Archive for the ‘Spiritualità-cultura’ Category

Agostino d’Ippona , Confessioni: Libro Settimo

20 luglio 2017

Risultato immagine per sant'agostino

L’argomento di Nebridio contro la concezione manichea di Dio

  1. 3. Mi sarebbe bastato, Signore, di usare contro quegli ingannatori ingannati e muti ciarlieri, poiché dalla loro bocca non risuonava la tua parola, mi sarebbe bastato di usare l’argomento che fin dai tempi di Cartagine soleva porre innanzi Nebridio, e che tutti ci aveva scossi, quanti l’avevamo udito: cosa avrebbe potuto farti quella, chissà poi quale, genìa delle tenebre, che ti oppongono abitualmente come massa contraria, se ti fossi rifiutato di misurarti con essa? O rispondono che ti avrebbe danneggiato, e allora non saresti inviolabile e incorruttibile; oppure rispondono che non poteva affatto danneggiarti, e allora quale scopo trovare per la lotta? una lotta, poi, ove una porzione di te, una delle tue membra o un prodotto della tua stessa sostanza si mescolerebbe alle potenze avverse, a nature non create da te; e queste lo corromperebbero e degraderebbero a tal punto, che precipita dalla beatitudine nella miseria e ha bisogno di un soccorso per esserne estratto e purificato. E questo prodotto sarebbe l’anima, che il tuo Verbo libero doveva sovvenire nella sua schiavitù, puro, nella sua contaminazione, illibato, nella sua corruzione, però corruttibile anch’egli, poiché fatto di un’unica e medesima sostanza. Se ammettono l’incorruttibilità di tutto ciò che sei, ossia della sostanza di cui sei fatto, le affermazioni sopra riportate sono tutte false ed esecrabili; se invece sostengono la tua corruttibilità, un tale giudizio è già falso e detestabile fin dalla prima parola. Sarebbe bastato questo argomento contro persone che dobbiamo rigettare a qualunque costo dallo stomaco, ove ci pesano. Chi pensava e parlava di te in questi termini, non poteva uscirne senza un orribile sacrilegio di cuore e di lingua.

(more…)

Perché Gesù usa parabole e non parla più chiaramente? padre Carlos Padilla | Lug 19, 2017

20 luglio 2017

Ci sono cose che non si leggono nei libri, ma solo nella vita

Gesù mi parla in parabole, come faceva con gli uomini con i quali condivideva il cammino. Parla con il cuore. Vuole placare la loro sete, le loro angosce, le loro paure. Soffre per loro, con loro. Parla loro con voce forte e sicura. Le sue parole hanno la vita eterna. Tutti vogliono ascoltarlo.

Gesù parla in parabole. Usa dei racconti per spiegare la vita. Fa esempi concreti, tratti dalla vita quotidiana. Osserva gli uomini nel loro lavoro. Parla dei campi. Dei semi. Del grano che cresce in silenzio. Parla loro della vita stessa per spiegare ciò che è importante.

È un osservatore. Non vive in una nuvola, ma sulla terra. E soffre per i problemi degli uomini. Parla con esempi concreti per chi capisce che Dio agisce nella natura del mondo. Non prescinde dalle cose umne. Anzi. Ha bisogno del quotidiano per rendersi presente.Leggi anche: Non fu Gesù ad inventare le parabole. Ecco perché…

Leggevo su Gesù: “Le sue parabole non hanno una finalità propriamente didattica. Quello che Gesù cerca non è trasmettere nuove idee, ma mettere le persone in sintonia con esperienze che quei contadini o quei pescatori conoscevano nella loro vita e potevano aiutarli ad aprirsi al Regno di Dio”.

Con esempi quotidiani, Dio si rendeva presente nella loro vita. Ed era più facile capire l’incomprensibile. Si può cogliere qualcosa di quello che ci sembra inarrivabile.

Ho bisogno di esempi nella mia vita per veder agire Dio. Nella mia vita concreta, limitata e fragile è nascosta la sua saggezza divina e inaccessibile. Questo mi commuove sempre.

Diceva padre Josef Kentenich: “Non si tratta di dedicare più tempo alla preghiera e trascurare il lavoro con il pretesto di questo bisogno di tempo. No. In realtà possiamo coltivare lo spirito di preghiera in ogni momento, anche in quelli più difficili. Possiamo lavorare nell’apparente superficialità della vita quotidiana ma essere interiormente nel profondo”.

(more…)

IL SACRO CUORE E IL SACERDOZIO Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

19 luglio 2017

PARTE SECONDA

LE VIRTU’ SACERDOTALI DEL CUORE DI CRISTO

Risultato immagine per Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

CAPITOLO IV

La passione per la gloria di Dio

Davide, personificando Gesù Cristo, esclamava rivolto a Dio: « Mi divora lo zelo per la tua casa ». Lo zelo, questa gelosia ardente della gloria di Dio e della salvezza degli uomini, ha consumato, ha divorato Cristo e, come tutte le passioni violente, lo ha portato ad eccessi, a follie d’amore e di donazione. Innamorato della gloria di Dio, ha deciso di lottare contro tutto ciò che poteva diminuirla, di abbattere ogni cosa che potesse ostacolarla. Non meno infiammato per il bene e per la salvezza dell’uomo, si è votato a combattere, fino alla morte, tutto ciò che poteva nuocergli e compromettere la sua felicità eterna. Questa passione bruciante lo ha mantenuto sempre pronto alla lotta contro il male, contro gli errori, combattendo contro lo spirito del mondo, di quel mondo per il quale non ha voluto pregare. Ha condannato ogni falsità, ogni ingiustizia; tutto ciò che contrasta l’amore di Dio.Gesù ha combattuto il male. Venuto nel mondo per allontanare lo spirito delle tenebre, lo vediamo costantemente alle prese con esso. Lo scaccia dal corpo degli indemoniati; lo minaccia, gli parla con autorità. Non si accontenta di liberare i corpi: lo scaccia anche dalle anime e lo perseguita in ogni forma sotto cui si nasconda. Gesù, bene sovrano e infinito, si trova costantemente in opposizione con satana, lo spirito del male.

(more…)

4 incredibili miracoli eucaristici al di là di ogni spiegazione scientifica

18 luglio 2017

Queste ostie miracolose continuano a sconcertare gli scettici

La Chiesa cattolica insegna un dogma chiamato “transustanziazione”, che il Catechismo spiega così: “Con la consacrazione del pane e del vino si opera la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del Corpo del Cristo, nostro Signore, e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo Sangue” (CCC 1376).

Ciò significa che, mentre le apparenze di pane e di vino rimangono, la sostanza è completamente cambiata (grazie alla potenza di Dio) in corpo e sangue di Cristo. È un insegnamento basato sulla scrittura e sulla tradizione, e sin dai tempi degli apostoli rimane invariato nella sua essenza.

Tuttavia la Chiesa ha riconosciuto che, occasionalmente, Dio interviene in modo più visibile e può cambiare persino le apparenze del pane e del vino nel Suo corpo e nel sangue. Dio può anche conservare miracolosamente un’ostia consacrata per un lungo periodo di tempo, superiore al naturale tempo di conservazione del pane.

Leggi anche: I demoni tremano di fronte alla presenza reale di Cristo nell’Eucaristia

Sebbene la Chiesa non basi il suo insegnamento su questi miracoli, ma sulla parola di Cristo, quando Dio sceglie di fare miracoli del genere solitamente moltissime persone sono portate a credere fermamente nella Presenza Eucaristica di Gesù Cristo.

Ecco quattro dei più incredibili miracoli eucaristici esaminati dai migliori scienziati di tutto il mondo, che alla fine hanno dovuto concludere che la scienza non è stata in grado di spiegare il fenomeno miracoloso.

(more…)

IL SACRO CUORE E IL SACERDOZIO Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

17 luglio 2017

PARTE SECONDA

LE VIRTU’ SACERDOTALI DEL CUORE DI CRISTO

Risultato immagine per Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

CAPITOLO III

Il dono di sé

Venendo nel mondo, il Verbo incarnato ha detto al Padre: « Non ti sono graditi olocausti e sacrifici, ma mi hai dato un corpo… ». Un corpo, un cuore, un’anima umana: eccoli, te li offro; li dono alla tua gloria; li dono per la salvezza dei miei fratelli.

L’intera vita di Gesù è stata un’ininterrotta donazione. Ha dimenticato totalmente se stesso e ha dato tutto, senza escludere nulla. Ha dato il suo lavoro e il suo riposo, il suo tempo e le sue forze. Ha fatto dono totale della sua vita, e prima d’offrirla sul Calvario, l’ha consumata a poco a poco in un dono continuo. Ha dato il suo cuore ai suoi fratelli: ecco il segreto. « Ha amato e si dato ». Gesù ha unito in sé il sacerdote e il sacrificatore alla vittima. Come Sacerdote, non ha offerto altre vittime, donandosi e votandosi totalmente, è stato sacrificato. Ma non è un altro sacerdote che lo ha immolato: si è sacrificato. Veramente Gesù è insieme Sacerdote e Vittima, Sacerdote eterno e Vittima eterna per un sacrificio senza fine.Cristo vuole in tutto simili a sé quelli che ha chiamato a seguirlo ai vertici del sacerdozio. Il sigillo con cui li segna li rende partecipi della sua condizione. Sono sacerdoti con Gesùsacerdote; con Gesùvittima, sono vittime. Sono chiamati, certo raramente, ad andare con Gesù fino al culmine del sacrificio, a mischiare davvero il loro sangue al suo. è un’immolazione mistica, come l’immolazione dell’Eucaristia, quella che è chiesta loro; ma è anche un’immolazione visibile: il dono di sé, la disponibilità.

(more…)

Agostino d’Ippona , Confessioni: Libro Settimo

17 luglio 2017

VERSO LA VERITÀ

Risultato immagine per sant'Agostino

Il problema del male

L’arduo concetto di Dio

  • 1. Ormai la mia adolescenza sciagurata e nefanda era morta, e mi avviavo verso la maturità. Però, quanto più crescevo nell’età della vita, tanto più scadevo nella fatuità del pensiero. Non riuscivo a pensare una sostanza diversa da quella che si vede abitualmente con gli occhi. Da quando avevo cominciato a udire qualcosa della sapienza, non t’immaginavo più, o Dio, sotto l’aspetto di corpo umano e mi rallegravo, per la ripugnanza sempre provata verso questa concezione, di aver scoperto questa verità entro la fede della nostra madre spirituale, la tua Chiesa cattolica. Non trovavo però un’altra forma, con cui pensarti. Mi sforzavo di pensarti, io, un uomo, e quale uomo, te, il sommo e il solo e il vero Dio; ti credevo con tutta l’anima incorruttibile, inviolabile, immutabile; pur ignorandone la causa e il modo, riconoscevo chiaramente e sicuramente l’inferiorità di una cosa corruttibile rispetto ad una incorruttibile; ponevo senza esitare una cosa inviolabile al di sopra di una violabile, e ritenevo le immutabili superiori alle mutabili; il mio cuore strepitava violentemente contro tutte le mie vane fantasie, io cercavo di allontanare col suo solo impeto dallo sguardo della mia mente la turba delle immonde immagini che le svolazzavano attorno. Ma, appena scacciata, eccola di nuovo in un batter d’occhio avventarsi compatta contro il mio sguardo e offuscarlo. Così, sebbene non in forma di corpo umano, ero tuttavia costretto a pensarti come un che di corporeo esteso nello spazio, incluso nel mondo o anche diffuso per lo spazio infinito oltre il mondo, esso pure incorruttibile e inviolabile e immutabile, cosicché lo anteponevo al corruttibile e violabile e mutabile. Ciò perché, se non attribuivo a una cosa l’estensione in uno di tali spazi, essa per me era nulla, letteralmente nulla e non un semplice vuoto, quale si ottiene togliendo da un certo luogo un certo corpo, che rimane, il luogo, vuoto di qualsiasi corpo terrestre o acqueo o aereo o celeste, ma pure sussiste un luogo vuoto, quasi un nulla provvisto di spazio.

(more…)

Ecco quella che è forse la migliore preghiera mariana per quando hai davvero bisogno di aiuto Philip Kosloski | Lug 13, 2017

17 luglio 2017

Questa preghiera del XII secolo è stata collegata a molti miracoli nel corso dei secoli

Una delle preghiere più note alla Beata Vergine Maria, popolare quasi quanto l’Ave Maria, è il Memorare, che ha una reputazione miracolosa.

La preghiera, tradizionalmente attribuita a San Bernardo da Chiaravalle, prende il nome dalla prima parola del testo originale latino. Il testo come lo recitiamo oggi si rinviene tuttavia all’interno di una preghiera molto più lunga alla Vergine Maria intitolata Ad sanctitatis tuae pedes, dulcissima Virgo Maria (Ai tuoi santi piedi, dolcissima Vergine Maria).

 

(more…)

IL SACRO CUORE E IL SACERDOZIO Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

12 luglio 2017

CAPITOLO II

Risultato immagine per Madre Luisa Margherita Claret de la Touche

Lo spirito di preghiera

Era giunto il momento per Gesù di manifestarsi al mondo. Stava per iniziare i suoi viaggi apostolici e mettersi alla ricerca delle pecore perdute della casa di Israele.

Trent’anni di vita nascosta, trascorsi nel lavoro, nella preghiera e nel silenzio sembravano una preparazione più che sufficiente ai tre anni di vita pubblica. Tuttavia, Gesù non è di questo parere, e lo vediamo, prima di iniziare questa nuova fase della sua vita, spinto dallo Spirito nel deserto. Va a cercare, in una solitudine più profonda, in una penitenza più austera, in una preghiera più ardente e costante, un’ultima e immediata preparazione.

Senza dubbio, Gesù non aveva bisogno di andare a prendere nell’intimità del Padre grazie e illuminazioni che possedeva in se stesso per l’unione della sua umanità con il suo essere Dio. Ma voleva esserci d’esempio, e indicare ai suoi sacerdoti, a coloro che dovevano dopo di lui continuare la sua missione, sia l’altezza del loro ministero, sia la necessità di cercare in Dio illuminazioni, doni, grazie esigite dalla loro missione.

La cura delle anime è ciò che c’è di più grande: è il lavoro di Dio. è però difficile, e sarebbe insostenibile per l’uomo, che avverte la sua debolezza. Quando Dio chiama a questa missione, si impegna, nello stesso tempo, a provvedere il necessario. Tuttavia, se il prete non si mette in comunicazione con Cristo, se non va, con la preghiera, a pescare nei tesori di Dio, rimane vuoto, e si trova, di fronte alla grandezza dei suoi doveri, solo con la sua debolezza e con la sua insufficenza. « Senza di me non potete fare nulla ». è soprattutto nella cura delle anime che si rivela l’impotenza dell’uomo.

Spesso, Dio stesso avverte la volontà dell’uomo resistergli, e occorre che con i suoi benefici la pieghi, o che la spezzi con la sua potenza. L’uomo non può dominarsi e pretendere di entrare da solo nella via stretta del Vangelo; la parola dell’uomo non scuote le volontà che si ribellano, e l’azione esteriore del prete non può nulla, senza l’azione interiore della grazia nei cuori di coloro cui si rivolge.

Gesù ha pregato non solo per prepararsi al suo sacerdozio; durante i tre anni del suo apostolato, il Vangelo ce lo fa spesso vedere in colloquio con il Padre. A volte, lo vediamo sul monte prolungare la sua preghiera lungo la notte; a volte, abbandonando le folle, cerca un luogo più favorevole alla sua preghiera fra gli olivi del Getsemani o nella tranquilla casa di Betania. Lungo le strade della Giudea o della Galilea, lo vediamo spesso in disparte dal gruppo dei discepoli, raccolto in preghiera.

Ogni volta che sta per compiere qualcosa di grande, si apre al Padre. Quando raggiunge i discepoli camminando sulle acque del lago, è l’alba e arriva dall’aver passato, in solitudine sul monte, una lunga notte in preghiera. Quando vuole aprire le orecchie al sordomuto, sospira profondamente e leva gli occhi al cielo. Accanto al sepolcro di Lazzaro, dopo aver sofferto di fronte allo spettacolo raccapricciante della morte e della corruzione, Gesù alza le mani e gli occhi verso il Padre, in una preghiera piena d’amore: « Padre, ti ringrazio perché mi hai esaudito. Sapevo bene che mi ascolti sempre. Se parlo così, è per questi che mi circondano, perché credano che sei tu che mi hai mandato ».

Il prete, nel suo ministero, deve spesso camminare sull’orlo dell’abisso. Deve anche aprire le orecchie ai sordi, e sciogliere la lingua ai muti; deve risuscitare alla grazia uomini addormentati nella corruzione del peccato. Non può far tutto questo, se non va a prendere in Dio la potenza che gli manca. Per queste imprese, così al di sopra dei mezzi umani, ci vuole l’intervento di Dio.

Dopo la Cena, Gesù prega ardentemente. Prega per la sua Chiesa, per coloro che il Padre gli ha dato, e l’amore trabocca dal suo cuore. In questo momento, è pienamente sacerdote, intercessore tra Dio e gli uomini, ponte tra Dio che è nei cieli e i suoi figli in terra.

Gesù prega per i suoi: prega anche per se stesso. Appena entrato nell’orto degli ulivi, prova una tristezza mortale. Il turbamento lo assale; lo spavento, il disgusto si impadroniscono di lui e lo accasciano. Gli sfugge un grido di dolore: « Padre, se è possibile passi da me questo calice ». Ma ha pregato, e a poco a poco torna la pace: « Allora, un angelo gli apparve dal cielo per consolarlo »; si rialza temprato per la lotta, pronto a tutto.

Nella sua vita privata, superiore a quella ordinaria, il prete deve spesso lottare con se stesso, contro le aspirazioni di una natura che, per quanto purificata e santificata, non è morta. Quando rientra nella sua casa deserta, quando si trova solo in una parrocchia isolata, sconosciuto, senza un avvenire, una carriera, privo di tutte le gioie umane, a volte la solitudine pesa sul suo cuore di uomo. Se si sente invadere dalla tristezza; se la tentazione, come vento impetuoso, risveglia le sue passioni assopite e lo lascia cadere nel turbamento, allora deve ricorrere alla preghiera. Come Gesù, deve prostrarsi di fronte al Padre, chiedergli aiuto, chiamare a sé il Consolatore, che è fratello, amico: solo Gesù, con il suo amore, può colmare il vuoto del suo cuore.

(more…)

Agostino d’Ippona , Confessioni: Libro Sesto

12 luglio 2017

Risultato immagine per Sant'Agostino

Il problema del matrimonio

  1. 21. Alipio mi sconsigliava, per la verità, di prendere moglie: se lo avessi fatto, mi ripeteva su tutti i toni, non avremmo potuto assolutamente vivere assieme e indisturbati, nel culto della sapienza, come da tempo desideravamo. Personalmente egli osservava fin da allora una castità assoluta, e questa condotta era tanto più ammirevole, in quanto nei primi anni della sua adolescenza aveva sperimentato il piacere della carne. Però non vi era rimasto invischiato: ne aveva avuto piuttosto rimorso e disprezzo, e da allora viveva ormai in una continenza assoluta. Io gli opponevo l’esempio di quanti, coniugati, avevano coltivato gli studi, guadagnato meriti presso Dio e conservato fedeltà d’affetti verso gli amici. Senonché per mio conto ero lontano da tanta magnanimità. Avvinto alla mia carne ammorbata, ne trascinavo la catena con un godimento mortale, timoroso che si sciogliesse e respingendo, quasi rimescolasse la piaga, la mano liberatrice dei buoni consigli. Ma c’era di più: per mia bocca il serpente parlava allo stesso Alipio e lo accalappiava, disseminando sulla sua strada per mezzo della mia lingua dolci lacci, ove impigliare i suoi onesti e liberi piedi.
  2. 22. Egli si stupiva che io, non poco stimato da lui, fossi invischiato nel piacere a tal punto, da asserire, quando se ne discuteva fra noi, che non avrei potuto assolutamente condurre una vita celibe; ed io, al vedere il suo stupore, mi difendevo sostenendo che passava una bella differenza tra le sue momentanee e furtive esperienze, rese innocue e facilmente disprezzabili dal ricordo ormai quasi svanito, e i diletti della mia consuetudine, cui mancava soltanto l’onorato titolo di matrimonio per togliergli ogni ragione di stupore, se non riuscivo a spregiare quella vita. Alla fine era entrato in corpo anche a lui il desiderio di sposare, facendo breccia non tanto con la lusinga del piacere, quanto con quella della curiosità. Era curioso, diceva, di conoscere il bene, senza del quale la mia vita, a lui accetta così com’era, a me non sembrerebbe più una vita, ma un tormento. Il suo animo, libero da legame, si meravigliava della mia schiavitù, e la meraviglia lo stuzzicava a farne esperienza. Ma, venuto appunto all’esperienza, forse sarebbe caduto nella schiavitù di cui si meravigliava: cercava di stringere un patto con la morte, e chi ama il pericolo, vi cadrà. Certo nessuno di noi due era gran che mosso dalla dignità coniugale, quale può consistere nel compito di guidare un matrimonio e di allevare dei figli: io, per essere soprattutto e duramente schiavo torturato dell’abitudine di appagare l’inappagabile sensualità; lui, per essere trascinato alla schiavitù dal fascino dell’ignoto. Tale il nostro stato, finché tu, altissimo, che non abbandoni il nostro fango, impietosito dalla nostra condizione pietosa, ci venisti in aiuto in modi mirabili e segreti.

Fidanzamento di Agostino

  1. 23. Intanto mi si sollecitava instancabilmente a prendere moglie. Così ne avevo ormai avanzato la richiesta e ottenuta la promessa. Chi lavorava maggiormente in questo senso era mia madre, con l’idea che, una volta sposato, il lavacro salutare del battesimo mi avrebbe ripulito. Gioiva che io vi fossi ogni giorno meglio disposto, e nella mia fede riconosceva il compiersi dei suoi voti e delle tue promesse. Su mia richiesta e per sua stessa inclinazione ti supplicava quotidianamente con l’ardente grido del cuore perché tu le facessi in sogno qualche rivelazione sul mio futuro matrimonio, ma non volesti mai esaudirla. Aveva, sì, delle visioni, però inconsistenti e bizzarre, prodotte dalla tensione del suo spirito umano in angustie per quell’evento. Me le descriveva senza la fiducia a lei abituale quando aveva una tua rivelazione, bensì con disprezzo. A suo dire, ella sapeva discernere da non so quale sapore, che a parole era incapace di spiegare, la differenza fra le tue rivelazioni e i sogni della sua anima. Ciò nonostante si insisteva, e la fanciulla fu richiesta. Le mancavano ancora due anni all’età da marito, però piaceva a tutti, e così si aspettava.

Progetti di vita in comune fra amici

  1. 24. Eravamo molti amici, che per avversione alle noie e ai disturbi della vita umana avevamo progettato, discusso e già quasi deciso di ritirarci a vivere in pace lontano dalla folla. Si era organizzato il nostro ritiro così: tutti i beni che mai possedessimo, sarebbero stati messi in comune, costituendosi, di tutti, un patrimonio solo. In tale maniera, per la nostra schietta amicizia non ci sarebbero stati beni dell’uno o dell’altro, ma un’unica sostanza, formata da tutti; questa sostanza collettiva sarebbe stata di ognuno, e tutte le sostanze sarebbero state di tutti. A nostro parere ci saremmo potuti riunire in una decina di persone, alcune delle quali molto facoltose, specialmente Romaniano, mio concittadino e amicissimo fin dall’infanzia, allora condotto alla corte dal turbine gravoso dei suoi affari. Era lui anzi a insistere più di tutti per l’attuazione del progetto, e le sue sollecitazioni avevano un peso notevole a causa del suo ingente patrimonio, superiore di molto a tutti gli altri. Avevamo anche stabilito che anno per anno due di noi si occuperebbero, come magistrati, di provvedere tutto il necessario agli altri, invece tranquilli. Ma quando si venne a considerare se le donnicciuole, che alcuni di noi avevano già in casa e che noi desideravamo prendere, avrebbero dato il loro assenso, l’intero progetto, così ben formulato, ci andò in pezzi fra mano e fu gettato, infranto, in un angolo. Così tornammo ai nostri sospiri, ai nostri gemiti, ai nostri passi sulle strade ampie e battute del mondo, poiché molti pensieri passavano nel nostro cuore, mentre il tuo disegno sussiste eternamente. Dall’alto di quel disegno deridevi le nostre decisioni e preparavi le tue, attendendo di darci il cibo al momento opportuno, di aprire la mano e saziare le nostre anime con la tua benedizione.

 

(more…)

Agostino d’Ippona , Confessioni: Libro Sesto

9 luglio 2017

Risultato immagine per Sant'agostino

Brutta avventura di Alipio sospettato di furto

  1. 14. La vicenda era tuttavia accantonata fin d’allora nella sua memoria come una medicina per il futuro. Anche un altro fatto: che ancora durante i suoi studi a Cartagine e quando aveva già preso a frequentare le mie lezioni, un giorno, mentre sul mezzodì, nella piazza, meditava un discorso da recitare a scuola per esercizio, secondo l’usanza, lo lasciasti arrestare come ladro dai sorveglianti del foro, penso che tu, Dio nostro, non l’abbia permesso per altro motivo, se non per questo: che quel gentiluomo, destinato a divenire un giorno così grande, cominciasse fin d’allora a imparare quanto debba rifuggire da una temeraria credulità nel condannare un altro uomo l’uomo che istruisce un processo. Alipio dunque passeggiava tutto solo davanti al tribunale, le tavolette e lo stilo fra le mani, quand’ecco un giovane studente, il ladro appunto, munito nascostamente di una scure si avvicina, non visto da lui, alla cancellata di piombo che sovrasta la via degli orafi, e incomincia a scalpellare il metallo. Ai colpi della scure gli orafi che si trovavano di sotto parlottarono fra loro sommessamente e mandarono alcuni ad arrestare chiunque avessero trovato sul posto. Il ladro, udite le loro voci, se la svignò, abbandonando l’attrezzo per paura di essere preso mentre l’aveva con sé; Alipio invece, che, come non l’aveva visto all’entrata, così lo notò all’uscita, vedendo che si allontanava frettolosamente, e curioso di conoscerne il motivo, entrò e trovò la scure. Fermo in piedi la stava considerando meravigliato, quand’ecco i messi degli orafi lo sorprendono solo e fornito del ferro, ai cui colpi si erano riscossi ed erano partiti. Lo acciuffano, lo trascinano con sé, e di fronte agli abitanti della piazza, che s’erano radunati, si vantano di aver preso il ladro in flagrante, poi si avviano per metterlo nelle mani della giustizia.
  2. 15. Ma la lezione doveva finire qui. Tu, Signore, venisti immediatamente in soccorso dell’innocenza, di cui eri l’unico testimone. Mentre Alipio veniva condotto in prigione o al supplizio, s’imbatte nel corteo un architetto, soprintendente agli edifici pubblici. Le guardie si rallegrarono di aver incontrato proprio lui, che era solito sospettarle dei furti accaduti nel foro: ora finalmente avrebbe riconosciuto chi era l’autore. Senonché l’architetto aveva visto sovente Alipio in casa di un certo senatore, che abitualmente andava a ossequiare; e appena lo ebbe riconosciuto, lo prese per mano, lo trasse in disparte dalla folla e gli chiese il motivo di un guaio così grosso. Udito il racconto dell’accaduto, ordinò agli astanti, che tumultuavano e rumoreggiavano minacciosamente, di seguirlo. Giunsero così all’abitazione del giovane delinquente. Sulla porta stava uno schiavo così tenerello, da poter rivelare facilmente tutto il caso senza sospettare che ne venisse del danno al padrone. Infatti lo aveva accompagnato nella piazza. Anche Alipio lo riconobbe e ne avvertì l’architetto. Questi mostrò al fanciullo la scure, domandandogli di chi era. “È nostra”, rispose immediatamente il fanciullo. Più tardi, interrogato, rivelò il resto. Così l’accusa ricadde su quella casa, con grande smacco della folla, che aveva già incominciato il suo trionfo su Alipio. Il futuro dispensatore della tua parola e giudice di molte cause nella tua Chiesa ne uscì più esperto e più agguerrito.

(more…)

IL SACRO CUORE E IL SACERDOZIO Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

9 luglio 2017

PARTE SECONDA

LE VIRTU’ SACERDOTALI DEL CUORE DI CRISTO

Risultato immagine per Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

CAPITOLO I

Gesù Cristo modello del sacerdote

Gesù è il modello di ogni uomo. è lo stampo in cui gli eletti devono essere gettati prima di aver parte al regno di Dio. Ma se Cristo è il tipo che ognuno deve riprodurre; se ogni uomo deve regolare il battito del suo cuore su quello del cuore dell’uomo Dio, c’è però qualcuno, fra gli altri, che deve più particolarmente ancora conformarsi a lui.

Sono quei privilegiati chiamati a seguire Cristo più da vicino; quegli uomini felici che vivranno una vita in tutto simile alla sua e che, nutrendosi della sua parola, seguendo il suo esempio, saranno, nel mondo, immagini viventi del Redentore: sono i preti di Gesù. Gesù sacerdote, continua nella gloria il suo sacerdozio eterno. Ma vuole che lungo i secoli, degli altri se stesso proseguano nel mondo la sua opera redentrice.

Un tempo Dio si era riservato la tribù di Levi. L’aveva presa per sé, destinata e consacrata al suo servizio. Così, sotto la legge della grazia e dell’amore, Dio ha destinato a sé un gruppo scelto. Chiama, in mezzo al Popolo di Dio, uomini più specialmente amati da lui. Li rende, più degli altri, conformi all’immagine del suo Figlio. Li colma di grazie, li arricchisce con doni maggiori, dà loro più amore. Li colma dei suoi privilegi e, rivestendoli di una parte della sua potenza, li rende, con il sacramento, sacerdoti e re, ministri della sua giustizia e dispensatori della sua misericordia.

Il prete è un altro Cristo: è l’unto del Signore. Segnato dal sigillo del sacramento, passa in mezzo agli uomini, dominandoli dall’altezza della sua dignità e abbassandosi misericordiosamente fino alle loro miserie. Passa come passava Gesù; facendo il bene, guarendo ogni infermità e ogni debolezza degli uomini, offrendo la verità alle intelligenze, la consolazione al dolore, il perdono al pentimento.

Passa come Gesù: nel mondo, ma non del mondo. Tocca ogni genere di impurità, ma rimane puro; si scontra con l’odio, ma rimane buono. Passa senza voltarsi indietro, senza costruire nulla di caduco per il futuro. Pensa all’oggi; versa la sua carità nel cuore dei più deboli e infelici.

Passa, ma la sua azione rimane. Se la sua anima di prete riproduce l’anima di Cristo; se il suo cuore si modella sul cuore di Cristo; se è così, allora non è più lui che agisce, ma Cristo che agisce in lui.

« Il cuore di Paolo è lo stesso cuore di Gesù ». Dovremmo sempre poter dire lo stesso di ogni prete. Allora non ci stupiremmo se questi preti ottenessero risultati, miracoli di grazia sull’esempio del ministero di Paolo. Ma troppo spesso la grazia della consacrazione non ha trasformato il sacerdote. Il suo cuore è rimasto freddo, la sua anima troppo umana; il suo spirito non ha imparato ad innalzarsi oltre la volgarità, e invece di essere, per la luce delle sue virtù e della sua santità, un faro luminoso che nella notte e nella tempesta conduce le navi al porto, è anche lui una misera barchetta in balia delle passioni.

Non è salito all’altezza da cui avrebbe potuto rischiarare gli uomini in difficoltà; non ha voluto restare sullo scoglio da cui avrebbe potuto tendere la mano ai naufraghi della vita. Forse la schiuma delle onde avrebbe qualche volta bagnato i suoi piedi; il vento si sarebbe forse scatenato contro di lui; ma sarebbe rimasto stabile, forte della forza di Dio.

Il prete non deve certo ritirarsi nella solitudine e nascondersi nell’ombra della sacrestia. Bisogna che viva in mezzo ai suoi fratelli, nella loro vita, pronto a raccogliere su di sé, nella carità, ogni loro miseria e ogni loro dolore. Bisogna che sia là, preso da tutti e sempre, come Gesù, pronto a donarsi, frumento d’amore offerto per la vita di tutti. Ma se deve vivere in mezzo agli uomini, un prete non deve vivere una umanità banale. Perché i suoi fratelli trovino in lui confidenza, perché possano appoggiarsi su di lui, bisogna che lo vedano più forte di loro, più illuminato, più puro, più disinteressato, migliore, autenticamente santo.

Studiando l’amore di Gesù, appropriandosi delle sue virtù, il prete riuscirà a trasformare il suo cuore. Vada verso quel cuore divino, vi penetri con una meditazione anch’essa carica di amore; si lasci soprattutto penetrare dalla sua vita. Si sforzi di pensare come Gesù, di amare come lui, di vivere come lui. Diventi, nell’unione a Cristo, un solo sacerdote con lui, un solo cuore e un’anima sola con il Signore.

Gesù Cristo, Dio e uomo, racchiude in sé la pienezza di ogni dono e virtù. Ma, fra tutte le perfezioni, alcune riguardano di più l’intelligenza, altre il cuore, altre l’esterno. La sapienza di Dio, la sua saggezza, riguardano per esempio soprattutto l’intelligenza; la carità e la misericordia, il cuore; la modestia e le attrattive della Persona di Gesù, l’esterno.

Tuttavia, se consideriamo il cuore di Cristo come il simbolo, l’organo, il tabernacolo del suo amore infinito, e se pensiamo che questo amore è il principio e il motore delle sue azioni, delle sue parole, della sua vita di Salvatore, potremo chiamare virtù del suo cuore, del suo amore, tutto quanto vedremo in lui.

Quando Gesù chiama i suoi preti al suo cuore, li chiama alla sorgente del suo amore; li invita a dissetarsi alle sorgenti della carità di Dio; ma vuole anche invitarli ad approfondire lo studio delle sue perfezioni. Vuole i suoi preti simili a lui, santi come lui, buoni come lui, autenticamente formati sul suo cuore.

Tra le virtù del cuore di Cristo, alcune sembrano essere particolarmente virtù sacerdotali. Lo si vede nei suoi rapporti di sacerdote con il Padre e con gli uomini che ha frequentato e ne ha frequentati molti per essere di esempio a quanti dopo di lui dovevano continuare la sua opera di sacerdote e di apostolo nel mondo.

Cristo, maestro adorato, rivela tu stesso ai preti le tue virtù. Sono degne di adorazione perché sono di Dio; ma, siccome sono anche umane, possono essere imitate. Tu le hai rese, attraverso l’unzione fortificante della grazia, accessibili alla debolezza dell’uomo, e quando hai segnato il tuo eletto con il sigillo che lo rende, con te, sacerdote per l’eternità, tu lo hai rivestito di luce e di forza.

(more…)

L ’UOMO SACERDOTE DELL ’UNIVERSO A IMMAGINE DI MARIA Don Sante Babolin

6 luglio 2017

 

PARTE I

L’UOMO SACERDOTE DELL’UNIVERSO
La funzione sacerdotale consiste nel rivolgersi a Dio in nome del popolo e nel rivolgersi al popolo in nome di Dio; e tale funzione assume dimensioni cosmiche, quando in nome di Dio si benedicono gli elementi del mondo materiale (acqua, pane, sale, olio, animali, cose in genere, ecc.) e quando si innalza la lode a Dio in nome di queste creature (Daniele, Francesco d’Assisi …).

Risultato immagine per l'uomo e il creato

1. SACERDOZIO UNIVERSALE SECONDO LA NATURA UMANA
L’uomo è una unità di anima e di corpo, di spirito e materia, d’invisibile e visibile; e nella sua corporeità, vivificata dallo spirito, sintetizza in sé «gli elementi del mondo materiale, così che questi attraverso di lui toccano il loro vertice e prendono voce per lodare in libertà il Creatore» (GS n. 14). Tra il mondo visibile della materia e quello invisibile dello spirito c’è un interscambio, analogo a quello esistente tra corpo e anima nell’uomo. Ora, siccome nell’universo è diffusa una certa razionalità (che consente la formulazione delle leggi espresse dalla scienza), l’uomo trova in esso una specie di alleato, il quale sembra mettere a disposizione dell’uomo i mezzi necessari al suo progresso spirituale. Il corpo umano mediante la sensibilità si collega con l’universo e consente all’uomo di diventare il luogo del suo sacerdozio cosmico: è questa sensibilità che permette il funzionamento delle facoltà razionali, per le quali possiamo:
343
– comprendere che c’è un tipo di sensibilità soprasensibile e d’intelligenza soprarazionale (per questo si parla, ad esempio, di sensi spirituali …); e vivere nella nostra sfera sensibile e finita, sia pure per brevi istanti, realtà soprasensibili e infinite, come accade nelle esperienze mistiche; – esperimentare il limite, in noi e fuori di noi, perché la nostra libertà deve fare i conti con il mondo circostante, fisico e sociale: per esercitarsi deve accettare i condizionamenti che le vengono dalle cose e dagli altri esseri viventi, uomo compreso. Per questo si deve parlare di dramma umano della libertà che coinvolge tanti esseri, dalle dimensioni planetarie e cosmiche (cfr. problema del riscaldamento del pianeta); – andare verso ciò che sta oltre (la trascendenza), aprendoci, sia pure con sofferenza, agli altri uomini e, alla fine, all’Unico necessario; e da questa apertura senza confini possono nascere la fede in Dio e la lode per tutte le sue creature (cfr. Cantico delle Benedizioni in Dn 3, 52-90).
Un tale orientamento di vita provoca nell’uomo una specie di decentramento, in quanto egli deve rinunciare al ruolo di vincolo universale e di attore dell’umanizzazione cosmica; aprendosi all’azione di Dio, Unico necessario, egli cede a Lui il timone della propria vita e la regia del dramma universale. Una simile scelta (obbligata), personale e individuale, ci inserisce in un processo di dimensioni cosmiche: il Dio che prende in mano il timone della vita dell’uomo è lo stesso Dio che ha creato l’uomo a sua immagine e somiglianza e che si è avvicinato all’uomo assumendo la sua stessa natura: è il Cristo, figlio dell’uomo e figlio di Dio, Mediatore universale e assoluto, per il quale tutte le cose sono state fatte e nel quale tutto trova sussistenza e significato. Da una visione antropocentrica si passa quindi ad una visione cristocentrica, dalla umanizzazione alla cristificazione.
344

(more…)

Agostino d’Ippona , Confessioni: Libro Sesto

5 luglio 2017

Risultato immagine per sant'agostino

Fra amici

Alipio discepolo affezionato di Agostino

  1. 11. Così conversavamo gemendo fra noi amici, accomunati dalla medesima vita. Ma più che con gli altri e con maggiore confidenza discorrevo di queste cose con Alipio e Nebridio. Alipio, nativo del mio stesso paese e figlio di genitori colà eminenti, era più giovane di me, e infatti era stato alunno alla mia scuola nei primi tempi del mio insegnamento sia in patria, sia poi a Cartagine. Mi amava molto, credendomi virtuoso e dotto, e io lo ricambiavo con pari affetto a motivo della sua indole fortemente e visibilmente inclinata alla virtù fin da giovane età. Ciò nonostante il vortice della moda cartaginese, fervida di spettacoli frivoli, lo aveva inghiottito con una passione forsennata per i giochi del circo. Però al tempo in cui vi era miseramente sballottato, non frequentava ancora le lezioni di retorica che io tenevo pubblicamente, a motivo di certi dissapori sorti fra me e suo padre. Venuto a conoscenza della sua funesta passione per il circo, ero profondamente afflitto dal pensiero che avrebbe guastato, se non l’aveva già fatto, le più belle speranze; ma come ammonirlo o richiamarlo duramente, se non potevo giovarmi né dell’affetto di un amico, né dell’autorità di un maestro? Supponevo infatti che nutrisse verso di me gli stessi sentimenti del padre. Invece non era così, tanto che pospose in questa faccenda la volontà paterna e prese a salutarmi, frequentando la mia aula, ove mi ascoltava un po’ di tempo, per poi allontanarsi.
  2. 12. A me però era ormai caduto dalla memoria il proposito di agire su di lui per impedire alla sua passione cieca e irruente degli spettacoli insulsi di stroncare disposizioni tanto buone. Ma non tu, Signore, che governi il timone di ogni tua creatura, avevi dimenticato come dovesse diventare pontefice del tuo sacramento fra i tuoi figli; e perché il suo ravvedimento fosse ascritto inequivocabilmente a te, lo attuasti per mio tramite, ma senza un mio proposito. Un giorno sedevo al mio solito posto, gli allievi di fronte a me, quando entrò, salutò, sedette e cominciò a seguire la trattazione in corso. Io tenevo per caso fra mano un testo, e nel commentarlo pensai bene di trarre un paragone dai giochi del circo per rendere più piacevole e chiara l’idea che volevo inculcare, schernendo mordacemente le vittime di quella follia. Allora, tu sai, Dio nostro, non pensavo a guarire Alipio dalla sua peste; senonché egli si appropriò delle mie parole come se le avessi pronunciate espressamente per lui; e se altri ne avrebbe tratto motivo di risentimento verso di me, quel giovane virtuoso ne trasse motivo di risentimento verso di sé e d’amore più ardente verso di me. Tu avevi detto un tempo e inserito nelle tue Scritture queste parole: Rimprovera il saggio, ed egli ti amerà; ma io non avevo rimproverato quel giovane. Tu invece, che ti servi di tutti, coscienti o incoscienti, secondo l’ordinato disegno da te conosciuto, e giusto disegno, facesti del mio cuore e della mia lingua altrettanti carboni ardenti per cauterizzare la piaga devastatrice di quell’anima ricca di buone speranze, e guarirla. Non canti le tue lodi chi non riconosce gli atti della tua commiserazione; essi ti rendono merito dalle più intime fibre del mio essere. Alipio, dunque, dietro il suono di quelle parole si gettò fuori dalla fossa profondissima, in cui affondava compiaciuto e con strano diletto si privava della luce; scosse il suo spirito con vigorosa temperanza, e ne schizzarono lontano tutte le sozzure del circo, ove non mise più piede; quindi, vincendo le resistenze del padre, mi prese per maestro. Il padre non dissentì, anzi acconsentì, e Alipio, tornando a frequentare le mie lezioni, cadde con me nella rete delle superstizioni manichee. Nei manichei ammirava l’austerità che ostentavano e che invece credeva reale e genuina, mentre era un’esca insana per accalappiare le anime valorose ancora incapaci di attingere le vette della virtù e inclini a lasciarsi ingannare dall’esteriorità di una virtù solo adombrata e finta.

 

Alipio travolto dalla passione del circo

  1. 13. Senza abbandonare davvero la via del mondo, a lui decantata dai suoi genitori, mi aveva preceduto a Roma con l’intenzione di apprendervi il diritto. E là in circostanze stravaganti venne travolto dalla stravagante passione per gli spettacoli gladiatori. Mentre evitava e detestava quel genere di passatempi, incontrò per strada certi suoi amici e condiscepoli, che per caso tornavano da un pranzo e che lo condussero a forza, come si fa tra compagni, malgrado i suoi vigorosi dinieghi e la sua resistenza, all’anfiteatro, ov’era in corso la stagione dei giochi efferati e funesti. Diceva: “Potete trascinare in quel luogo e collocarvi il mio corpo, ma potrete puntare il mio spirito e i miei occhi su quegli spettacoli? Sarò là, ma lontano, così avrò la meglio e su di voi e su di essi”; ma non per questo gli altri rinunciarono a tirarselo dietro, forse curiosi di vedere se appunto riusciva a realizzare il suo proposito. Ora, quando giunsero a destinazione e presero posto come poterono, ovunque erano scatenate le più bestiali soddisfazioni. Egli impedì al suo spirito di avanzare in mezzo a tanto male, chiudendo i battenti degli occhi: oh, avesse tappato anche le orecchie! Quando, a una certa fase del combattimento, l’enorme grido di tutto il pubblico violentemente lo urtò, vinto dalla curiosità, credendosi capace di dominare e vincere, qualunque fosse, anche la visione, aprì gli occhi. La sua anima ne subì una ferita più grave di quella subìta dal corpo di colui che volle guardare, e cadde più miseramente di colui che con la propria caduta aveva provocato il grido. Questo, penetrato attraverso le orecchie, spalancò gli occhi per aprire una breccia al colpo che avrebbe abbattuto quello spirito ancora più temerario che robusto, tanto più debole, quanto più aveva contato su di sé invece che su di te, come avrebbe dovuto fare. Vedere il sangue e sorbire la ferocia fu tutt’uno, né più se ne distolse, ma tenne gli occhi fissi e attinse inconsciamente il furore, mentre godeva della gara criminale e s’inebriava di una voluttà sanguinaria. Non era ormai più la stessa persona venuta al teatro, ma una delle tante fra cui era venuta, un degno compare di coloro che ve lo avevano condotto. Che altro dire? Osservò lo spettacolo, gridò, divampò, se ne portò via un’eccitazione forsennata, che lo stimolava a tornarvi non solo insieme a coloro che lo avevano trascinato la prima volta, ma anche più di coloro, e trascinandovi altri. Eppure tu lo sollevasti da quell’abisso con la tua mano potentissima e misericordiosissima, gli insegnasti a non riporre fiducia in sé, ma in te; però molto più tardi.

Agostino _Confessioni pag. 42 di 133

IL SACRO CUORE E IL SACERDOZIO Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

5 luglio 2017

Parte prima

IL SACERDOTE, CREAZIONE DELL’AMORE INFINITO

Risultato immagine per madre luisa margherita claret de la touche

CAPITOLO V

Gesù si offre in sacrificio

Figure del sacrificio

Una grande tristezza si è sparsa nella natura: l’uomo, il signore della creazione, che doveva guidare verso l’incontro con Dio tutte le altre creature, ha abbandonato lui per primo la sua via: ha offeso il suo Creatore e suo Dio. Ha peccato. Dopo i pochi istanti di piacere che hanno seguito il suo errore, Adamo colpevole è stato assalito dal timore. Conosce la bontà di Dio, ma sa anche che è giusto e potente, e il pensiero di questa potenza e di questa giustizia di Dio che stanno per colpirlo lo getta in un terrore folle. Per la prima volta, l’uomo ha paura di Dio e, udendo la sua voce risuonare nel giardino, quella voce grave e dolce che fino a questo momento non gli ha indirizzato che parole di un Padre, si nasconde tutto tremante. Presto la terribile sentenza è pronunciata? Seguito dalla sua infelice compagna, Adamo lascia il Paradiso delle delizie per iniziare, sulla terra divenuta meno fertile e sotto un cielo troppo sovente offuscato dalle nubi, una vita di lavoro, di lotta e di dolore che sarà, fino alla fine dei tempi, l’eredità dei suoi discendenti.

Di tanto in tanto, il ricordo dell’uomo si riporta ai giorni felici dell’Eden, ai giorni della sua intimità con il Creatore, e li rimpiange nelle lacrime: cerca di ritrovare la felicità perduta, di riavvicinarsi a Dio, di entrare, come una volta, in comunicazione con lui. Ma il Cielo è chiuso per lui, e sordo alla sua voce; invano l’uomo peccatore cerca di riannodare con il suo Creatore quei legami d’amore che il peccato ha spezzato. Obbligato alla lotta contro gli elementi scatenati, contro le forze di quella natura ora ribelle, ma che egli aveva visto nei primi giorni della creazione sottomessa e meravigliosamente ordinata, avverte più profondamente la potenza infinita di Dio, la sua grandezza, il suo potere sovrano e, penetrato dal senso della sua debolezza e del suo nulla, si inginocchia in adorazione. Se ha capito la grandezza di Dio, l’uomo è ancora più colpito dalla sua bontà. Dio onnipotente lo poteva annientare dopo il peccato, oppure, volendo conservarlo per una lunga espiazione, poteva distruggere queste splendide bellezze, queste innumerevoli ricchezze dell’universo che, sia pure più difficili da raggiungere, sono tuttavia ancora alla sua portata. Così, nella sua sventura, l’uomo riconosce la bontà di Dio, e il suo cuore è spinto a levare verso il cielo un canto di ringraziamento e di lode.

Ma allora ritornano alla sua mente le ultime parole che Dio, irritato, ha pronunciato contro di lui cacciandolo dall’Eden. Rivede la spada di fuoco dell’angelo che custodisce la porta del giardino, e il ricordo delle terribili manifestazioni della giustizia di Dio ferma sulle sue labbra il canto di riconoscenza, e lo gela nel terrore. Trema, si confonde; vorrebbe riparare l’offesa a costo della vita; e, al grido disperato che lancia verso il cielo, non c’è nessuna risposta di perdono.

A poco a poco, tuttavia, la pace ritorna in quest’uomo torturato. Si ricorda la divina promessa di un Salvatore e, inginocchiandosi sulla terra nuda, così spesso bagnata dal sudore e dalle lacrime, il colpevole si sforza, con i suoi gemiti e l’ardore veemente della preghiera, di far scendere fino a lui la misericordia promessa. Così, quasi ad ogni momento, nella sua angosciosa solitudine e sotto il peso schiacciante del suo peccato, il primo uomo è combattuto e straziato da sentimenti diversi. E un giorno, volendo riunire in un solo gesto l’espressione intima e personale della sua adorazione, della sua riconoscenza, della sua riparazione e delle sue instancabili preghiere, per presentarla a Dio, offre il suo primo sacrificio…

Sotto la volta del cielo le cui azzurre profondità sono colme di mistero, al centro di questa vasta terra appena popolata, su un blocco di granito che gli serve da altare, l’uomo deposita la sua offerta. è senza valore, certo; ma l’uomo la pensa preziosa, perché gli è costata preoccupazioni e fatiche, e gli sembra utile. Sono frutti strappati dal lavoro delle sue braccia alla terra poco fertile; è un animale che ha nutrito con sollecitudine e allevato con fatica, primizia del suo gregge. Presenta questa offerta a Dio, e la distrugge. La immola alla gloria del Signore dei cieli, sperando così di toccare il suo cuore e ottenere il suo perdono…

E l’Altissimo si degna di chinarsi verso l’uomo pentito. Vediamo, infatti, ai primi giorni del mondo, Abele offrire a Dio i suoi sacrifici, e il Signore guardare favorevolmente Abele e le sue offerte. Anche in seguito, l’Altissimo continua a gradire questi sacrifici, e qualche volta manda dal cielo una fiamma che consuma l’olocausto; risposta misericordiosa ai deboli sforzi tentati dall’uomo per riavvicinarsi al suo Creatore e suo Dio.

Ma come può, l’Essere supremo, il Dominatore dei mondi, gradire un sacrificio del genere? Come è possibile che un sacrificatore colpevole e una vittima senza intelligenza possano glorificare Dio, rappacificarsi con la sua giustizia, ottenere i suoi doni?

Dio è Amore. Vedeva il peccato coprire con la sua ignominia l’uomo, e molto prima che all’uomo venisse in mente di offrirgli un sacrificio, nell’intimità dell’Amore Infinito si tenne consiglio. Il Verbo, Figlio unico del Padre, si offriva per pagare il debito dell’umanità colpevole. Si sarebbe incarnato nel tempo e, insieme Sacerdote e Vittima, si sarebbe immolato volontariamente. Ogni gloria sarebbe così stata tributata alla maestà di Dio; la giustizia sarebbe stata soddisfatta da questa riparazione di valore infinito; i legami formati dall’amore tra il Creatore e la creatura, e spezzati dal peccato, si sarebbero riannodati per sempre in questo sacrificio divino.

Il Padre dei cieli e lo Spirito d’amore erano stati d’accordo alla proposta della Sapienza increata; la giustizia si era vista disarmata dalla misericordia; la potenza e la bontà si univano per preparare un capolavoro: Gesù Cristo, Sacerdote di Dio, Vittima dell’unico sacrificio degno della Maestà più alta. Ed ecco come i sacrifici imperfetti offerti dall’uomo sulla terra erano graditi a Dio: la Trinità vedeva in loro la figura, il simbolo di quel Sacrificio del Verbo incarnato che sarebbe stato offerto un giorno e che avrebbe operato la riconciliazione definitiva tra il cielo e la terra.

L’umanità, disperdendosi, portava ovunque l’idea del sacrificio. Non vi è alcun popolo, alcuna religione che non abbia un sacrificio alla base del suo culto. Ma, per la perversione della sua intelligenza e del suo cuore, l’uomo doveva a poco a poco perdere la conoscenza del suo Dio, ed è a miserabili idoli che, quasi ovunque, offrirà i suoi sacrifici. Solo il popolo eletto, la nazione santa chiamata a conservare il culto del vero Dio, continuerà ad offrirgli oblazioni, fino al giorno in cui ciò che è imperfetto lascerà il posto a ciò che è perfetto, il sacerdote della nuova alleanza offrirà alla Maestà di Dio l’unica vittima che egli può gradire.

Sotto l’Antico Testamento nulla era parso perfetto e completo. Il sacerdozio levitico, che era come l’anima della Legge, era debole e impotente. Ma un altro sacerdote doveva sorgere, nell’ordine di Melchisedech, che, sacrificando una vittima santa, pura e gradita a Dio, avrebbe portato alla giustizia perfetta tutti coloro che dovevano essere santificati.

(more…)

Agostino d’Ippona , Confessioni: Libro Sesto

30 giugno 2017

Risultato immagine per sant'agostino

Il senso spirituale delle Scritture

  1. 6. Gioivo pure che la lettura dell’antica Legge e dei Profeti mi fosse proposta con una visuale diversa dalla precedente, la quale me li faceva apparire assurdi, mentre rimproveravo ai tuoi santi una concezione che non avevano; e mi rallegravo di sentir ripetere da Ambrogio nei suoi sermoni davanti al popolo come una norma che raccomandava caldamente: “La lettera uccide, lo spirito invece vivifica”. Così quando, scostando il velo mistico, scopriva il senso spirituale di passi che alla lettera sembravano insegnare un errore, le sue parole non mi spiacevano, benché ignorassi ancora se erano veritiere. Trattenevo il mio cuore dall’assentirvi minimamente, per timore del precipizio, e il pencolare a quel modo era una morte peggiore. Che pretesa la mia, di raggiungere su cose che non vedevo la stessa certezza con cui ero certo che sette più tre fa dieci! Non così pazzo da ritenere che nemmeno quest’ultima verità si può comprendere, volevo però comprendere allo stesso modo anche le altre verità, sia le corporee non sottoposte ai miei sensi, sia le spirituali, per me pensabili esclusivamente sotto una forma corporea. Potevo guarire con la fede, cosicché l’occhio della mia mente si fissasse più puro sulla tua verità permanente e indefettibile; ma, come accade di solito, che dopo aver incontrato un medico cattivo si ha paura di affidarsi anche al buono, così la mia anima ammalata e risanabile soltanto dalla fede respingeva la guarigione per timore di una fede sbagliata, resistendo alle tue mani, che confezionarono la medicina della fede e la sparsero sulle malattie dell’universo intero, dotandola di così grande potere.

Lento e incerto sviluppo della fede in Agostino

  1. 7. Tuttavia da allora incominciai a preferire la dottrina cattolica, anche perché la trovavo più equilibrata e assolutamente sincera nel prescrivere una fede senza dimostrazioni, che a volte ci sono, ma non sono per tutti, altre volte non ci sono affatto. Il manicheismo invece prometteva temerariamente una scienza, tanto da irridere la fede, e poi imponeva di credere a un grande numero di fole del tutto assurde, dal momento che erano indimostrabili. Sotto il lavorio della tua mano delicatissima e pazientissima, Signore, ora il mio cuore lentamente prendeva forma. Tu mi facesti considerare l’incalcolabile numero dei fatti a cui credevo senza vederli, senza assistere al loro svolgimento, quale la moltitudine degli eventi storici, delle notizie di luoghi e città mai visitate di persona, delle cose per cui necessariamente, se vogliamo agire comunque nella vita, diamo credito agli amici, ai medici, a persone di ogni genere; e infine come ero saldamente certo dell’identità dei miei genitori, benché nulla potessi saperne senza prestare fede a ciò che udivo. Così mi convincesti che non merita biasimo chi crede nelle tue Scritture, di cui hai radicato tanto profondamente l’autorità in quasi tutti i popoli, ma piuttosto chi non vi crede. Dunque non dovevo prestare ascolto, se qualcuno per caso mi diceva: “Come sai che questi libri furono trasmessi al genere umano dallo spirito dell’unico Dio vero e assolutamente veritiero?”. Proprio ciò bisognava soprattutto credere, poiché non v’era stata violenza di calunniose obiezioni nelle molte dispute dei filosofi lette sui libri, che avesse potuto strapparmi neppure per un attimo la fede nella tua esistenza sotto qualunque forma a me ignota, e nel governo delle cose umane, che ti appartiene.
  2. 8. Però questa fede era in me ora più salda, ora più fievole. Tuttavia credetti sempre che esisti e ti curi di noi, pur ignorando quale concezione bisognava avere della tua sostanza e quale sia la strada che conduce o riconduce a te. Essendo dunque gli uomini troppo deboli per trovare la verità con la sola ragione, e avendo perciò bisogno dell’autorità di testi sacri, io avevo incominciato a credere ormai che non avresti attribuito un’autorità così eminente presso tutti i popoli della terra a quella Scrittura, se non avessi desiderato che l’uomo per suo mezzo credesse in te e per suo mezzo ti cercasse. Dopo le molte spiegazioni accettabili che ne avevo udito, ormai attribuivo le assurdità che mi solevano urtare in quei testi alla sublimità dei simboli. La loro autorità mi appariva tanto più venerabile e degna di fede pura, in quanto si offrivano a qualsiasi lettore, ma serbavano la maestà dei loro misteri a una penetrazione più profonda. L’estrema chiarezza del linguaggio e umiltà dello stile li rendevano accessibili a tutti, eppure stimolavano l’acume di coloro che non sono leggeri di cuore; e se accoglievano nel loro seno aperto l’umanità intera, lasciavano passare per anguste fessure fino a te un numero piccolo di persone, molto più grande tuttavia di quanto non sarebbe stato, se ad essi fosse mancato un prestigio così eminente e una santità così umile, da attrarre nel proprio grembo le turbe. Mentre andavo così riflettendo, tu mi eri vicino, udivi i miei sospiri, mi guidavi nei miei ondeggiamenti, mi accompagnavi nel mio cammino attraverso l’ampia strada del mondo.

Un mendicante felice

  1. 9. Cercavo avidamente onori, guadagni, nozze, e tu ne ridevi. Per colpa di queste passioni soffrivo disagi amarissimi, ma la tua benignità era tanto più grande, quanto meno dolce mi facevi apparire ciò che tu non eri. Guarda il mio cuore, Signore, per il cui volere rievoco e ti confesso questi fatti. Si unisca ora a te la mia anima, che hai estratta dal vischio tenacissimo della morte. Quanto era misera! E tu stuzzicavi il bruciore della piaga perché, lasciando tutto, si rivolgesse a te, che sei sopra tutto e senza di cui tutto sarebbe nulla; perché si volgesse a te e fosse guarita. Quanto ero misero, dunque, e tu come hai operato per farmi sentire la mia miseria! Quel giorno mi preparavo a recitare un elogio dell’imperatore, infarcito di menzogne, ma capace di conciliare al mentitore i favori di altre persone, ben consapevoli. Il cuore ansimante di preoccupazioni e riarso dalle febbri di rovinosi pensieri, nel percorrere un vicolo milanese scorsi un povero mendicante, che, credo, oramai saturo di vino, scherzava allegramente. Sospirando feci rilevare agli amici che mi accompagnavano le molte pene derivanti dalle nostre follie: tutti i nostri sforzi, quali quelli che proprio allora sostenevo traendo sotto il pungolo dell’ambizione il fardello della mia insoddisfazione e ingrossandolo per via, a che altro miravano, se non al traguardo di una gioia sicura, ove quel povero mendico ci aveva già preceduti e noi, forse, non saremmo mai arrivati? Il risultato che egli aveva ottenuto con ben pochi e accattati soldarelli, ossia il godimento di una felicità temporale, io inseguivo attraverso anfratti e tortuosità penosissime. Egli non possedeva, evidentemente, la vera gioia; ma anch’io con le mie ambizioni ne cercavo una più fallace ancora, e ad ogni modo egli era allegro, io angosciato, egli sicuro, io ansioso. Richiesto di dire se preferivo l’esultanza o il timore, avrei risposto: “L’esultanza”; ma se poi mi fosse stato chiesto: “Preferiresti essere come costui, o come sei tu ora?”, avrei scelto di essere com’ero, stremato d’affanni e timori. Quale perversione! Infatti secondo ragione non avrei dovuto anteporre al mendico la mia più vasta cultura, se non ne ricavavo motivi di gioia, bensì la impiegavo per piacere agli uomini, non ammaestrandoli, ma solo dilettandoli. Perciò tu col bastone della tua scuola spezzavi le mie ossa.

(more…)

La bellissima tradizione della barca di San Pietro, tra leggenda e realtà

29 giugno 2017

Nella notte tra il 28 e il 29 giugno, in occasione della festa di San Pietro e Paolo, nelle campagne si celebra un rito molto particolare per capire come sarà il tempo ma anche come andrà il raccolto e il destino dei componenti della propria famiglia. Si tratta di quella tradizione nota come la barca di San Pietro.

La tradizione contadina da sempre si serve di rituali alla cui base vi sono credenze popolari, leggende o storie di santi. Spesso si utilizzavano questi “strumenti” per capire come sarebbero state le condizioni meteorologiche, indicatore molto importante per il buon raccolto nei campi e dunque il sostentamento delle famiglie.

Ancora oggi diffusa in alcune zone, soprattutto del Nord Italia, è la tradizione della barca di San Pietro o veliero di San Pietro, un’usanza che si serve di pochi ingredienti: un contenitore di vetro, una chiara d’uovo e la magia della notte di San Pietro e Paolo!

(more…)

Maria e l’Eucaristia: A cura di Ermanno M. Toniolo

28 giugno 2017

Risultato immagine per maria eucaristia

http://www.culturamariana.com/pubblicazioni/fine20/pdf/Fine20_Presentazione.pdf

Agostino d’Ippona , Confessioni: Libro Sesto

27 giugno 2017

Risultato immagine per sant'agostino

L’ammirevole figura di Ambrogio

  1. 3. Non t’invocavo ancora con gemiti affinché venissi in mio aiuto. Il mio spirito era piuttosto attratto dalla ricerca e mai sazio di discussioni. Lo stesso Ambrogio era per me un uomo qualsiasi, fortunato secondo il giudizio mondano perché riverito dalle massime autorità; l’unica sua pena mi sembrava fosse il celibato che praticava. Delle speranze invece che coltivava, delle lotte che sosteneva contro le tentazioni della sua stessa grandezza, delle consolazioni che trovava nell’avversità, delle gioie che assaporava nel ruminare il tuo pane entro la bocca nascosta del suo cuore, di tutto ciò non potevo avere né idea né esperienza. Dal canto suo ignorava anch’egli le mie tempeste e la fossa ove rischiavo di cadere. Non mi era infatti possibile interrogarlo su ciò che volevo e come volevo. Caterve di gente indaffarata, che soccorreva nell’angustia, si frapponevano tra me e le sue orecchie, tra me e la sua bocca. I pochi istanti in cui non era occupato con costoro, li impiegava a ristorare il corpo con l’alimento indispensabile, o l’anima con la lettura. Nel leggere, i suoi occhi correvano sulle pagine e la mente ne penetrava il concetto, mentre la voce e la lingua riposavano. Sovente, entrando, poiché a nessuno era vietato l’ingresso e non si usava preannunziargli l’arrivo di chicchessia, lo vedemmo leggere tacito, e mai diversamente. Ci sedevamo in un lungo silenzio: e chi avrebbe osato turbare una concentrazione così intensa? Poi ci allontanavamo, supponendo che aveva piacere di non essere distratto durante il poco tempo che trovava per ricreare il proprio spirito libero dagli affari tumultuosi degli altri. Può darsi che evitasse di leggere ad alta voce per non essere costretto da un uditore curioso e attento a spiegare qualche passaggio eventualmente oscuro dell’autore che leggeva, o a discutere qualche questione troppo complessa: impiegando il tempo a quel modo avrebbe potuto scorrere un numero di volumi inferiore ai suoi desideri. Ma anche la preoccupazione di risparmiare la voce, che gli cadeva con estrema facilità, poteva costituire un motivo più che legittimo per eseguire una lettura mentale. Ad ogni modo, qualunque fosse la sua intenzione nel comportarsi così, non poteva non essere buona in un uomo come quello.

L’uomo immagine di Dio secondo la fede cattolica

  1. 4. Certo è che non mi era assolutamente possibile interrogare quel tuo santo oracolo, ossia il suo cuore, su quanto mi premeva, bensì soltanto su cose presto ascoltate. Invece le tempeste della mia anima esigevano di trovarlo disponibile a lungo, per riversarsi su di lui; ma invano. Ogni domenica lo ascoltavo mentre spiegava rettamente la parola della verità in mezzo al popolo, confermandomi sempre più nell’idea che tutti i nodi stretti dalle astute calunnie dei miei seduttori a danno dei libri divini potevano sciogliersi. La scoperta poi da me fatta, che i tuoi figli spirituali, rigenerati per tua grazia dalla maternità della Chiesa cattolica, non intendevano le parole ov’è detto che l’uomo fu da te fatto a tua immagine nel senso di crederti e pensarti rinchiuso nella forma di un corpo umano, per quanto non riuscissi a scorgere neppure debolmente e in un enigma come fosse una sostanza spirituale, mi fece arrossire gioiosamente di aver latrato per tanti anni non già contro la fede cattolica, bensì contro fantasmi creati da immaginazioni carnali. Temerario ed empio ero stato, perché avevo asserito, accusando, cose che avrei dovuto asserire indagando. Tu, altissimo e vicinissimo, remotissimo e presentissimo, non fornito di membra più grandi e più piccole, ma esistente per intero in ogni luogo e in nessuno, facesti però l’uomo a tua immagine senza possedere affatto questa nostra forma corporale; ed ecco l’uomo esistere in un dato luogo dalla testa ai piedi.

(more…)

IL SACRO CUORE E IL SACERDOZIO Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

26 giugno 2017

Parte prima

IL SACERDOTE, CREAZIONE DELL’AMORE INFINITO

Risultato immagine per Madre Luisa Margherita Claret de la Touche

CAPITOLO IV

Gesù consola

Il dolore non è stato affatto creato per l’uomo; doveva essere l’eredità soltanto degli angeli ribelli e decaduti che, separandosi dall’Amore eterno con un atto libero e abusivo della loro volontà, si erano votati per sempre a un odio eterno.

Dopo il peccato dell’uomo, quando il progetto divino, realizzato dall’Amore Infinito per la felicità della sua creatura prediletta, fu sconvolto e distrutto, il dolore, infrangendo le sue dighe, si precipitò sull’umanità come un torrente in piena.

L’uomo cominciò allora a soffrire in ogni parte del suo essere. Soffrire nel corpo: il lavoro e le sue fatiche, le intemperie del clima, le molestie delle malattie, gli accidenti improvvisi si unirono per fargli sperimentare la sofferenza. La meravigliosa struttura del suo corpo, la raffinatezza dei suoi organi, la perfezione dei suoi sensi, che dovevano servire a moltiplicare le sue gioie, contribuirono soltanto più, dopo il peccato, a moltiplicare i suoi tormenti. Nessuna delle sue membra, neppure una fibra della sua persona può essere, presto o tardi, risparmiata dal dolore.

Soffri nel suo cuore. Questo strumento armonioso dell’amore, che non doveva risuonare se non sotto il tocco delicato della mano di Dio, si trovò ad essere tormentato dalle mani inesperte delle creature. Le sue corde fragili e melodiose si spezzarono l’una dopo l’altra sotto i colpi dell’ingratitudine, dell’odio, dell’abbandono per gli strappi causati dalla morte, per le tristi infedeltà e le disillusioni amare.

Soffri nella sua anima. Creata a immagine di Dio, era stata dotata di possibilità meravigliose, il cui esercizio pieno e perfetto doveva offrire gioie sublimi. Ma il peccato, gettandovi le sue ombre, paralizzando i suoi slanci, vi fece entrare il dolore. L’intelligenza dell’uomo soffrì la sua impotenza a conoscere, a penetrare i misteri appena intravisti. La sua memoria soffrì il ricordo dei dolori passati o delle gioie perdute. La sua volontà soffrì le proprie ribellioni, incertezze e instabilità. L’uomo soffrì nella sua immaginazione i timori per il futuro; soffrì infine in tutto il suo essere e in ogni tempo della sua vita.

Già nella culla, piangeva; lacrime senza dubbio incoscienti, ma reali. E vagiva con gemiti di pianto. La sua infanzia, la sua adolescenza, la sua maturità ebbero le loro preoccupazioni e i loro lutti. La sua vecchiaia ebbe la solitudine, le infermità e i rimpianti. Poi venne la morte, con l’agonia e l’angoscia e le ultime lacrime, versate già sull’orlo della tomba.

Attraverso i secoli, questo dolore umano salì come un grido disperato verso il cielo, chiamando un Consolatore, perché l’uomo, quando soffre, ha bisogno di essere consolato. è troppo debole per portare da solo il peso del dolore; ha bisogno di un aiuto, di un sostegno; ha bisogno di una mano per asciugare le sue lacrime e per fasciare le sue ferite; di un braccio per essere sorretto, di una voce che lo incoraggi e lo sollevi, di un cuore amico in cui possa rifugiarsi.

Dal seno dell’Amore Infinito un’eco rispose a questo appello, a questa supplica: l’incarnazione del Verbo. Gesù, l’Agnello di Dio, colmo di dolcezza e tenerezza, venne in mezzo alla nostra desolazione. Venne non solo per portare all’uomo ignorante la luce della verità e al peccatore il perdono delle colpe; all’uomo sofferente e solo portò il balsamo celeste della consolazione.

Nessuno meglio del Verbo incarnato poteva essere il consolatore. Abbraccia tutti i dolori e ha tanto amore da poterli alleviare. E’ Dio. Conosce, nella sua intelligenza infinita, ogni minima delicatezza delle sue creature, e sa bene i turbamenti che il peccato vi ha portato. Vede le lotte intime dell’uomo, i suoi dolori più segreti.

E’ Uomo. Ha sperimentato in se stesso tutte le sofferenze dell’umanità. Nella sua Passione, la sua carne, bagnata dal sangue dell’agonia, straziata dalla flagellazione, ferita dalle spine e dai chiodi, ha sofferto il martirio più doloroso. Il suo cuore così ricco di amore è stato spezzato da ingratitudini e gelosie, dall’odio e dall’abbandono. La sua anima ha conosciuto la tristezza e il terrore, torture indicibili e angosce mortali.

Conosce i nostri dolori. E questo illumina le sue parole: « Venite a me, voi tutti che soffrite e che siete oppressi, io vi consolerò ». Cristo chiama i sofferenti di questo mondo, gli addolorati, i disperati; tutti coloro che portano, nel corpo, nel cuore o nell’anima, una ferita sanguinante che deve essere guarita.

Sembra impossibile che possiamo essere consolati: le nostre sofferenze sono troppo numerose, i nostri dolori troppo profondi, fino a sembrare qualche volta senza rimedio. Cristo ci consola con il suo Cuore, in cui l’Amore Infinito si è stabilito, da cui si spandono su di noi le ondate della consolazione di Dio.

Durante la sua vita, abbiamo visto Gesù, tenero come una madre, chinarsi sull’umanità sofferente e versarvi il balsamo che allevia il dolore e guarisce la malattia. E dopo il suo ritorno trionfale nella gloria, quando non può più continuare la sua missione di consolatore in forma umana, non abbandona i suoi; invia lo Spirito Santo, lo Spirito di amore che procede dal Padre e dal Figlio. Cristo stesso consolerà gli uomini attraverso la conoscenza delle verità eterne, attraverso la consacrazione soprannaturale dell’Amore Infinito.

Ma questa azione di consolatore si manifesterà soprattutto attraverso la Chiesa, e nella Chiesa attraverso il prete. La Chiesa e il sacerdozio sono i grandi doni che Cristo consolatore ha fatto al suo popolo. La Chiesa, autenticamente madre, sempre pronta ad asciugare le lacrime; sempre pronta ad accogliere nelle sue braccia, a cullare sul suo cuore i figli che soffrono. Il sacerdote, rappresentante di Gesù, colmo della grazia dello Spirito Santo, che si china, come Gesù, su ogni dolore umano, e su ogni sofferenza versa la consolazione…

(more…)

IL SACRO CUORE E IL SACERDOZIO Madre Luisa Margherita Claret de la Touche Serva di Dio

23 giugno 2017

Parte prima

IL SACERDOTE, CREAZIONE DELL’AMORE INFINITO

Risultato immagine per Madre Luisa Margherita Claret de la Touche

CAPITOLO III

Gesù perdona

Dio è Amore. La sua vita è l’amore: ogni suo movimento, sia nella profondità del suo intimo che fuori di sé, è un movimento d’amore. Se genera nel suo seno, è il Verbo, sublime parola d’amore che Dio dice a se stesso. Se la bellezza e la grandezza del suo Figlio increato lo rapiscono e provocano un movimento d’amore, e se il Figlio, allo stesso tempo, rapito d’amore per il Padre, ha un moto simile, ne procede lo Spirito Santo, sospiro d’amore esalato dal Padre e dal Figlio.

Tutto ciò che Dio crea fuori di sé è creazione di amore, perché crea soltanto per amore, e ogni suo moto verso le creature è un moto d’amore. Comandi; proibisca, punisca, perdoni, assecondi o riprenda, è sempre l’amore.

Ma questo amore ineffabile prende nomi diversi, secondo il suo agire: quando comanda, è potenza; quando asseconda, bontà; quando punisce, giustizia; quando perdona, misericordia. Così l’amore vive, agisce in Dio, e quale che sia la sua forma, è un unico amore, un’unica azione, un’unica forza. Dio, nella sua unità assoluta, immensa, profonda, senza limite, incommensurabile, eterna.

L’uomo è stato creato dall’amore, un amore fecondo, generoso, abbondante, che chiede solo di espandersi; amore di un Padre che vuole comunicare la sua vita; amore di artista che vuole generare capolavori. L’amore che asseconda colmò l’uomo innocente dei suoi doni. Dopo il peccato, l’amore che punisce, la giustizia, stava per colpire; ma l’amore che perdona, la misericordia, era pronto a fermare il braccio già alzato per colpire.

Il Verbo di Dio, generato dall’amore, che viveva nel seno dell’amore, l’Amore stesso, si offrì per pagare il debito del colpevole. Fu amore che perdona e, durante una lunga catena di secoli, questo amore misericordioso si innalzò come un baluardo nel seno stesso di Dio, per riparare l’uomo peccatore dai colpi della giustizia irritata.

Dopo che l’umanità ebbe per molto tempo sofferto e pianto, dopo aver più volte bussato con una lunga attesa alla pietà di Dio, e averla commossa, il Verbo discese sulla terra. Si rivestì della nostra carne. Prese su di sé le nostre debolezze e la nostra mortalità: fu il nostro Cristo, il nostro Gesù. Venne, Amore ineffabile, Misericordia incarnata, non solo per insegnare la verità, non solo. per illuminare con la luce di Dio l’intelligenza umana, ma soprattutto per portare sulla terra il perdono del Padre, lavare nel proprio sangue le iniquità del mondo, spezzare i legami che trattenevano l’anima dell’uomo prigioniero del peccato. Gesù era lui stesso il grande perdono di Dio, perdono sostanziale e vivo, perdono efficace e salvatore.

Non ci stupirà allora se diremo che l’inclinazione di Gesù fu la Misericordia, che il movimento soprannaturale, ma naturale per il suo cuore, fu sempre perdonare e assolvere.

Se noi seguiamo Cristo nei tre anni della sua vita pubblica; se noi camminiamo dietro di lui durante questo periodo così laborioso e fecondo del suo apostolato, lo vedremo senza sosta alla ricerca dei peccatori, continuamente impegnato a spezzare i legami di iniquità che avvolgono gli uomini. « Dio dirà Gesù non ha inviato il suo unico Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui »?

La missione di Cristo sarà compiuta in pienezza: sarà ardente nella ricerca delle anime, saprà abbassarsi fino alla miseria più profonda del peccatore, per sollevarlo, fino alla santità di Dio.

Gesù ama coloro che vuole perdonare, che assolve. E tuttavia i peccatori, di fronte a Dio, sono i nemici mortali. Innanzittuto sono ingrati: avevano ricevuto tutto da Dio e, disprezzando la sua generosità divina, hanno dimenticato la sua bontà e calpestato il suo cuore. Poi sono ribelli: obbligati dal loro essere creature alla dipendenza e alla docilità, hanno scosso da sé il giogo dell’autorità di Dio, così legittima e dolce, e si sono fatti da se stessi maestri. Infine sono traditori: era stato loro affidato il governo del mondo; dovevano custodire, per condurle a Dio, le creature inferiori e, tradendo la fiducia di Dio, hanno distolto le creature dal loro fine, costringendole quasi ad abbandonare il loro Maestro, loro Creatore, loro Signore.

E Gesù li ama, questi peccatori. E’ il suo amore per loro che l’ha fatto scendere dal cielo e venire sulla terra a faticare, soffrire e morire nel dolore e nell’ignominia.

Mentre cammina sulla terra che presto sarà arrossata dal suo sangue, guardate come frequenta volentieri i peccatori, come s’intrattiene con loro, come accoglie con gioia tutti quelli che si presentano a lui. è spesso in mezzo a loro e testimonia loro tale e tanta bontà che i farisei gelosi dicono ai suoi discepoli: « Perché il vostro Maestro mangia con pubblicani e peccatori? ». E prendono pretesto per negare la divinità della sua missione dalla sua bontà misericordiosa: « Se fosse davvero un profeta dicevano nella amarezza del loro cuore egoista e privo di compassione saprebbe che questa donna che lo tocca è una peccatrice », e non ne sopporterebbe il contatto. Erano ben lontani dal conoscere Gesù quelli che credevano che la miseria dovesse disgustarlo, e che il peccatore che piange fosse indegno della sua misericordia.

Un’espressione di Gesù, semplice e profonda, ci rivela, in poche parole, sia l’inclinazione tutta misericordiosa del suo cuore, sia la missione affidatagli dal Padre, di perdonare e di assolvere: « Sono venuto disse un giorno a cercare e a salvare ciò che era perduto ».

Difatti, non è venuto solo per accogliere quelli che andavano a lui, per perdonare chi era pentito: ma per andare incontro ai peccatori, per cercare dappertutto quelle anime accecate dal peccato, trattenute dalla vergogna o dominate dalla viltà.

Durante questi tre anni di apostolato non farà altro che cercare le anime: girerà senza sosta città e villaggi della Giudea e della Galilea; dirigerà la sua barca su tutte le rive del lago di Genezareth; si spingerà nel deserto; passerà per i territori pagani di Tiro e Sidone, seguirà le rive del Giordano e le coste del mare; andrà a mescolarsi, rischiando la vita, alle folle dei pellegrini per le feste di Gerusalemme, frequenterà il portico del tempio dove discutono i dottori, la piscina delle pecore dove i malati si affollano.

Niente lo scoraggerà nelle sue ricerche; nulla spegnerà il suo desiderio inesauribile di trovare uomini da salvare. L’ardente passione per la salvezza dell’uomo trasporta Gesù, raddoppia le sue forze, gli fa accettare fatiche innumerevoli, fino a condurlo al Pretorio e al Golgota.

Colui che Gesù ha scelto per continuare la sua vita sulla terra, questo privilegiato che una partecipazione all’unzione di Cristo Salvatore rende salvatore e liberatore delle anime, il sacerdote, deve avere nel suo cuore questa fiamma ardente, questo veemente desiderio, questa passione santa per la salvezza dei fratelli. Investito da Cristo del potere altissimo di perdonare e assolvere, non deve desiderare altro che di poter servirsene e, con ardore generoso, deve andare alla ricerca degli uomini con tutto lo slancio del suo cuore e, se necessario, anche con lunghi cammini o viaggi pericolosi.

Deve tentare tutto per salvare un’anima: dimenticarsi di se stesso, abbandonare vedute personali, cacciare lontano da sé ogni desiderio di riposo e ogni ricerca di soddisfazioni. Gesù non ha calcolato le sue forze e il suo tempo, li ha consumati interamente. Si è donato completamente, non ha sognato gioie troppo umane, una vita calma, la tranquillità assicurata. Non ha pensato di poter essere salvatore risparmiandosi, o di poter dare vita a molti senza gettare e perdere la propria.

Il prete di Cristo, erede dei suoi sentimenti, ha il cuore grande, l’anima ardente. Mietitore infaticabile nel raccogliere, per darli a Dio, molti covoni di uomini, vuole versare in abbondanza il perdono del Padre. Non gli importa se il sole brucia, se il sudore bagna il suo corpo stanco. Lo sa: quando sarà giunta la sera della sua vita, quando sarà finita l’ora del lavoro, troverà nell’amore di Cristo un refrigerio inesprimibile.

La Maddalena e Zaccheo

Nel suo cammino Gesù, sempre teso a perdonare e assolvere, incontrò tipi diversi di persone. Alcune, come Maddalena, venivano da lui di propria iniziativa.

La nausea del peccato si era un giorno impadronita della donna di Magdala. Una grazia interiore aveva spinto il suo cuore a tornare al bene; una parola di Gesù, udita quasi per caso, aveva vinto le sue ultime resistenze. Era venuta a prostrarsi ai piedi del Cristo. In mezzo alle lacrime aveva fatto la confessione umiliante dei suoi errori. Addolorata, ma anche piena di fiducia, era rimasta là, baciando i piedi di Gesù e attendendo quell’assoluzione che doveva liberarla dalle sue catene, quel perdono che l’avrebbe resa per sempre la felice conquista dell’Amore Infinito.

Cristo aveva riconosciuto in lei un’anima di elezione, uno di quei cuori ardenti che il piacere può affascinare per qualche istante, ma per i quali gli amori terreni sono troppo freddi, instabili e brevi. Questi cuori, attratti dall’Amore Infinito ma all’oscuro della via che vi conduce, si lasciano qualche volta ingannare dal miraggio degli affetti umani; scendono a poco a poco fino in fondo, ma non sanno rassegnarsi a rimanervi.

Maddalena era fatta così. La sorella di Marta e di Lazzaro, tradita dal suo cuore, aveva dimenticato le tradizioni sante del suo popolo e gli esempi dei suoi; era caduta nel peccato, gettando la sua famiglia nel dolore e nella vergogna. Ma la sua anima era troppo alta per sentirsi soddisfatta nel male; il suo cuore era troppo grande per accontentarsi dell’amore delle creature; doveva appartenere a Cristo, e Cristo la conquistò.

Una dolce emozione penetrò il cuore di Cristo quando vide davanti a sé questa donna, che era sì caduta ma che una sua sola parola avrebbe rialzato, rendendola bella con il perdono. Gesù vedeva in lei virtù ammirevoli: la fede, giacché di sua iniziativa veniva a chiedere perdono; la speranza, una fiducia senza limiti la trattenevano ai piedi di Gesù; l’amore l’aveva soggiogata e vinta. La parola di Gesù « Ti sono rimessi i tuoi peccati » è la risposta alle lacrime e alla fiducia amorosa di Maria.

In seguito Gesù non l’abbandona. Continua a formare la sua anima, le chiede a volte atti di eroismo. La conduce lentamente verso l’eterna beatitudine, da Magdala a Betania, da Betania al Calvario e di lì al cielo, passando per l’abnegazione del « Noli me tangere » e per le persecuzioni di Gerusalemme.

Gesù fa di questa peccatrice un miracolo di amore. Sarà la santa, l’amante, la prediletta del suo cuore e l’opera del suo perdono misericordioso.

Tra le persone che Cristo ha incontrato, altre, come Zaccheo, avevano peccato seguendo la strada larga e facile che traccia lo spirito del mondo. Il ricco pubblicano di Gerico, arrivato all’opulenza con mezzi più o meno onesti, gioiva dei piaceri della vita, senza fastidi e senza rimorsi. Una grazia segreta aveva però una volta messo in lui un vago desiderio di una vita migliore. Ma non era stato che un pensiero momentaneo, su cui l’urgenza degli affari, l’amministrazione delle sue ricchezze non gli avevano permesso di soffermarsi. La fama dei miracoli di Gesù era comunque arrivata fino a lui; improvvisamente viene a sapere che presto arriverà nella sua città. Una curiosità che lui pensa naturale e che non è altro che un tocco benefico della grazia lo spinge a desiderare di vederlo. Non ci tiene a parlargli. Gli sembra di non avere niente da dirgli, vuole solo vederlo, studiare quest’uomo straordinario il cui nome è sulla bocca di tutti, e che le folle acclamano.

Le critiche e il disprezzo dei Giudei non avevano affatto turbato Zaccheo nella sua vita lussuosa e comoda; e il rispetto umano non lo ostacola molto, quando vuole vedere Gesù. Sale su uno dei sicomori che crescono lungo la via principale di Gerico, e da lassù aspetta il passaggio del Maestro.

Mentre lo guarda avanzare lentamente, circondato dalla folla, sente all’improvviso lo sguardo di Gesù fissato su di lui. Quello sguardo profondo e dolce, luminoso, che penetra fino in fondo all’anima, lo scuote stranamente; ed ecco che si sente chiamare per nome: « Zaccheo, sbrigati a scendere, perché oggi vengo a pranzo a casa tua ». A casa sua! Non riusciva a convincersi di aver capito bene. Sconvolto fin nel profondo del cuore per questa delicatezza del Maestro, non poteva nemmeno rispondere. Corse a casa sua; diede ordini, fece preparare tutto: voleva che Gesù trovasse da lui un’ospitalità abbondante e magnifica.

Ben presto, il Figlio di Davide, il grande profeta di Israele, sempre seguito dalla folla, si presenta alla porta della sua sontuosa abitazione. Nell’animo di Zaccheo si succedono varie emozioni: una viva luce gli fa vedere l’ingiustizia della sua vita. La bontà di Gesù, che si è degnato di sceglierlo come ospite, malgrado il disprezzo generale di cui è oggetto da parte dei Gìudei, gli sembra così misericordiosa e dolce che il suo cuore ne è profondamente toccato. Vedendo il Cristo poveramente vestito, che vive di elemosina, che passa facendo del bene, diffondendo la luce e la pace, il viso sereno, lo sguardo colmo di misericordia e la mano sempre alzata per benedire, il ricco pubblicano capisce la vanità delle false ricchezze in cui fino allora ha riposto la propria felicità. Capisce di essere fatto per qualcosa di più grande, più utile, migliore.

In piedi di fronte a Gesù, che ha accolto come un re nella sua casa, con il cuore aperto, con la volontà interamente volta al bene, Zaccheo inizia a dire: « Ecco, io do la metà dei miei beni ai poveri, e se ho fatto torto a qualcuno in qualche cosa, gli renderò quattro volte tanto ».

Non dice che « darà »: dà, ha già deciso, e se ha commesso ingiustizie (è facile commetterne quando l’amore delle ricchezze domina il cuore), le ripara generosamente.

è grande la gioia di Gesù quando Zaccheo risponde così fedelmente alla sua grazia. Il suo sguardo misericordioso non si è posato invano su quell’uomo; i suoi approcci pieni d’amore questa volta non sono stati respinti. Vedendo l’opera sublime compiuta dalla sua misericordia, Gesù esclama: « Oggi la salvezza è veramente entrata in questa casa! ». E, tuffando di nuovo il suo sguardo limpido nelle profondità intime di quell’anima rigenerata dal suo amore, dice: « Quello è davvero un figlio di Abramo ».

Poi aggiunge, splendida sintesi della sua vita: « Il Figlio dell’uomo è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto ».

La Samaritana

Gesù non incontrava tutti i giorni sul suo cammino anime facili da conquistare. A volte doveva bussare per molto tempo alla porta degli uomini, stancarsi a cercarli, lottare con loro. Ne vediamo un esempio nella conversione della Samaritana. Il Signore, nel suo amore preveniente, aveva visto nella città di Sichar molti che attendevano la salvezza. In mezzo a loro, aveva vista una donna peccatrice e, nella sua misericordia, aveva deciso non solo di allontanarla dal male, ma di farne l’apostolo dei suoi concittadini.

Molto spesso Gesù aveva preso di fronte al Padre l’atteggiamento umile di chi supplica; molto spesso aveva donato la grazia del suo amore a persone che colpevolmente avevano resistito alla sua volontà di salvezza. Un giorno, tuttavia, volle tentare una specie di ultimo assalto, e prese con i discepoli la via della Samaria. Si avvicinavano a Sichar. Il sole di mezzogiorno splendeva sulla pianura, coprendo di luce dorata il Garizim, laggiù all’orizzonte. Il grano, non ancora maturo, ondeggiava lontano sotto il soffio del vento. Sul bordo della strada, la fontana del Patriarca, all’ombra dei palmizi. Gesù si fermò, stanco. Lasciò che i discepoli continuassero il cammino verso la città, e andò a sedersi, pensoso e triste, accanto al pozzo di Giacobbe.

Ci dobbiamo stupire di fronte a questa debolezza di un Dio, a questa stanchezza che è anch’essa un mistero? Senza dubbio, non era solo la fatica del viaggio che pesava su Gesù. Era piuttosto il peso dei peccati degli uomini che premeva sulle spalle di colui che per questi peccati si offriva come vittima di amore. Era un peso che lo piegava. Le lunghe resistenze della peccatrice di Sichar, l’avvertire che molti lottavano contro la sua misericordia, gettavano Gesù in una tristezza profonda. Anche il battito del suo cuore, pieno di amore, risentiva di questo dolore; anche il suo corpo era piegato, indebolito.

Ben presto, vide venirgli proprio quella donna per la cui salvezza aveva già molto sofferto e pianto. Cosa si poteva ancora fare? Dottrine piene di errori, di cui era stata nutrita fin dall’infanzia nella sua terra di Samaria, in cui qualche brandello della rivelazione di Dio si mescolava all’idolatria più grossolana; influenze diverse esercitate su di lei dai molti uomini cui si era di volta in volta data; tutto questo aveva falsato il suo animo e corrotto il suo giudizio. Un carattere tenace, razionale, portato all’ironia; una natura sensuale, nemica del lavoro e dello sforzo erano altrettanti ostacoli sul cammino della sua conversione. Gesù non si lascia scoraggiare. Non è venuto per i sani, ma per i malati. E’ la risurrezione e la vita, e vuole risuscitare questa donna, che vede con chiarezza morta al suo amore.

Gesù inizia dunque con la peccatrice il colloquio che ci ha trasmesso il Vangelo. Il rispetto di Gesù per la persona, la prudenza che accompagna tutte le sue parole e tutte le sue azioni, la sua dolcezza e pazienza, la sua umiltà si rivelano qui altrettanto che la sua profonda conoscenza del cuore dell’uomo. Chiede dapprima alla Samaritana un piccolo servizio. Sopporta, senza scomporsi, le sue impertinenze. Penetra a poco a poco nel suo cuore, stimolando abilmente la sua naturale curiosità. La porta anche a dichiarare l’irregolarità della sua posizione. è soltanto quando lei stessa dice « Non ho marito » e che Gesù le mostra di conoscere il peccato in cui lei vive. Ma lo fa semplicemente, senza traccia di rimproveri, sapendo bene che lei non può accoglierli; senza ferirla con il disprezzo, senza umiliarla con parole dure.

Questa dolcezza, questo sguardo che legge nel profondo del suo cuore, danno alla donna il coraggio di confidarsi con Gesù. E lui, con bontà, risponde alle sue domande, chiarisce i suoi dubbi, illumina i suoi pensieri. E le annuncia la sua missione. La Samaritana, tutta agitata, ritorna in fretta in città. Un turbamento strano si è impadronito di lei, è assalita da pensieri che non ha mai avuto. Sotto l’influenza della grazia si opera in lei, che ancora non ne ha coscienza, un cambiamento. Quando entra in Sichar, si sente spinta a dire a tutti quelli che incontra: « Venite, venite a vedere un uomo che mi ha detto tutto quello che ho fatto: non sarà il Cristo? ». Non sa ancora se deve credere; ma capisce che quest’uomo così puro, così solenne e dolce insieme, che le ha parlato lungo la strada, non è un uomo qualunque. La Samaritana vuole che gli altri giudichino.

La sera di quello stesso giorno, quando, chiamato dagli abitanti, Gesù entra in Sichar, ritrova la peccatrice. L’amore l’ha trasformata. Viene incontro al suo Salvatore, non per confessare delle colpe che Gesù già conosce, ma per ricevere un perdono che la sua fede e il suo pentimento reclamano, e che Gesù è impaziente di darle. La misericordia aveva vinto ancora una volta. Aveva fatto di una creatura miserabile in cui tutto sembrava impuro e viziato una persona arricchita dall’amore, un apostolo della verità, un trofeo di gloria per il Cristo. Era un miracolo nuovo. E quando, due giorni più tardi, Gesù partì dalla città, proprio coloro che aveva attirato verso il suo amore, illuminato con la sua verità e salvato con la sua misericordia, gli diedero per la prima volta, a una sola voce, il nome di Salvatore.

Già diciannove secoli hanno ripetuto questa parola di gioia dei Samaritani: « è veramente il Salvatore del mondo ». E Molti altri secoli, forse, la ripeteranno; gli echi dell’eternità la faranno risuonare senza fine. Gesù è il Salvatore del mondo perché è la Misericordia; e il mondo ha molto bisogno di una misericordia che perdona…

L’indemoniato

Gesù passava di città in città, di villaggio in villaggio facendo del bene. Si trovò spesso di fronte a una categoria di uomini le cui sofferenze lo colpivano in modo particolare e profondo.

Le folle, entusiasmate dai suoi prodigi, gli portavano da ogni parte una moltitudine di ammalati e di indemoniati perché li liberasse. Molti fra loro, senza dubbio, potevano anche non essere in stato di peccato; il diavolo può, per un permesso di Dio, possedere i corpi; ma è soltanto con la volontà dell’uomo che può possedere la sua anima. Altri tuttavia soffrivano sotto il giogo pesante di una duplice possessione: del corpo, e anche dell’anima. Possiamo immaginare il dolore di Gesù vedendo gli orribili stravolgimenti operati nel cuore dell’uomo dalla presenza dello spirito del male. Guardiamo allora con quale dolcezza e pietà, con quale premura rendeva presente la sua potenza divina per scacciare lo spirito delle tenebre. A prima vista, quando leggiamo i Vangeli, Gesù sembra fare uso soltanto della sua autorità sovrana e dell’onnipotenza della sua parola per liberare gli indemoniati. Ma un passo del Vangelo ci fa vedere che utilizzava anche altri mezzi.

Un giorno, Gesù scendeva dal Tabor. Tornava dall’aver lasciato apparire ai suoi tre discepoli prediletti un riflesso splendente della sua gloria, e il suo volto conservava ancora le tracce della luce divina della Trasfigurazione. Una grande folla era raccolta ai piedi della montagna; alcuni discepoli discutevano; l’atmosfera era eccitata. Gesù, arrivando, si preoccupò della causa di tanta agitazione. Gli risposero che un giovane, posseduto dal diavolo, era stato portato ai discepoli perché facessero su di lui gli esorcismi, ma che questi non avevano risolto nulla. Ed ecco che Gesù chiama a sé il padre del giovane indemoniato. Gli chiede anzitutto un gesto di fede e di confidenza; poi si fa portare il giovane, parla con potenza allo spirito maligno, libera l’indemoniato e lo rende, guarito, a suo padre. La folla si ritira. Gesù entra in una casa vicina con i discepoli, e questi lo interrogano sul loro insuccesso, che li ha stupiti. E Gesù fa vedere loro l’insufficienza della loro fede. Li invita a non fidarsi soltanto delle loro azioni, ma ad entrare nella potenza divina per una confidenza umile, senza limite, nella bontà infinita di Dio. Poi aggiunge: « Sono necessari preghiera e digiuno per cacciare questo genere di demoni ».

Una piccola frase. Ci dice che Gesù pregava, che faceva penitenza per la salvezza degli uomini. Quelle lunghe preghiere che occupavano un’intera notte, quelle privazioni di ogni genere cui si sottoponeva volontariamente; quei lunghi viaggi a piedi, quei digiuni prolungati, quel dormire sulla nuda terra: sono i mezzi che servivano a Gesù per liberarci dalla schiavitù di satana.

Possiamo chiederci se ce n’era bisogno. Verbo del Padre, per cui tutte le cose sono state fatte, una sola parola uscita dalla sua bocca, un solo moto della sua volontà sarebbe stato più che sufficiente a cacciare qualunque demonio. Non dimentichiamo però che Gesù si era fatto nostro modello. Quello che lui poteva fare per virtù divina, non lo possiamo certo fare noi, per quanta ricchezza possiamo avere di doni divini.

L’umanità di Gesù priva di peccato non era di nessun ostacolo all’azione della sua divinità. Poteva sempre agire in Dio. Non aveva certo bisogno di ricorrere ad altri mezzi. La nostra umanità, macchiata dal peccato, oscurata da quella moltitudine innumerevole di imperfezioni e debolezze in cui cadiamo ogni giorno, è un ostacolo permanente all’azione dell’amore di Dio in noi, e alla piena effusione dei suoi doni nella nostra vita.

Il prete è rivestito, in Cristo, dei suoi poteri di Dio e, chiunque e comunque sia come persona, resta sempre un prete. Dal giorno in cui il carattere del sacerdozio è stato impresso in lui, ha potuto compiere gli atti del sacerdote. è entrato nella partecipazione della potenza divina per consacrare, assolvere, sacrificare. Può peccare: è sempre prete; prete indegno, è vero, oggetto d’orrore per Dio e di scandalo per il mondo. Il suo carattere sacro, splendente sulla sua fronte, non farà che illuminare la profondità della sua miseria e il triste naufragio d’ogni sua grandezza: ma è sempre prete: Tu es saceddos in aeternum.

Può consacrare, assolvere, sacrificare; ma la pioggia di grazie speciali che Dio offre al prete; la potenza d’amore sugli uomini per condurli a Dio; l’autorità sugli spiriti malvagi per metterli in fuga; la luce interiore per discernere la voce di ogni uomo, i disegni di Dio su di lui, la via lungo la quale condurlo; il coraggio per sostenere le fatiche dell’apostolato o i rigori della persecuzione; la sapienza per difendere la verità; la forza per conservarsi casto; i privilegi, i doni, le grazie destinate da Dio al suo sacerdote, gli sono date soltanto in misura del suo amore e della sua purezza.

Per ottenere, per conservare, per accrescere in sé l’amore e la purezza, il prete deve ricorrere alla preghiera e alla penitenza. è per questo che Gesù disse ai discepoli: « per cacciare questo genere di demoni… »; per avere una potenza, in tutto simile alla mia; per fare ciò che io faccio, alla grande grazia del sacerdozio che io vi comunicherò e di cui siete già in parte rivestiti, aggiungete ancora la preghiera e la penitenza.

Il sacerdote perdona con Gesù

Il prete, seguendo Gesù, incontra gli uomini che Gesù stesso ha incontrato. Qualche volta, trova sulla sua strada anche qualcuno posseduto da uno spirito malvagio. Potrà tentare molte strade: convincerlo, ad esempio. Ma questi uomini sono ormai troppo lontani dal prete perché possa loro giungere la sua voce. Potrà cercare di conquistarseli con benefici e gesti di amicizia, ma essi fuggono la sua presenza e respingono i suoi doni.

Non resterà allora che inginocchiarsi in preghiera, chiedere misericordia, importunare l’amore di Dio; bisognerà aggiungere alle proprie suppliche le opere della penitenza, rinnovare nella propria carne le sofferenze di Cristo o, almeno, imporre ai propri sensi il giogo salutare della mortificazione che Gesù ha costantemente portato su di sé. Così, unendo la preghiera e la penitenza alla fermezza di una fede illuminata e di una confidenza senza limiti, il prete acquisterà la potenza per scacciare i demoni da coloro che ne sono posseduti, e per distruggere l’influenza nefasta che essi esercitano sul mondo.

Altre volte il prete incontrerà qualcuno come la Samaritana, che bisognerà saper attendere per molto tempo, e presso cui bisognerà agire con molta prudenza. Incontrando persone così, pregherà per loro. Sarà paziente per attenderle, coglierà con attenzione ogni occasione per far loro un po’ di bene. Trattando con loro, imporrà il rispetto con una modesta gravità. Le convincerà non con discussioni violente o con infuocate controversie, ma con parole misurate, benevole, semplici e luminose, sempre umili. Toccherà il loro cuore con una bontà senza debolezza e un autentico interessamento. Come Gesù, non si stupirà mai del male (questo genere di stupori fa soffrire molto i peccatori… ). Non sembrerà mai stanco di ascoltare, e nemmeno scandalizzato dalle loro confessioni. E arriverà così, poco alla volta, a rivelare loro Cristo, il Salvatore.

Se il prete incontra degli Zaccheo, di quegli uomini cioè in fondo buoni, ma senza luce, che non vedono altro che i loro affari, sciupati dai piaceri e irritati dall’intolleranza di qualche cristiano con lo spirito del fariseo, si avvicini a loro a cuore aperto e dia, con la propria vita, l’esempio di quel che è un cristiano, fino a far vedere in sé Gesù: Gesù con il suo amore grande, con la sua semplicità; e questi uomini riconosceranno da se stessi la miseria della loro vita, la vanità dei beni cui sono attaccati. Guadagnati dalla mansuetudine e dagli esempi del prete, torneranno a Gesù, Unico Sacerdote.

E se Cristo mette sulla strada qualche Maddalena, il prete la accolga come un dono dalle sue mani. La purifichi, la istruisca, la circondi di attenzioni vigilanti. La coltivi con amore, perché produca quei frutti squisiti di virtù perfette che Cristo attende da lei. Persone così sono un dono divino che Gesù fa al sacerdote, ed egli può amarle, docili sotto la sua mano e obbedienti alla sua voce, e le può aver care più delle altre; ma sempre e soltanto con l’amore di Cristo.

Questo amore di Cristo, tenero come il cuore di una madre, ardente come il cuore di una vergine, puro come il cuore di un bambino, forte, generoso e fedele come il cuore di un padre! Come il prete partecipa alla potenza di Cristo, così deve anche partecipare a questo amore. Non è autenticamente sacerdote se non vive della vita di Gesù, se non agisce attraverso le azioni di Gesù, se non ama attraverso l’amore di Gesù. Deve aderire a Cristo, ispirarsi ai suoi esempi, consigliarsi con lui, lasciarsi istruire da lui.

La missione del prete è difficile. è una missione tutta di amore e di misericordia. Esige illuminazioni profonde, molta prudenza, una dedizione senza limiti e una pazienza che non si stanca. Solo Gesù Cristo, Dio e Uomo, poteva realizzarla completamente; e lo possono fare coloro che, trasformati da Cristo e viventi di lui, non hanno, con lui, che un solo cuore e un’anima sola.

Gesù, abbiamo detto, è l’amore che perdona. Per questo, anche se è particolarmente unito alle anime belle e pure che hanno sempre conservato lo splendore della somiglianza con Dio, ha una inclinazione, forse ancora più affettuosa, per quelle che ha purificato. « C’è più gioia in cielo per un peccatore che si converte che per novantanove giusti ». Questo cielo è il cuore di Cristo, tabernacolo dell’Amore Infinito da cui prorompe la gioia quando in un uomo si realizza la missione del Salvatore.

Gesù ha spesso pianto sui peccati del mondo. Ha versato lacrime amare e lacrime di sangue su chi rifiutava la sua misericordia. Molte volte ha sparso il suo dolore sull’infedeltà di Gerusalemme. Molte volte, prosternato al cospetto del Padre, ha prolungato la sua preghiera e pianto per ottenere a un uomo la grazia preziosa del pentimento. Al Getsemani, non solo i suoi occhi ma il suo corpo intero piangeva lacrime di sangue. La terra era impregnata di questa rugiada d’amore che Gesù versava su di essa per fecondarla. Gesù ha pianto spesso su di noi.

Il Vangelo non parla del suo sorriso; tuttavia ha sorriso spesso. Sorrideva a Maria, sua madre immacolata. Sorrideva all’innocenza dei bambini che gli si avvicinavano a frotte. Sorrideva ai discepoli, alla sera di giornate faticose, per riconfortarli e rallegrarli. Sorrideva alla sofferenza come a una sposa molto amata attraverso cui generava popoli di salvati e di eletti.

Ma il sorriso più dolce di Cristo, quello che riservava al Padre e di cui nessuno ha sorpreso la gioia, veniva la sera, quando Gesù si ritirava in solitudine a pregare: in quelle sere che venivano dopo un giorno in cui aveva perdonato, in cui aveva spezzato le catene ai prigionieri del male. E’ allora che viveva la gioia. E là, sotto la volta del cielo in cui scintillavano le stelle, di fronte al suo Padre dei cieli che lo stringeva con amore, sorrideva estaticamente, in un rapimento divino.

(more…)