per Maria e, in lei, per noi tutti!

(more…)

Benvenuto don Vincenzo!

8 settembre 2014

 

 

Nella nostra comunità, da questo mese di settembre, è arrivato mons. Vincenzo Josia in qualità di Amministratore Parrocchiale.

Un caloroso benvenuto da queste pagine e l’augurio di buon lavoro.

 

 

Festa del Centro di Formazione Giovanile Madonna di Loreto – Casa della Pace

22 giugno 2014

La santa messa della festa del Centro sarà celebrata domenica 22 giugno alle ore 19, a seguire accoglienza al Centro, buffet, e spettacolo in teatro.Tanti auguri a tutti! Io credo, io spero, io amo.Don Mario, prega per noi.

L’indulgenza plenaria nei luoghi lauretani in occasione del Sinodo dei Vescovi su famiglia e Matrimonio

11 giugno 2014

 

 

 

In occasione del Sinodo Straordinario dei Vescovi sulla Famiglia e sul Sacramento del Matrimonio, che si terrà nel prossimo ottobre, l’Arcivescovo Giovanni Tonucci, il 24 gennaio scorso, ha  richiesto alla Penitenzieria Apostolica la concessione straordinaria dell’Indulgenza Plenaria per chi visita la Santa Casa, Santuario della Santa Famiglia per eccellenza, e i  luoghi di culto mariano-lauretano sparsi nel modo cattolico.
In data 25 marzo, il cardinale Mauro Piacenza, Penitenziere Maggiore, e mons. Cristoforo Nykiel, Reggente, hanno firmato un Decreto, nel quale si legge che Papa Francesco concede per la circostanza l’Indulgenza Plenaria alle solite condizioni (confessione e comunione eucaristica, preghiera secondo le intenzioni del Santo Padre) a chi, in spirito di penitenza e con sincera contrizione dei peccati, visita in forma di pellegrinaggio il Santuario di Loreto e i luoghi di culto lauretano, esistenti nel mondo cattolico, e recita la Preghiera alla Santa Famiglia, composta per il Sinodo dallo stesso Papa Francesco. L’indulgenza Plenaria può essere lucrata anche in suffragio delle anime dei defunti.

I vecchi, gli infermi e tutti coloro che, per grave motivo, non possono uscire di casa e spiritualmente si uniscono a coloro che visitano tali luoghi di culto, possono acquistare l’Indulgenza Plenaria, alle stesse condizioni, con animo contrito, nelle solennità e nelle feste della Beata Vergine, recitando la suddetta Preghiera davanti a un’immagine – anche piccola – della Madonna di Loreto e offrendo a Dio, per mezzo di Maria, le proprie sofferenze e i propri disagi.

Il Decreto raccomanda ai parroci e ai rettori delle chiese lauretane di essere solleciti nella celebrazione del sacramento della Penitenza e nell’amministrazione della Comunione eucaristica agli infermi.

Qui si riporta la Preghiera alla Santa Famiglia, composta da Papa Francesco in preparazione del Sinodo dei Vescovi.

Gesù, Maria e Giuseppe,
in voi contempliamo
lo splendore  dell’amore vero,
a voi con fiducia ci rivolgiamo.
Santa Famiglia di Nazareth,
rendi anche le nostre famiglie 
luoghi di comunione e cenacoli di preghiera,
autentiche scuole del Vangelo
e piccole chiese domestiche.
Mai più nelle famiglie si faccia esperienza
di violenza, chiusura e divisione:
chiunque è stato ferito o scandalizzato
conosca presto  consolazione e guarigione.
Santa Famiglia di Nazareth,
il prossimo Sinodo dei Vescovi
possa ridestare in tutti la consapevolezza
del carattere sacro e inviolabile della famiglia,
la sua bellezza nel progetto di Dio.
Gesù, Maria e Giuseppe,
ascoltate, esaudite la nostra preghiera.

Le stelle di Natale di s. Carlo

21 dicembre 2013

” Dalle vostre opere vi riconosceranno….”

Attorno all’altare di s. Carlo, tante stelle sbocciate dalla generosità di tante persone della Parrocchia e del Centro di formazione Madonna di Loreto.

Sono i pacchi di generi alimentari natalizi per alcuni fratelli nella difficoltà che sono stati donati questa mattina durante la messa delle 8.30

Grazie a Valeria per l’immagine

Papa Francesco presto a Loreto

10 dicembre 2013

Loreto (Ancona), 25 novembre 2013 – “Papa Francesco potrebbe sorprendere tutti e raggiungerci presto”. Non è ancora arrivata alcuna comunicazione ufficiale ma nelle parole dell’arcivescovo di Fermo monsignor Luigi Conti si è insinuata, colorata dall’emozione per la portata di un tale evento già annunciato dal Carlino nei giorni scorsi, la forte speranza dell’imminente visita del pontefice, che sabato scorso ha inviato all’arcivescovo delegato pontificio di Loreto monsignor Giovanni Tonucci un messaggio di augurio e ringraziamento in occasione del secondo convegno ecclesiale marchigiano, aperto venerdì scorso ad Ancona e proseguito fino a ieri nella città mariana. Dal canto suo Loreto aspetta papa Francesco a braccia aperte, come sottolineato da monsignor Conti, anche presidente della conferenza episcopale marchigiana, che ieri al palacongressi ha espresso tutta la sua gioia per l’attività sviluppata nei ventiquattro laboratori e quattro ambiti di discussione affrontati nella due giorni loretana, attraverso il coinvolgimento di 720 partecipanti accanto ai tantissimi giovani e laici convenuti.

Servizio Nazionale per la Pastorale Giovanile

9 dicembre 2013

http://www.chiesacattolica.it/giovani/siti_di_uffici_e_servizi/servizio_
nazionale_per_la_pastorale_giovanile/00000040_Home.html

Ritiro presso l’Abbazia di Fossanova della Comunità Maria Madre del Verbo incarnato

21 novembre 2013

fossanova abb

fossanova com

 

Sabato 16 novembre alle ore 17 nel salone del Centro di Formazione Giovanile si terrà una meditazione del rettore della Pontificia Università Lateranense sull’anno della fede

14 novembre 2013

Sabato 16 novembre alle ore 17 nel salone del Centro di Formazione Giovanile Madonna di Loreto-Casa della Pace, presso la nostra parrocchia di San Carlo da Sezze, verrà a tenere una riflessione circa l’anno della fede, intitolata Credo in Dio Padre, il vescovo Enrico dal Covolo, rettore della Pontificia Università Lateranense.E’ un momento importante anche per riflettere sul cammino percorso dalla Chiesa in questo anno e sulle strade concrete che si aprono per tutti noi, anche con la venuta di questo grande papa, Francesco.Tutto ciò dall’osservatorio importante di un educatore salesiano, rettore dell’università “del papa”, dove si formano sacerdoti e laici impegnati nella pastorale.

Si tratta della prima di una serie di meditazioni che mons. dal Covolo terrà nelle parrocchie romane per l’anno della fede.

Vergine di Loreto benedici gli ammalati

15 giugno 2013

Madonna di Loreto

In questo sacro luogo ti preghiamo,

o Madre di misericordia,

di invocare Gesù per i fratelli infermi:

“Ecco, colui che tu ami è ammalato”.

Vergine lauretana,

fai conoscere il tuo materno amore

a tanti afflitti dalla sofferenza.

Volgi il tuo sguardo agli infermi 

che con fede ti pregano:

ottieni loro il conforto dello spirito

e la guarigione del corpo.

Possano glorificare il nome santo di Dio

e attendere alle opere

della santificazione e della carità.

 Salute degli infermi, prega per noi.

Fonte: http://www.preghiereperlafamiglia.it/loreto.htm

Don Mario torna a casa

5 maggio 2013

domma

 

Foto inviata da Mario Vozzi con un: Ops!

http://www.centromadonnadiloreto.it/ a questo link
il servizio di Canale 10 su Domma

Caro Domma stacci vicino, aiuta tutti in tutto, prega per tutto e per tutti.

 

Don Mario Torregrossa

5 maggio 2013

Dai miei scritti, pubblicati su: http://www.presbiterioromano.org/
autori-indice/
 :

ppgg 10-11:

20) Sorgenti (2)

Don Mario mi ha aiutato a crescere per cui mi ha trasmesso tante cose a cominciare dai riferimenti fondamentali della Parola, dell’eucaristia, dei sacramenti, della comunità di crescita, della Chiesa, del formatore spirituale e umano, di un servizio, ad es., di animazione e poi di formazione spirituale e umana che può essere affidato gradualmente lungo un permanente percorso di crescita spirituale e umana.
In particolare don Mario mi ha insegnato che Cristo è Dio e uomo ed è dunque il punto di riferimento spirituale e umano, integrale: don Mario ci ha trasmesso concretamente una spiritualità “divina e umana”, nella quale Cristo ci aiuta a crescere, nell’amore, nella comprensione, per il nostro personalissimo cammino spirituale, psicologico, etc..Un Dio liberante, privo di moralismi, che stimola ad una crescita sana.Un Dio pieno di misericordia e di fiducia nell’uomo, nelle sue possibilità di superare, in Lui, mille ostacoli.Un Dio che fa respirare un clima di serenità, di libertà.Don Mario aveva maturato in Cristo una molto profonda, equilibrata, concreta, consapevolezza della coscienza spirituale e umana dell’uomo, per cui era particolarmente capace di intuire ed aiutare le persone a comprendere i possibili passaggi spirituali, psicologici, etc., della loro crescita, anche quelli più complessi.Don Mario era consapevole del possibile trovarsi in un’area di novità di almeno alcuni aspetti di questo cammino, sul piano spirituale e culturale.Era consapevole che la psicologia, così come si configura non di rado oggi, non ha ancora trovato una più armonica integrazione nella vita spirituale e umana in Cristo.Molte altre cose, poi, potrei dire per cercare di tratteggiare la figura di don Mario ma qui mi limito a ricordare: una fede profondissima, che, ad es., lo ha portato a costruire una complesso parrocchiale ed un centro di formazione di svariati miliardi, in lire, senza avere un soldo, con la certezza di una promessa della Madonna di Loreto che ciò sarebbe avvenuto, un complesso parrocchiale ed un centro formativo piovuti dal cielo (a pensarci, un pò come la casa di Nazareth a Loreto.Anche la diocesi di Roma ha dato un suo bel contributo).Tutto ciò con relativi episodi alla don Bosco, del giungere ai termini di scadenza di pagamenti per centinaia di milioni, che vengono donati da qualcuno all’ultimo istante.Una estrema disponibiltà all’ascolto, una grande generosità, uno sguardo di fiducia e di misericordia, attento a non giudicare: un eroismo della fede, della speranza, della carità, vissuto in tutta semplicità.

Le tre preghiere del Centro di Formazione Giovanile Madonna di Loreto – Casa della Pace: Io credo, io spero, io amo

4 maggio 2013

http://www.centromadonnadiloreto.it/index.php?option
=com_content&view=article&id=104&Itemid=66

Traslazione di Don Mario Torregrossa / Due video del 1987 circa la dedicazione della Chiesa parrocchiale di San Carlo da Sezze

3 maggio 2013

Sembra che finalmente si possa realizzare a breve il desiderio di avere Don Mario sepolto nella chiesa parrocchiale: il 3 maggio de facto e il giorno del suo compleanno, domenica 5 maggio, nella messa delle 10 la celebrazione rituale della traslazione.A non pochi di noi che siamo cresciuti con lui è parso di ricevere molti possibili segni dell’ansia anche di don Mario stesso (ma anche, ad es., di Maria, del suo cuore, di donarcelo) di tornare in mezzo a noi con tutto il suo amore, la sua sapienza, e la potenza del suo aiuto, della sua intercessione, etc..Speriamo anche che questa sua venuta si possa vedere come un primo passo verso il riconoscimento ecclesiale della santità di Domma: è stato un uomo, un sacerdote, pieno di fede, generoso fino all’estremo, misericordioso, datore di fiducia, profondamente illuminato nella guida spirituale e umana, una persona sempre (si può sostanzialmente dire) serena, sempre positiva.Sarebbe bello e veramente utile che qualcuno scrivesse una biografia approfondita, circostanziata, documentata, spiritualmente, umanamente e anche culturalmente, di don Mario, anche se per la ricchezza della sua vita e delle sue intuizioni pare di certo un compito non facile e probabilmente necessitante il contributo di molte persone.Oggi però vorrei sottolineare proprio il grande dono spirituale che potrebbe rivelarsi concretamente, sempre più, per tutti, la venuta di Mario.Preghiamo dunque per lui (ma si può pregare, ad es., anche per la Madonna, perché ogni creatura in cielo entra sempre più, nella grazia, nel cuore di Dio), ma fin da ora intensifichiamo con grande fiducia e speranza le preghiere a Don Mario per chiedere la sua vicinanza, il suo aiuto, la sua luce, il suo conforto, la sua intercessione.

Due video del 1987 con alcuni momenti della celebrazione di dedicazione della Chiesa di san Carlo

http://www.youtube.com/watch?v=wh5E0NdEcoU

http://www.youtube.com/watch?v=YjblbiioFVQ

Via Crucis meditata, curata, dagli educatori e dai giovani del Centro di Formazione Giovanile Madonna di Loreto – Casa della Pace

26 marzo 2013

CANTO: Tu sei la mia vita altro io non ho.

Tu sei la mia strada la mia verità.

Nella Tua parola io camminerò,

finché avrò respiro, fino a quando Tu vorrai.

Non avrò paura sai, se Tu sei con me:

io Ti prego resta con me. (more…)

26° anniversario della Dedicazione della Chiesa di S.Carlo da Sezze

17 febbraio 2013

Due video del 1987 con alcuni momenti della celebrazione di dedicazione della Chiesa di san Carlo

http://www.youtube.com/watch?v=wh5E0NdEcoU

http://www.youtube.com/watch?v=YjblbiioFVQ

Video televisivo: La festa del Centro di Formazione Giovanile Madonna di Loreto – Casa della Pace

12 dicembre 2012

http://www.canaledieci.it/VideoShare.aspx?Catalog=Canale
10&VideoID=5224&CatID=9