Negletta, in certe guide, sete di luce

by

Veniamo, specie prima del Concilio Vaticano II, da secoli di visione in varia misura statica della fede. Gesù ha già rivelato, virtualmente, tutto. Ma possiamo dimenticare che egli ha affermato che lo Spirito ci condurrà alla verità tutta intera ricordandoci quello che (Cristo) ha detto. La richiesta della sapienza da parte del giovane Salomone viene lodata da Dio in modo così straordinario da poterci indurre ad osservare che è una richiesta forse rara persino nelle Scritture, sia antico che neotestamentarie. Da quella esperienza biblica possiamo imparare a chiedere anche la fedeltà. Infatti forse la sapienza rese la vita per certi versi così facile al re che poi allentò la vigilanza e si perse.

~

Vi è una sete che lungo il cammino potrebbe diventare sempre più la prima delle seti perché cerca il cuore stesso, divino e umano, di Gesù, il suo discernere, il suo sentire. È la sete della luce. Posso amare (o sentirmi amato) facendo involontariamente anche del male agli altri e a me stesso. La luce mi mostra l’amore meraviglioso, divino e umano, di Gesù, che scioglie ogni nodo, dona ogni vita.

~

La sete di luce mi orienta a cercare il suo cuore, il suo discernere, in ogni particolare. Mi orienta a stare con le orecchie sempre più tese per imparare da tutti. Ad andare in cerca della luce ovunque e da chiunque possa venire. A mettere ogni cosa, persino Cristo stesso, in discussione in Cristo, lasciandomi portare sempre oltre le mie visuali di lui, di me.

~

Si può persino parlare spiritualmente di seti lasciando quella di luce in una qualche penombra. Infatti si può trattare, appunto come forse nei fatti mostrano le stesse Scritture, di un dono talora rarissimo. Ecco la radice profonda di tutte le lentezze, le pavidità, le sordità, di tutte le strutturazioni e di tutti i conformismi culturali, spesso nemmeno avvertiti. La radice del dare per scontato persino Gesù, sovrapponendo a Dio, come egli stesso osserva, tradizioni e mentalità terrene.

~

La sete di luce si può aprire sempre nuovi varchi nel cuore dell’uomo. A lungo per esempio si può essere vissuta una sete tutt’al più spiritualistica di luce. Dunque una guida può ritenere di vivere una gran sete di luce. Se tale sete è sincera potrà nei tempi opportuni crescere rivelando varchi impensati. Oggi possiamo cominciare ad intuire più profondamente che la grazia è divina e umana in Cristo. Tutta l’umanità dell’uomo si può aprire più pienamente allo Spirito in quanto essa si rivela meglio via della sua (dello Spirito stesso) comprensione. Lo Spirito autentico non calpesta l’uomo ma lo orienta con delicatezza a crescere secondo il suo personalissimo, ben al di là degli schemi,

cammino. Prima al piccolo si riconoscevano possibili doni, intuizioni, spirituali. Ora che tutta l’umanità della persona è coinvolta ad un piccolo forse più pienamente potrebbe accadere di rinnovare tutta la vita, la cultura, la pastorale…

~

La relativa sete di luce può essere, tra le guide, il problema principale. Ossia, anche se ciascuno è giusto abbia il suo percorso, quella sete potrebbe a tempo opportuno sempre più tendenzialmente sbloccare ogni cosa. Eppure una sua certa assenza può essere tale che persino i profeti finiscono per andare poco oltre il dono ricevuto, stanno poco con le antenne tese, il più pronte possibile a captare qualsiasi segnale.

~

Dopo secoli di relativa staticità forse una chiave decisiva, per le guide, può essere una scuola di sete di luce. Una invocazione di questo dono determinante. Senza il quale anche in tempi di grazia, di rinnovamento, come questi potrebbe rivelarsi molto difficile passare dalle parole ai fatti, dalle pseudoélites all’ascolto e al coinvolgimento di ciascuno, dai conformismi alla ricerca del vero, da dovunque possa rivelarsi.

Se tutta l’umanità della persona, anche la sua mentalità, la sua cultura, si lasciassero tendenzialmente, nel profondo, mettere in discussione, cercassero di comprendere cosa vuol dire ciò, allora potranno esservi anche divergenze ma le vie dell’incontro in avanti, nell’Emmanuele, Dio con noi, sarebbero fondamentalmente spalancate. Forse non è un caso che questo tempo di grande grazia che la Chiesa sta sperimentando con papa Francesco segua non di molto l’istituzione dei misteri della luce nel rosario.

Annunci

Una Risposta to “Negletta, in certe guide, sete di luce”

  1. bioraffaella Says:

    Tutti noi abbiamo sete di luce, tutti noi abbiamo sete di Cristo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: